Torino-Fiorentina 2-1, il braccio di Iago è in posizione naturale. Su Belotti era rigore

Torino-Fiorentina 2-1, il braccio di Iago è in posizione naturale. Su Belotti era rigore

La moviola di TN / Calvarese tra luci ed ombre: bene gli assistenti sui fuorigioco, nel finale mancano due penalty nella stessa azione al Gallo

3 commenti

Partita dura e difficile da gestire per Gianpaolo Calvarese, aribitro di Torino-Fiorentina, sia dal punto di vista dei contrasti sia da quello degli episodi: nel primo caso il fischietto di Teramo ha tenuto un metro duro, lesinando i cartellini quando forse poteva essercene bisogno, come accade nel 17′ del primo tempo a Rossettini, reo di avere fermato Borja Valero in maniera dura e in ritardo, peraltro a pochi minuti da una prima infrazione sempre sullo spagnolo.

Proteste di Sousa sul gol del vantaggio granata, con Iago Falque che, dopo un rimpallo, si vede la palla carambolare prima sul corpo e poi sulla mano. La posizione innaturale del braccio – che ha di recente sostituito la volontarietà come criterio di assegnazione del fallo – è da escludere, così come il pensiero che il calciatore abbia potuto processare  così in fretta tutte le variabili e guadagnando in maniera scorretta dalla situazione di gioco. Bravi gli assistenti nelle chiamate di offside: sempre nel primo tempo il palo di Kalinic sull’uscita di Hart è viziato da un fuorigioco ben notato dall’assistente, molto attento in questo genere di situazione. Al 36′ è giusto il giallo per Castan, che ferma ancora Borja Valero in ripartenza.

FC Torino v ACF Fiorentina - Serie A

Nel secondo tempo giuste le ammonizioni sanzionate a Sanchez e Salcedo, mentre andava fermato Borja Valero per offside sul tiro che ha impegnato Hart. Giusto invece non fermare Benassi nell’azione del raddoppio granata, visto che Iago Falque lo pesca con i tempi giusti e Tomovic sale in ritardo, consentendo all’Under 21 di battere a rete. Sbagliato, invece, non dare rigore su Belotti al termine del match: il Gallo ne avrebbe meritati due nel giro di pochi secondi, il primo, più netto, per il contrasto di Milic, il secondo per una spinta di Zarate. Volendo essere maliziosi, il volere restare in piedi a tutti i costi non ha fatto il gioco dell’attaccante granata, ma questa voglia di lottare in un giocatore del Toro è ciò che piace di più.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. robert - 2 mesi fa

    i giocatori del Toro devono fare come tutti gli altri giocatori.Se c’è il fallo devono cadere e non rimanere in piedi.Questa è pura ingenuità.Se rimani in piedi dai un alibi all’arbitro per negarti il rigore mentre se cadi carichi la responsabilità all’arbitro.Sinisa,fai una lezione di psicologia ai giocatori e buona fortuna !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gatsu7_903 - 2 mesi fa

      ti ricordo che è proprio per questo che ci sono tanti errori arbitrali, visto che tutti si lasciano cadere come foglie al vento, ce ne vorrebbero come lui e dall’anno prossimo queste cose varranno ancora di più quindi ben vengano i giocatori onesti e determinati a vincere come il gallooo….
      QUESTA è L’ANIMA DELLO SPORT E NON VA CANCELLATA

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Alberto Fava - 2 mesi fa

      robert, non sono d’accordo.
      I Quadrado lasciamoli alla juve, noi teniamoci stretti i veri uomini come Belotti.
      FVCG.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy