Torino, necessario cambiare per ripartire

Torino, necessario cambiare per ripartire

La lavagna tattica / L’arrivo d’Immobile non risolverà tutti i problemi, ci vogliono velocità e geometrie in mezzo. E occhio al Frosinone

3 commenti
Ventura

Il ritorno di Ciro immobile, certo molto gradito, nasconde anche qualche ombra: primo, può essere interpretato come un segnale di conferma che la fiducia in Belotti va scemando. L’ex Palermo ha certamente bisogno di tempo, ma il bomber campano potrebbe prenderne il posto. Il suo è senza dubbio un ritorno importante, che si prevede faccia bene, ma nel calcio le aspettative non vanno tradite, come sta succedendo, finora, con Belotti stesso.

Secondo, l’entusiasmo per l’arrivo del gemello del gol non deve servire a nascondere i difetti di questo Torino: ci vuole anche una mano a centrocampo. Una buona scelta sarebbe stata quella di Diamanti, ormai accasato all’Atalanta, che come Immobile si gioca le ultime chance per un posto agli Europei. In queste settimane si è ormai reso chiaro che tutti sanno come giocare contro il Torino. Ventura deve provare a creare qualcosa di nuovo: l’ex Fiorentina avrebbe potuto dare il suo apporto. I nomi che circolano, come Kone, potrebbero non avere la qualità per fare la differenza.

Il centrocampo del Torino ha bisogno del miglior Baselli
Il centrocampo del Torino ha bisogno del miglior Baselli

In questo atmosfera di eccitazione arriva la partita con il Frosinone, reduce dalla batosta contro il Napoli. Bisognerà attendersi una lotta su ogni pallone: i ciociari non dispongono di un organico di primissimo ordine, ma giocheranno alla morte su ogni pallone, la metteranno sul piano fisico e agonistico. Perciò quello di domani è un match da prendere con le molle, visto il momento negativo. L’impostazione del Toro dovrà cambiare: il centrocampista basso, che sia Vives o Gazzi, su dieci palloni, ne deve giocare nove in verticale. Altrimenti, rallentando la manovra, si dà il tempo agli altri di chiudere gli spazi. L’alternativa per impostare il gioco sono gli esterni, che vanno innescati velocemente: Bovo-Glik-Moretti-Molinaro-Moretti non stupisce più. Ciò di cui ci sarebbe davvero bisogno davvero è il cambio di modulo, per il quale Immobile dà un’opportunità in più. E’ possibile sviluppare un gioco diverso, creare più occasioni, di lì deve passare la rinascita dei granata, altrimenti, d’ora in avanti, il Torino stenterà. Ci sono qualità e uomini per passare al 4-3-3, che permetterebbe verticalità immediata, proprio ciò che manca ai granata. La sfida di domani è totalmente diversa da quella contro l’Empoli, che con la sua difesa alta dava l’opportunità di giocare lunghe palle in verticale. La retroguardia del Frosinone è più bassa e, anche se i centrali non sono di livello massimo, bisognerà essere abili a trovare gli spazi, senza dimenticare che mercoledì si va a Sassuolo: la gestione atletica sarà fondamentale.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata71 - 1 anno fa

    Il primo cambiamento da fare sarebbe Ventura

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabio972 - 1 anno fa

    Dracula

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabio972 - 1 anno fa

    novità e cambiamento per Ventura sono come l’aglio e la croce per Darcula

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy