Torino-Fiorentina 1-2, la moviola: disastro-Gavillucci, il Var lo salva

Torino-Fiorentina 1-2, la moviola: disastro-Gavillucci, il Var lo salva

Moviola / Gli episodi arbitrali più discussi del 28° turno di Serie A tra Torino e Fiorentina

di Nicolò Muggianu

Gavillucci sbaglia tutto, il Var rimedia. Si conclude con un 1-2 ricco di rabbia e polemiche il match, valevole per la 28° giornata di Serie A, tra il Torino di Walter Mazzarri e la Fiorentina di Stefano Pioli. Come anticipato, il direttore di gara designato per l’incontro dell’Olimpico Grande Torino era Claudio Gavillucci della Sezione AIA di Latina. Il fischietto laziale, coadiuvato rispettivamente dagli assistenti La Rocca e Bresmes è stato autore di alcune chiamate completamente errate, poi prontamente corrette dall’incaricato Var Chiffi. Andiamo ad analizzare più da vicino gli episodi chiave del match.

Passano appena 6′ e Gavillucci compie già il primo strafalcione della serata: Simeone si lascia cadere in seguito a un presunto contatto in area con Moretti. Il direttore di gara non ha dubbi e indica immediatamente il dischetto del rigore. Il numero 24 del Torino confida nell’onestà intellettuale del Cholito che però non ammette il misfatto. Arriva allora il silent check: nonostante i problemi tecnici, dalla postazione Var il signor Chiffi consiglia al collega di andarsi a rivedere le immagini. Il replay non lascia dubbi: il contatto non c’è, Simeone si lascia cadere. Gavillucci torna sui suoi passi e annulla tutto: si riparte con una palla scodellata per Sirigu. Sorprende come non sia arrivata l’ammonizione per simulazione ai danni del giocatore Viola.

Un quarto d’ora più tardi la scena si ripete: De Silvestri sfiora con l’avambraccio una conclusione ravvicinata di Biraghi. Gavillucci non ravvisa alcuna irregolarità. Le proteste non mancano e, in seguito alla chiamata del collega, il direttore di gara decide di consultare nuovamente l’assistenza video: la deviazione irregolare c’è, è calcio di rigore. Analizzando le immagini resta qualche dubbio: al momento della conclusione il giocatore granata si trova molto vicino all’avversario. Veretout mette d’accordo tutti e dagli undici metri si fa ipnotizzare da Sirigu. Si resta sullo 0-0.

L’episodio che decide il match arriva al 93′: Biraghi mette al centro una palla pericolosa che viene intercettata con il braccio da Ansaldi. Gavillucci fa continuare ma, in seguito all’ennesima segnalazione dalla postazione Var, va a ricontrollare l’episodio. La mano del terzino granata è larga: è penalty. Thereau dagli 11 metri non sbaglia e regala i tre punti alla Fiorentina. Per il direttore di gara di Latina un pomeriggio disastroso e completamente da dimenticare: la sua valutazione sugli episodi decisivi del match è costantemente sbagliata, solo il Var gli permette di salvare il salvabile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy