Hart: “Avevamo bisogno del pareggio di Pescara. Sono grato al Toro”

Hart: “Avevamo bisogno del pareggio di Pescara. Sono grato al Toro”

Protagonista / Il portiere granata: “Abbiamo bisogno di tempo, ma siamo uniti. Guardiola? Non puoi piacere a tutti. Qui pensavano sarei potuto essere d’aiuto”

6 commenti

Sereno e pronto a nuovi obiettivi. Così appare Joe Hart dopo un mese circa dal suo arrivo a Torino: “Veniamo da grandi risultati” ha dichiarato il portiere all’Observer, domenicale di proprietà del Guardian “come quelli con Roma e Fiorentina, senza dimenticare la trasferta di Pescara, pareggiata 0-0 in undici contro nove. Non è stata una grande notizia per nessuno, ma lo è stata per noi. Ne avevamo bisogno. Quest’anno sono arrivati molti nuovi giocatori – me incluso – e un nuovo tecnico, per cui ci vorrà tempo prima di essere al meglio, ma qui siamo uniti e compatti. Mi piace”.

L’estremo difensore torna poi sulla sua scelta estiva di tornare al Torino: “Il calcio è un gioco di opinioni: qualcuno crede che sia bravo, qualcun altro pensa che io sia inutile. Ho dovuto pensare a me stesso. Molti parlano, ma io ho dovuto pensare a me stesso. Al City avevo una situazione in cui non avrei giocato, quindi ho dovuto guardare altrove, un posto dove qualcuno pensava sarei potuto essere d’aiuto”.

Hart continua: “Non si tratta di decisioni coraggiose o meno. Sarò onesto, non avevo 25 proposte sul tavolo, non avevo molto tempo, ma il Torino è stato una buona scelta per me, mi stimolava l’idea di giocare in Serie A. Mihajlovic ha messo in chiaro che mi voleva davvero per giocare nella sua squadra, e questo per me era abbastanza. È stata una buona decisione, a prescindere da come andrà la stagione. Ma sono grato di questa occasione. Ora sono al Toro, con grande impegno verso la società e verso la stagione, ci sto mettendo tutto me stesso. Non so se al City mi osservino, al momento la mia attenzione è sulla squadra granata. Non sono realmente interessato nel cambiare l’opinione di Guardiola, non posso piacere a tutti, è una cosa che ho imparato praticamente subito. Per quanto uno si sforzi di apparire alla grande agli occhi tutti, non potrà mai uscire vincitore”.

FC Torino v ACF Fiorentina - Serie A

E Hart certo non vuole fermarsi ora: “Devo migliorare ogni momento perché sto ancora imparando. Adoro cercare il miglioramento, che giochi in Sunday League (i più bassi livelli di calcio amatoriale inglese, ndr) o in Serie A. La lingua? Già al City, visti i tanti stranieri, non potevo parlare il mio inglese naturale, quindi la comunicazione è un aspetto su cui ho sempre lavorato. Ora sono Italia, è diverso, ma tutti apprezzano il mio sforzo.”

Il portiere chiude con considerazioni sulla nazionale inglese: “Il mio posto è sempre stato in discussione. Dobbiamo creare un’identità di squadra, per capire le cose buone e meno buone che facciamo”.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. DESMOSTE - 2 mesi fa

    Premetto che sono juventino.
    Faccio i miei complimenti al Toro per la campagna acquisti e per aver ingaggiato Hart, portiere di livello internazionale. Penso che sia la società che il giocatore ne beneficeranno (molto) e penso anche che Hart potrebbe anche rimanere al Toro con la qualificazione alle coppe.
    L’unica cosa che vi manca è un centrale di livello da affiancare a Castan.
    Buon campionato!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. VecchiaQuercia52 - 2 mesi fa

    Joe hart è davvero un signore, niente da paragonare con quello sciocco mercenario di Maximovic.

    La possibilità di raggiungere un piazzamento da EL sarà certamente un banco di prova molto importante per la nostra rosa e uno stimolo per Hart a restare ancora un altro anno in prestito, magari a condizioni economiche diverse. Per ora il problema dei portieri è tamponato, ma occorre prima possibile capire il futuro di Hart rispetto al Toro. altrimenti, con Padelli che ci lascerà a giungo 2017 e senza un vero portiere in rosa, occorrerà cercare un altro bravo di livello internazionale prima possibile.

    Gomis e Ichazo non sono all’altezza della situazione, anche perchè per ora non stanno mostrando nulla, anche per infortuni subiti. In attesa di vedere sbocciare i nostri bei portierini della primavera.

    Forza Hart!

    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. toroscatenato - 2 mesi fa

    ammetto che sono stato molto contento quando ad agosto ho capito che si poteva concludere! certo allora avrei preferito forse un investimento a lungo termine più sicuro ma rispetto alle opzioni che c’erano sul tavolo (viviamo non mi ha mai convinto, sirigu credo non si amai stato veramente sul punto di venire) credo sia stato un bellissimo colpo!
    che rappresenta un altro elemento di discontinuità col mantra del passato di GPV: la crescita…va bene la crescita del club, ma Joe e gli altri acquisti e il nuovo mister Mija rappresentano il cambio di marcia! dal percorso infinito a ORA E SUBITO!!!
    ora, a parte le similitudini tra city e toro (e gli alter ego utd e gobbi) che sicuramente aiuteròJH a entrare nello spirito del toro, credo fermamente che un ingresso in europa sarebbe il grimaldello decisivo per farlo restare ancora
    e dato che l’appetito vien mangiando e che una volta che il toro ti entra dentro non lo lasci più..sono convinto che ne faremo tante e delle belle con Joe tra i pali!
    kaaammooooonnnnnn!!!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gab_bo - 2 mesi fa

      Diversi milioni arriveranno nelle casse a giugno. Non la reputerei una follia pensare di spenderli per Hart se continuerà a giocare come ha fatto finora. Ma purtroppo io non sono il patron del toro. E comunque tutta sta somiglianza col city odierno non è che la veda tanto, non ci hanno ancora comprato gli sceicchi (e forse è meglio così).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. The Mtrxx - 2 mesi fa

    Che grand’uomo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fabrim7_686 - 2 mesi fa

    Grande JOE, continua così!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy