Torino, il centrocampo del Bologna è il più “verde” di Serie A

Torino, il centrocampo del Bologna è il più “verde” di Serie A

Verso il match / Il tecnico ex Parma, in vista del match di sabato, opta per una mediana più numerosa

1 Commento

Il centrocampo del Bologna è un miscuglio di veterani e giocatori alle prime armi, questo mix è stato il segreto del successo di una delle squadre che ha più sorpreso in questo campionato. “Dall’inferno al paradiso”, è così che Dante titolerebbe la stagione dei rossoblu, identico percorso svolto dal noto poeta tranne che per un particolare, nessun purgatorio: il Bologna ha effettuato un passaggio netto dalla zona retrocessione alle parti medie dalla classifica, uno dei pochi miracoli sportivi visti in Italia in quest’ultima stagione.

Parte del merito di questo splendido lavoro va sicuramente anche al reparto centrale di Roberto Donadoni, che, dopo un inizio di stagione molto deludente, con molto lavoro e persistenza ha ottenuto ad oggi degli ottimi risultati. Nella partita d’andata la mediana era costituita soltanto da Diawara, Brighi e Donsah, mentre per la partita di sabato prossimo, Donadoni sembra voler aggiungere altri due interpreti. Il centrocampo del Bologna per ben 29 volte è stato costituito da tre giocatori ma nell’ultima partita il tecnico ex Parma ha optato per un reparto più sostanzioso: un centrocampo a cinque. I tre nella corsia centrale rimangono gli stessi della partita giocata a novembre, ma ad aggiungersi sono altri due, ovvero Rizzo e Zuniga, i quali possono essere di grande aiuto sia in fase di copertura che in quella offensiva.

La caratteristica principale della mediana rossoblù, ad ogni modo, è la bassissima età media dei componenti: dai giovanissimi Diawara (’97) e Donsah (’96), al classe ’94 Crisetig, fino a Taider e Pulgar, meno utilizzati ma comunque sotto i ventiquattro anni. Un elemento in più che rende ancora maggiormente interessante il match del Dall’Ara, visto e considerato che anche il Torino potrà fare affidamento – se Ventura lo riterrà opportuno – ai giovani Baselli, Benassi ed Acquah, per una sfida a centrocampo tra promesse in rampa di lancio.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cecio - 1 anno fa

    Lo avessimo noi uno come Diawara in mezzo al campo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy