Torino, i dati parlano chiaro: la media gol di Quagliarella in Serie A mai così elevata

Torino, i dati parlano chiaro: la media gol di Quagliarella in Serie A mai così elevata

Approfondimento/ L’attaccante napoletano, che era stato oggetto di critiche nel suo periodo di digiuno dal gol, ha ripreso a pieno regime e con questa media potrebbe superare il suo record di gol nella massima serie

 

Che il Toro abbia superato le difficoltà di inizio stagione sembra ormai sotto gli occhi di tutti. Le quattro vittorie e i nove risultati utili consecutivi hanno permesso ai granata di abbandonare le zone basse della classifica per avvicinarsi addirittura alla zona Europa League, scacciando i malumori. Certo il campionato è lungo ed è ancora prestissimo per parlarne, tuttavia un dato sembra emergere: l’attacco ha finalmente cominciato ad ingranare. Otto gol nelle ultime due partite e 25 totali. Tenendo conto che fino a poche settimane fa era uno dei reparti meno prolifici d’Europa e il peggiore della Serie A, la svolta sembra essere arrivata. Il merito è certamente anche di Fabio Quagliarella, autore di nove gol e sesto nella classifica cannonieri. Una tradizione che, per il secondo anno di fila, sembra confermare il bel feeling dei bomber con il gioco di Ventura.

I NUMERI – L’attaccante napoletano ha girovagato per l’Italia accumulando molte esperienze calcistiche. Ovunque è passato, è riuscito a lasciare un segno positivo contribuendo alla causa con i suoi gol. Il suo record di gol in Serie A è 13 realizzazioni, ottenuto con la maglia della Sampdoria (2006-2007) e uguagliato con quella dell’Udinese (2008-2009).In blucerchiato totalizzando 35 presenze, ad Udine invece 36. Facendo i conti, quindi, la media gol più elevata raggiunta in carriera (non prendendo in considerazione le partecipazioni alle coppe) è 0,37 a partita. Nelle sue esperienze successive, a Napoli e a Torino sponda bianconera, pur disputando stagioni ad alto livello e giocando con regolarità, non è mai riuscito a superare questa media in campionato. Il record di gol in una sola stagione di A con la maglia azzurra è infatti 11, mentre con la Juventus è di 9 gol. Tutto questo discorso, tradotto, porta ad una conclusione: Quagliarella ha finora segnato 9 reti in 22 presenze, il che vuol dire una media di 0,41 gol a partita nella sua seconda esperienza con la maglia granata addosso.

SUPERARE SE STESSO –  Un dato che può sembrare anche di poco conto, ma non lo è. All’età di trentadue anni l’attaccante sta attraversando un periodo di forma che potrebbe portare, proseguendo su questa linea, alla sua migliore stagione in Serie A. Dati che fanno riflettere su quanto la cura-Ventura funzioni. Non che le doti tecniche di Quagliarella fossero in dubbio, ma evidentemente il tecnico riesce a tirare fuori il meglio dai suoi giocatori. Nella speranza che l’attaccante napoletano continui a trascinare i granata a suon di gol, i tifosi si godono un giocattolo che sembra finalmente aver ingranato appieno. D’altronde, i record sono fatti per essere battuti, e Quagliarella non deve porsi limiti. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy