Torino, granata alla prova del test di Léger: Zappacosta il migliore, male Maxi

Torino, granata alla prova del test di Léger: Zappacosta il migliore, male Maxi

Dalla Sisport / Conetti, beep e tanta corsa: l’esterno arriva fino alla fine, l’attaccante si ferma dopo cinque livelli

4 commenti
Derby

È uno dei test più utilizzati in tutto il mondo dello sport, e anche all’interno del calcio: il test di Léger è dal 1983 un ottimo indicatore della forma fisica di un atleta, qualunque sia il suo ruolo. Esso, infatti, viene utilizzato anche dagli arbitri nella preparazione fisica che li porta ad iniziare la stagione.

Oggi, quello che per molti è un lungo supplizio è toccato agli uomini di Ventura, chiamati a sottoporsi a questa prova di resistenza al termine dell’allenamento a porte aperte andato in scena in Sisport (che vi abbiamo raccontato in diretta QUI). Non certo la condizione fisica ideale per affrontare il test, con due ore di corsa già sulle gambe, ma comunque una buona indicazione sulla forma fisica dei giocatori.

Due coni, disposti a 20 metri l’uno dall’altro, è un altoparlante che scandisce beep sempre più vicini, mano mano che il tempo passa. Necessario accelerare il passo per mantenersi in ritmo, pena l’esclusione dalla gara. Tra i granata, il migliore è stato Zappacosta, l’unico di tutta la rosa – esclusi portieri e Gazzi, che non hanno preso parte al test – ad arrivare fino al termine della prova, ribadendo le sue grandi capacità aerobiche e di corsa. Peggio di tutti, invece, Maxi Lopez, che si è fermato al quinto livello, salutando per primo la compagnia. Non per questo c’è da preoccuparsi delle condizioni fisiche dell’argentino, che proprio a inizio 2016 ha iniziato un programma personalizzato per ritrovare la migliore condizione in vista della seconda metà di campionato. Certamente, però, la coscienza che la strada da recuperare sui compagni c’è ancora. I miglioramenti andranno testati in futuro, magari proprio su un altro test di Léger.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Michele Nicastri - 1 anno fa

    Che degli atleti professionisti non arrivino alla fine del beep test è scandaloso!! Ci arrivo io a 40 anni suonati!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Seagull'59 - 1 anno fa

    Preparatore fisico-atletico: per quale ragione o strategia il sig. Maxilopes abbiamo aspettato fino ad inizio 2016 prima di “metterlo in forma per la seconda metà del campionato”??? tra 10 giornate sarà tutto finito…ma in splendida forma per i tornei estivi…di birra e anguria però!
    Il resto della truppa e’ piuttosto sulle ginocchia, anche se giocano solo e soltanto le partite di campionato: fanno solo quello è sono in queste condizioni da zombie? Ma ve le ponete le domande o avete sbagliato mestiere?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. aterreno - 1 anno fa

    Lopez e’ il nuovo Amauri, Amauri era il nuovo Barreto.
    Mi chiedo quando avremo una rosa senza pesi morti.

    Peccato, ha una gran classe, ma non ci sta proprio con la testa/impegno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 1 anno fa

      Per lui il calcio viene dopo la gnocca, la birra e le sigarette. Continua a giocare proprio perché ha una gran classe. Se non avesse avuto tanti grilli per la testa a quest’ora probabilmente avrebbe fatto tutt’altra carriera. Peccato. A questo punto avergli rinnovato il contratto mi sa che non è stata una gran mossa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy