Torino-Fiorentina: difesa ordinata, ma quella svista…

Torino-Fiorentina: difesa ordinata, ma quella svista…

Analisi / La retroguardia granata regge l’urto Viola per 84 minuti, e concede un gol a causa di una incomprensione tattica: il lavoro sarà direzionato ad evitare questi episodi

Il Torino ha sconfitto la Fiorentina per 2-1, allo stadio Olimpico Grande Trino, che è ormai diventato una sorta di fortezza granata, grazie ai tre successi e al pareggio ottenuti in questo inizio di campionato. Nella sfida contro la squadra Viola sono emersi tanti dati importanti, con la squadra di Mihajlovic che  ha concesso poco agli avversari e approfittando delle occasioni arrivate nel corso del match per mettere in cassaforte il risultato e portare a casa il massimo del bottino. Analizzando ogni reparto, però, occorre fare delle precisazioni riguardo alla prestazione del Toro.

ORDINE – Partendo dalla difesa del Torino, si è potuto notare che la squadra di Sinisa Mihajlovic ha gestito bene la partita, arginando spesso e volentieri mine vaganti come Bernardeschi (molto spesso pericoloso con le sue incursioni in area di rigore con la palla al piede), Kalinic – che ha avuto solo una chiara occasione, in cui ha colpito in pieno il portiere Joe Hart, posizionato nel modo giusto al momento giusto – e Borja Valero. Tirando, quindi, delle somme generali, si può dire che la retroguardia granata abbia effettuato una prestazione ordinata, evitando di incorrere in errori fatali, peccando una sola volta…

FC Torino v ACF Fiorentina - Serie A

CONFUSIONE – La formazione di Mihajlovic ha avuto soltanto un vero e proprio momento di confusione, in cui la fiorentina è riuscita a trovare il gol e a riaprire (inutilmente) la partita. L’errore, come ha anche precisato lo stesso tecnico serbo in conferenza stampa, è stato causato anche da un cambio tattico nella Fiorentina, quando è subentrato Babacar: i difensori granata, abituati a gestire una punta singola, Kalinic, hanno difeso male in occasione del cross di Milic, con Rossettini che ha perso lo stesso Babacar, mentre Castan è rimasto tra i due attaccanti Viola, permettendo quindi il colpo di testa dell’attaccante senegalese.

Perciò, come monito e punto su cui lavorare c’è proprio questa svista, che in altre circostanze avrebbe potuto avere un peso decisamente differente sul risultato finale, al contrario di quanto è successo domenica, con i granata che sono riusciti comunque a portare a casa i tre punti.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alberto Fava - 2 mesi fa

    Leggo i commenti sotto.
    Condivido abbastanza quello di sysma, spero abbia cambiato idea sul Mister.
    Per il resto penso che siamo più che a posto, Zappacosta sta venendo fuori alla grande e stiamo aspettando Baselli ed il ritorno di Maxi.
    Poi saranno veramente fuochi artificiali per tutti !
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. sysma_558 - 2 mesi fa

    Sarà un caso, ma per me non lo è per un paio di ragioni, ma il toro ha cambiato faccia quando sono entrati tra i titolari Barreca e Boye in concomitanza con la crescita e il ritorno a buoni livelli di Castan.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. rokko110768 - 2 mesi fa

    Manca un centrale forte. Bovo è bravo ma non può fare il titolare per tutta la stagione, Rossettini è un buon mestierante ma non l’uomo su cui centrare tutta la difesa. Il centrale ed il terzino sinistro riserva di Barreca sono le 2 mosse per inizio Gennaio. Da valutare infine se Maxi Lopez è utile alla causa o se necessario prendere un buon cambio per l’insostituibile Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RobyMorgan - 2 mesi fa

      Maxi io lo terrei

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Orso Granata - 2 mesi fa

        Valuterei anche l’inserimento di un buon centrocampista, data la nota fragilità di Obi e la non più verde età di Vives.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy