Torino-Genoa 2-1, Murgita: “La rimonta subita qui? Un film già visto…”

Torino-Genoa 2-1, Murgita: “La rimonta subita qui? Un film già visto…”

Conferenza / Il tecnico rossoblù al termine del match

di Redazione Toro News

Al termine della gara tra Torino e Genoa, Roberto Murgita (vice di Ivan Jurić) si presenta davanti ai giornalisti per commentare la gara. Ecco le sue dichiarazioni: “I due gol presi sono arrivati su situazioni strane. Nella prima occasione secondo me Rincon fa fallo. Romero sicuramente sbaglia, ma secondo me l’intervento di Rincon è fallo. E poi il secondo gol preso è una situazione paradossale. Dovevamo solo arrivare all’intervallo e sarebbe stata, sull’1-1, un’altra partita”.

Piatek non ha preso bene il cambio: “E’ una scelta che ci può stare. Rinunciare ai nostri attaccanti ci ha svantaggiato perchè davamo sempre l’impressione di potergli fare male. Ma dopo l’espulsione di Romulo ci serviva una partita di sofferenza e abbiamo fatto quella scelta. Nel finale abbiamo fatto entrare Pandev e Lapadula per trovare ultimo passaggio e situazioni più ficcanti. Ma non ci siamo riusciti”. 

Ancora il tecnico: “Nel secondo tempo il Torino ci ha messo in difficoltà sì, ma solo su ripartenze. Noi eravamo stanchi per il derby, poi loro in mezzo al campo hanno “animali” forti fisicamente e stargli dietro è difficoltoso“.

Lapadula, a partita appena finito, si è tolto la maglia e l’ha scaraventata per terra. “Non ho visto la scena, sicuramente sarà stato arrabbiato per non avere segnato, immagino ci tenesse a lasciare un segno. Da lui ci aspettiamo quello che vediamo in allenamento, e cioè segnali di rinascita”.

Ma cosa è successo in quel finale di primo tempo? “Sono le cose imponderabili del calcio. Ho vissuto la stessa cosa qualche anno qua in questo stadio, una sconfitta bruciante per i gol di Immobile e Cerci. Stavolta è successo nel primo tempo ma mi è parso un deja vu. Son quelle cose imprevedibili e imponderabili, difficili da spiegare”. 

La classifica non è bella: “Ci preoccupa. Senza determinazione non ne usciremo fuori”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy