Torino, quella ripartenza letale: niente coperture preventive, Djidji che ingenuità

Torino, quella ripartenza letale: niente coperture preventive, Djidji che ingenuità

L’analisi dei gol / Andiamo ad analizzare ai raggi X le reti della gara di Coppa Italia tra i granata e la Fiorentina

di Marco De Rito, @marcoderito

Preoccupanti amnesie difensive per il Torino nel finale contro la Fiorentina. La difesa granata, nella prima metà di stagione, si è dimostrata solida, una tra le migliori del campionato (la quinta). Proprio il punto forte dei granata è però venuto meno contro la Fiorentina. Agli ottavi di Coppa Italia sono stati lapalissiani gli errori che hanno permesso alla Viola di chiudere con un secco 0-2. Le difficoltà sono iniziate con l’uscita di Nicolas Nkoulou (sceso in campo febbricitante); Lyanco – entrato al suo posto – è parso pagare la poca confidenza con le dinamiche di gioco dopo l’anno di assenza lontano dal campo. Djidji poi ha completato il quadro per essersi fatto superare troppo facilmente da Simeone in occasione del primo gol subito. Andiamo nel dettagli ad analizzare i gol subiti dal Toro.

IMG_3312

Da una situazione potenzialmente favorevole per il Torino, un calcio d’angolo, è partito un contropiede micidiale della Fiorentina. Il Toro era troppo sbilanciato in avanti, Simeone ne approfitta della sua velocità e riesce a saltare Djidji. Le marcature preventive – che era risaputo sarebbero state il tema difensivo principale contro i viola – sono saltate completamente in una situazione di parità che avrebbe portato ai supplementari. Poi è evidente l’errore dell’ivoriano che si fa bruciare sul tempo e non riesce a chiudere sull’avversario viola che è libero d’immolarsi verso la porta granata. Sarebbe bastato anche un fallo tattico; un’ammonizione sarebbe stata sicuramente ben spesa.

IMG_3314

Neanche Lyanco e Aina riescono a fermare il treno viola, a seguirlo un indisturbato Chiesa a centro area. Simeone prova la conclusione, Sirigu respinge. Il figlio di Enrico è però lasciato colpevolmente solo dalla difesa granata e, indisturbato, si fa trovare pronto per la ribattuta e segna il gol di vantaggio viola, con un tiro deviato da Djidji che comunque si insacca.

IMG_3315

Analoga la situazione della seconda marcatura dei viola, arrivata in pieno recupero, al 48′ della ripresa. La squadra gigliata recupera un ottimo pallone in difesa e viene effettuato un traversone lungo per Chiesa. Quest’ultimo parte in velocità sulla fascia sinistra (rispetto alla porta del Toro).

IMG_3316

Chiesa si fa le beffe di Lyanco. Il brasiliano cade in inganno sulla finta effettuata dall’attaccante. Il difensore chiude sulla destra ma Chiesa sterza sulla sinistra e si dirige verso la porta granata. Nulla può Sirigu, che cerca d’uscire per bloccare l’avversario. Chiesa con un tiro fulmineo chiude il match e decreta l’eliminazione granata dalla Coppa Italia.

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14103079 - 2 mesi fa

    Se Aina invece di rallentare e alzare il braccio per chiamare il fuorigioco avrebbe potuto chiudere prima su Simeone dopo il mancato intervento di Djidji. Anche Meite’ invece di corricchiare è guardare la partita poteva chiudere prima su Chiesa che era a 5 metri da lui. Manca cattiveria agonistica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bepmerlo4_10204832 - 2 mesi fa

    L’errore di Djidji e’ dovuto al ritardo con cui si e’ posizionato sulla traiettoria del Cholito, poi non poteva fare fallo perché ammonito, forse eccessivamente poco prima. Il finale di Toro Fiorentina ha ricordato la partita col Parma, evidenziando che la squadra non ha un gioco offensivo, ed infatti in casa fatica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 mesi fa

      Quindi visto che era amminito meglio lasciarlo andare tutto solo verso la porta.
      Ragionamento che non fa una grinza…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 2 mesi fa

    Sono due errori individuali grossi come una casa che hanno condizionato il risultato finale. Dopodiché abbiamo una signora difesa e va bene così… Il problema sarà sabato a Roma… Voglio proprio vedere cosa mandiamo in campp

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13722867 - 2 mesi fa

    magari non cambiava niente ma mi aspettavo lo spostamento di Izzo centrale almeno ma forse era troppo complicato x WM????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ottobre1955 - 2 mesi fa

    I limiti del Torino attuale non li abbimo scoperti ieri. I pareggi a Udine, Bologna, Cagliari, sconfitta in casa con il Parma sono state la spia che qualcosa non andava per il verso giusto. Poi gli acquisti di Soriano e Zazza, managgia a me ho rinnovato Sky per questi due che si sono rivelati acquisti non indovinati e io non capisco come sia posibile perchè sulla carta ero certo delle loro qualità,acquisti che ci dovevano fare il famoso salto di qualità ma così almeno fino ad ora non è andata.
    Si leggono tante trame sui desideri di WM che non sono stati esauditi, ma oggi è tutto pèiù difficile. Penso a Niang a quanto è stato pagato e fra 4 mesi lo riavremo in rosa. Ma chi contesta Belotti si rende conto di come gioca, non sta più in area è sulle fascie a centro area ieri c’era De Silvestri perchè? Siamo convinti che Berenguer giocatore poco più che normale da fascia medio bassa sia mifliore del Parigini visto in Under 21 o negli spezzoni di partita fatti perchè non è entrato? Lyanco si dice che è forte ma è fuori da un anno, non era meglio mandare lui a Ferrara e tenersi Bonifazzi perchè non si è tenuto? Poi se il mister non vede Edera e Lukic si può sapere perchè non vengono venduti e di due che non vanno ne potremmo avere uno che va bene. Insomma tanti perchè senza rsposta, Il Presidene ha le sue colpe, come il Ds ha responsabilità perchè non è sprovveduto, Sirigu, N’Koulou, Meitè Ola Aina e potri continuare. Alla luce di quanto visto ier è importante che l’ambiente, i tifosi, facciano quadrato e aiutino con il sostegno la squadra i processi prima o dopo si fanno e li non ci saranno sconti di pena per nessuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. suoladicane - 2 mesi fa

    come ho scritto in un altro post sono stati gestiti male i cambi
    intanto se il giocatore sbaglia è giusto farglielo notare
    poi però mi chiedo perchè fare giocare un elemento non al top come nkoulo e sostituirlo quasi alla fine? magari la sostituzione l’avesse prima non staremmo a parlare di questo risultato
    Pioli ha spaccato la partita con le sostituzioni, ed infatti il merito del primo goal è tutto di Simeone che è entrato al 18′ del st ed ha avuto modo di entrare bene in partita e prendere le misure agli avversari;
    all’infortunio di baselli io avrei fatto entrare o edera o parigini per provare a spaccare il ritmo era il 23′ o 25′ il tempo c’era; se si fanno sempre e solo calcoletti speculativi sul filo dei tre minuti per arrivare ai supplementari o provare a fare goal all’ultimo minuto con il calcio di oggi ti fregano, ed a noi non è la prima volta che capita, giustamente il calcio premia anche il coraggio, che il ns. mister non ha quasi mai.
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 mesi fa

      Ti sembra normale concedere un uno contro uno all’87:?
      Dove sta il “merito” di Simeone se gli abbiamo concesso di trovarsi da solo contro djidji?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ardi - 2 mesi fa

    Ogni volta che proviamo ad attaccare oltretutto senza gioco poi prendiamo gol in contropiede per mancanza di marcature preventive. Ottimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 mesi fa

    ahahahha @Hagakure varda si’:
    bellissima (direttamente dal sito degli accontentisti:

    scontent.fyvr4-1.fna.fbcdn.net/v/t1.0-9/49947803_983228218543040_6572998171474001920_n.jpg?_nc_cat=108&_nc_ht=scontent.fyvr4-1.fna&oh=93fe074167d88eead9e4361c30ad1501&oe=5CB4C76F

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 2 mesi fa

      Ho provato a copire l’indirizo ma mi dà “La ricerca di – scontent.fyvr4-1.fna.fbcdn.net/v/t1.0-9 … – non ha prodotto risultati in nessun documento.”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 mesi fa

        devi semplicemente copiare tutto e incollarlo sul browser

        scontent.fyvr4-1.fna.fbcdn.net/v/t1.0-9/49947803_983228218543040_6572998171474001920_n.jpg?_nc_cat=108&_nc_ht=scontent.fyvr4-1.fna&oh=93fe074167d88eead9e4361c30ad1501&oe=5CB4C76F

        comunque viene dal sito degli accontentisti, quindi lo puoi trovare i insieme ad altri migliaia.
        Copia e incolla questo sul browser:

        facebook.com/Accontentisti-buonisti-e-perdonisti-447245995474601/

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Hagakure - 2 mesi fa

          Perfetto…grazie HIC, adesso “ho visto la luce”…!!! :-)

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 mesi fa

      basta cercare su google “accontentisti buonisti e perdonisti” lo trovi, ogni giorno ci sono vignette esilaranti sul toro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. pepe - 2 mesi fa

    carissimo hagakure, per il testa di ghisa non sono d accordo
    Sono d accordo invece che o si valorizzano i giovani o si acquistano giocatori ch corrono e che mettono fisicità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 2 mesi fa

      Carissimo pepe, l’errore della maggior parte di noi Tifosi sta proprio qui: pensiamo che, per correre ai ripari, basti inserire un trequartista, oppure comprare giocatori, conosciuti o meno, bolliti o meno, pallini o meno, che siano in grado di dare stabilità fisicità, spessore, sostanza, ecc al gioco e alla squadra.

      Non si parte mai dal tetto per costruire una casa solida e duratura nel tempo, bensi dalle fondamenta, che sono la base fondamentale per sostenere il tutto.

      Dunque si dovrebbe cominciare con il licenziare Comi, Petrachi e Barile e al loro posto inserire Zaccarelli, Bava e Pulici (o Graziani, o Claudio Sala), dopodichè impedire qualsiasi iniziativa a bracciamozze lasciando a queste tre figure l’onere di “costruire” la squadra, partendo dall’allenatore, dagli acquisti “mirati” e da un progetto serio di valorizzazione dei Giovani, mantenedo in prima squadra i migliori, facendoli crescere nella giusta maniera e dando loro minutaggio e fiducia, nonchè trasferendo a squadre esterne gli altri, ma con contratti che contengano almeno un minimo premio di valorizzazione dopo un tot di partite intere giocate, al fine di “convincere” la squadra che li ospita, a farli giocare con continuità e raziocino, proprio per valorizzarli e farli tirnare a casa più completi e maturi.

      E’ così che si comincia e si creano i presupposti per una Grande Squadra: partendo dalle fondamenta, vale a dire dai quadri dirigenziali fondamentali.

      Secondo te, bracciamozze, al quale del Toro non gliene fotte un accidente, accetterebbe questa “rivoluzione costruttiva”…????

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Hagakure - 2 mesi fa

    L’avessero fatto Edera o Parigini, li avrebbe messi entrambi in tribuna per il resto del campionato.

    Bravo testadighisa, tu sì che sai come si “valorizzano” le risorse..!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy