Torino, il filtro del centrocampo per alzare la media dei palloni recuperati

Torino, il filtro del centrocampo per alzare la media dei palloni recuperati

Il dato / Nelle ultime due sconfitte, i granata surclassati nel numero di possessi guadagnati dalla mediana: così ripartire è più difficile

2 commenti
Gazzi

11 a 18: questo è il computo dei palloni recuperati dalle mediane di Torino e Sassuolo domenica scorsa, nella sfida persa 3-1 a domicilio dai granata. Un dato eloquente, da non sottovalutare: guadagnare possessi a centrocampo permette non solo, banalmente, che la squadra avversaria fatichi ad arrivare nei pressi della difesa, ma anche recuperare il pallone più vicino alla porta avversaria, potendo contare su un contropiede molto più efficace.

Nel caso si riesca a strappare il possesso agli avversari nei pressi del cerchio di centrocampo, infatti, gli uomini da superare per arrivare in porta sarebbero di gran lunga minori, potendo così approfittare del contropiede in velocità, specialità in cui il Torino di Ventura è maestro sin dai tempi di Cerci e Immobile. Se i palloni vengono invece recuperati dalla difesa, è più difficile ripartire in transizione, e si dà così la possibilità alla difesa di riorganizzarsi complicando e rallentando di molto la mutazione della fase difensiva in offensiva. I numeri dicono che i granata soffrono molto questo aspetto: anche contro la Roma i numeri sono impietosi: 13 a 4 a favore dei capitolini (e il computo è negativo anche nella partita contro il Bologna, 13 a 11).

Baselli affronta Maicon in Roma-Torino
Baselli affronta Maicon in Roma-Torino

Chiaro è che questa difficoltà è causata anche intrinsecamente dal modulo stesso scelto da Ventura, ed è quindi ampiamente preventivato: il Torino fa grande affidamento sulla solidità e sulla compattezza della propria difesa (talvolta fallendo). Il centrocampo dalla sua, ha il compito di offendere con le due mezzali, lasciando al solo mediano l’onere di presiedere i metri antecedenti all’area di rigore, con il risultato che spesso Vives o Gazzi sono costretti ad abbassarsi molto vicino ai difensori. Per alzare il baricentro dei palloni recuperati, bisognerebbe valorizzare il compito difensivo dei due interni, andando però ad intaccare altri aspetti del gioco venturiano, come il sostegno agli esterni che due mezzali più intente alla fase difensiva faticherebbero a garantire. Insomma, tanti equilibri difficili da smuovere, ma anche la certezza che un Torino più alto nel recupero del possesso potrebbe essere anche un Torino più pericoloso.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS- toromaremmano - 9 mesi fa

    Domenica scorsa non so quanti lo hanno notato ma durante il primo tempo Gazzi ha intercettato una palla a centrocampo con il Sassuolo sbilanciato e invece di passar palla a Peres sulla trequarti che la chiedeva insistentemente ha appoggiato la palla indietro, non so se questi sono indottrinati a fare questo, ma probabilmente se fosse stato un regista avrebbe passato palla in avanti, il nostro gioco d’attacco e purtroppo e lo dico e lo abbiamo detto 250000 volte prevede lo sviluppo sulle ali, dunque anche intercettando palloni a centrocampo il più delle volte la palla torno in difesa o va sull’ala difficilmente veloce alle punte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. DADO - 9 mesi fa

      siii, che vergogna.
      troppo lenti e neanche possiamo dire prevedibili, perchè gli avversari non hanno niente da prevedere già che non facciamo niente per velocizzare in avanti!!!!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy