Torino, ecco la “parte destra” della classifica: che sia la spinta per ripartire

Torino, ecco la “parte destra” della classifica: che sia la spinta per ripartire

La graduatoria / Dopo un ottobre sottotono ora la classifica non sorride più: bisogna invertire la tendenza, il tempo c’è

7 commenti
Acquah formazioni Torino convocati, Torino-Roma

Le aspettative di grande scommessa della Serie A e l’inizio scoppiettante di stagione avevano proiettato ad inizio campionato il Torino sotto i riflettori mediatici e nei piani nobili della classifica: prima della partita con il Chievo i tifosi granata avevano addirittura assaporato il sogno di vivere una notte da capolista. Poi è arrivato un ottobre ben al di sotto delle aspettative – 2 punti in 5 giornate – e i granata si sono incagliati contro le prime asperità dell’anno, con il risultato di ritrovarsi, dopo la beffa nel derby, fuori dalla parte sinistra della classifica, l’orizzonte ideale verso cui Ventura ha sempre diretto il suo processo di crescita.

Maxi Lopez impegnato nell'ultimo derby giocato dal Torino
Maxi Lopez impegnato nell’ultimo derby

C’è da sottolineare che l’attuale posizione del Toro è anche causata da un campionato ancora molto incerto ed equilibrato, dove nessuno ha preso ancora il largo in vetta e dove le squadre si stanno togliendo punti a vicenda, con la conseguenza di una graduatoria molto corta nella quale Glik e compagni distano ancora solo tre punti dalla zona Europa League. L’apparenza, dunque, non inganni: il Torino non lottava per la Champions un mese fa e non è proiettato verso la retrocessione ora. Il momento sfavorevole è semplicemente frutto di un calo prevedibile del rendimento granata, anche a causa di un calendario squilibrato.

La parte destra della classifica, quindi, non deve essere oggetto di rammarico per l’ambiente, ma anzi stimolo per riprendere una corsa che, tra episodi, ingenuità e sventura, si è arrestato proprio quando pareva avviato al meglio. Le partite da giocare, però, sono ancora 27, e l’unica classifica che conterà, alla fine, sarà quella del 15 maggio.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pazko - 1 anno fa

    Mancano otto partite alla fine del campionato, e dobbiamo incontrare, non so se in casa o fuori e in quale ordine, Atalanta, Bologna, Udinese, Empoli, e queste sono abbordabili, oltre a Inter, Napoli, Roma, Sassuolo, e queste ultime 4 sono difficili. Se vinciamo tre partite e n pareggiamo n’a, con 10 punì hi udiamo già meglio dello scoro anno, siamo induci osi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ex calciatore - 1 anno fa

    Andate a rileggervi cosa avevo scritto dopo Carpi e domenica prossima si replica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabius - 1 anno fa

    Purtroppo secondo me questa è una squadra che quando ha tutti i giocatori titolari in forma può giocare bene e mettere in difficoltà chiunque, diversamente succede quello che è accaduto nell’ultimo mese.
    E la partenza con 3 vittorie penso che abbia illuso un po’ tutti (tecnico e giocatori) di essere di un livello superiore alla realtà.
    E comunque, errori dei singoli a parte, bisogna migliorare la mentalità (approccio e finali di partita) ma queste secondo me è un limite di Ventura

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jon1_53 - 1 anno fa

      si ma un conto è qualche assenza qua mancano e son mancato 6 7 uomini sempre ogni domenica….la viola senza 7 uomini avrebbe fatto il nostro percorso idem milan e

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pimpa - 1 anno fa

    calo prevedibile,calendario squilibrato,ingenuità e sventura.
    Questi commenti iniziano a innervosire,non poco e non soltanto me,a quanto pare.
    E’ possibile che chi dovrebbe dare segno di acume,competenza e obiettività,scada in commenti di una incompetenza o parzialità stucchevole?
    E non si dica che il tifoso del Toro è per definizione un bastian contrario,per favore,perché i limiti della nostra squadra sono evidenti a chiunque capisca solo poco di calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jon1_930 - 1 anno fa

      il tifoso del toro è peggio del bastian contrario….il calo è legato a mille assenze…e il fatto ch emolit non lo ammettano dice tanto….avessimo avuto peres a carpi e col milan pensi non avremmo vinto? dietro siamo contati e giocano 2 di 35 anni….leva rodriguez borja valerio e kalinic alla viola e poi ne riparliamo….la verità che all ‘inizio abbiamo dimostrato una forza notevole, anche in svantaggio abbiamo sempre ribaltato facilmente, poi gli infortuni a catena ci hanno tolto sicurezza e cambi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. angelboy79 - 1 anno fa

    Sì tanto nella migliore delle ipotesi al 15 maggio avremo la classifica dell’anno scorso…il problema è che se non facciamo almeno 20 punti nel girone di andata ci toccherà addirittura faticare post salvarci…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy