Torino-Empoli: quella “padellata” che frenò gli entusiasmi granata

Torino-Empoli: quella “padellata” che frenò gli entusiasmi granata

Il ricordo / Nella passata stagione dopo soli tre minuti arrivò l’autogol di Padelli che decise la sfida, nella quale però Glik e compagni non si resero mai pericolosi

2 commenti
Padelli,

Torino-Empoli l’anno scorso rappresentava il match valido per la 34° giornata e veniva recuperato mercoledì 6 maggio: un rinvio stabilito per non disturbare la sacra cerimonia del 4 maggio a Superga. E fu proprio in quell’occasione il tecnico Sarri portò i propri omaggi agli Invincibili.

Sa da un lato i toscani avevano ormai raggiunto una salvezza tranquilla attraverso il bel gioco dimostrato nel corso del campionato, i granata di Ventura erano reduci da sei risultati utili consecutivi e l’umore della piazza era alle stelle per il recentissimo ritorno alla vittoria nel derby. Il sogno Europa League era quindi più che mai acceso anche perché, ottenendo i tre punti contro i toscani, il Torino sarebbe arrivato in una posizione di vantaggio allo scontro diretto di Marassi contro il Genoa in programma nel turno successivo. Quella che poteva però essere la sfida-trampolino per l’Europa ha incredibilmente finito per trasformarsi in un incubo per il pubblico dell’Olimpico.

Torino-Empoli, Sarri, Empoli, Torino
Le parole del tecnico Sarri in visita a Superga

Nonostante le ottime motivazioni, la partita del Torino viene subito compromessa da un evento particolare: retropassaggio di Moretti verso lo specchio e Padelli, nel tentativo di allargare per prolungare il giro-palla, ‘sbuccia’ la sfera, con questa che finisce in rete tra l’incredulità del pubblico.

Una doccia gelata che bloccò letteralmente le gambe dei granata, i quali non riuscirono più a reagire davanti agli abbonati e ai ragazzini delle scuole calcio invitati alla sfida. Per la gara in questione, dopo i fatti del derby, fu inibita la vendita dei biglietti.

E dopo i torti subiti a Palermo, con quel gol annullato a Maxi Lopez dall’arbitro Gervasoni (lo stesso designato per la gara di questa domenica), la sconfitta interna contro i toscani spense definitivamente i sogni europei del Torino.

Una sfida, che per diversi motivi, è destinata a passare anche essa nella storia…

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

    Eh si un grandissimo portinaio……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cecio - 2 anni fa

    Questo sì che sarebbe uno da cambiare al volo!
    Ma purtroppo ce lo dovremo sorbire almeno fino a giugno…poi spero di cuore che A.Gomis gli prenda il posto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy