Il Miha-pensiero dopo un anno di Toro: “La piazza tende a lamentarsi”

Il Miha-pensiero dopo un anno di Toro: “La piazza tende a lamentarsi”

Il tecnico granata nell’ultima conferenza stampa stagionale: “L’annata è positiva. Da altre parti c’è molto più entusiasmo, l’Europa obiettivo biennale”

18 commenti

Questa sera il Torino scenderà in campo di fronte al proprio pubblico con l’obiettivo di onorare al massimo la maglia e di dare il miglior arrivederci possibile alla piazza granata: quella contro il Sassuolo sarà infatti l’ultima partita di questa stagione, con la Serie A che al fischio finale – su tutti i campi in questione ovviamente – vedrà calare il sipario su questo campionato 2016/2017. Ultimo incontro, ultima conferenza stampa: ieri pomeriggio Mihajlovic non si è limitato a presentare il match con i neroverdi ma ha, come spesso è capitato, ‘dato spettacolo’ toccando parecchie tematiche a 360°,dalla formazione odierna completamente svelata alle questioni di mercato. E proprio ieri pomeriggio sono emersi pensieri e sensazioni importanti, parecchio significativi, che evidentemente il tecnico granata si portava dentro da tempo.

Futuro? Non so cosa succederà, ho il contratto per un anno, vedremo. Se riusciamo a prendere i giocatori giusti e ad essere lucidi potremo fare un campionato migliore di questo, ma l‘annata nel complesso è comunque positiva, abbiamo fatto crescere parecchi giocatori a livello personale: vorrei mettere in risalto questo prima di tutto, prima che le cose negative” E proprio sugli aspetti negativi Miha si concentra, ribadendo il concetto ed evidenziando come forse troppo spesso la piazza – a livello collettivo – sottolinei più del dovuto proprio questi senza tener conto della contemporanea esistenza di lati positivi: “Io ho l’onestà di ammettere gli errori, ma non voglio che le cose positive passino in secondo piano” Un boccone che evidentemente non è andato giù al tecnico granata, e sul quale con ogni probabilità sta riflettendo da parecchi mesi: qual è allora la soluzione? Anche in questo caso la risposta arriva prontamente dallo stesso Mihajlovic, le cui parole fanno intendere come gli elementi principali di cui questa squadra necessita, da parte della propria piazza, siano fondamentalmente due: maggiore pazienza ed altrettanto maggiore entusiasmo.

maratona, tifosi FC Torino v FC Internazionale - Serie A

“Da altre parti c’è molto più entusiasmo rispetto a quanto ce n’è qui. Tutti si aspettavano l’Europa, ma è un obiettivo di due anni: e mi dispiace che si evidenzino solo cose negative. Bisogna anche evidenziare i meriti di questa squadra, analizzando pregi e difetti.” Parole abbastanza forti, di certo non volte alla rottura con l’ambiente che Mihajlovic stesso ha sottolineato più e più volte sin dal suo arrivo essere una componente fondamentale per il ‘meccanismo’ Toro nel suo complesso, ma comunque mirate a mettere ben in chiaro le cose: probabilmente, il tecnico si aspettava una piazza più paziente e comprensiva per lo meno al primo anno di lavoro, nella costruzione di un nuovo ciclo. Al termine della prima annata, un giudizio personalmente positivo e tanti pensieri per presente e futuro: ma Sinisa Mihajlovic ha voluto pubblicamente chiarire la propria posizione e spronare l’ambiente.

18 commenti

18 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ddavide69 - 4 settimane fa

    Mi dispiace ma questa volta non sono d accordo con mihailovic. Sono decenni che noi tifosi ci aspettiamo una rinascita, Questo nostro Toro si merita ben altro rispetto al vagabondare a centroclassifica. Credo che rimanere senza obbiettivi già a gennaio non abbia fatto bene a nessuno, ma la colpa è anche tua caro mihailovic, oltre che in principal modo alla dirigenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. iugen - 4 settimane fa

    “Io ho l’onesta di ammettere gli errori”.

    Questa è proprio bella! Durante l’anno ha accusato per diversi motivi i vari Obi, Baselli, Maxi Lopez e non ricordo chi altri, ha spesso usato toni duri contro i giocatori dopo alcune brutte prestazioni, ma di autocritiche non ne ricordo neanche mezza. Gli allenatori seri si prendono le proprie colpe quando la squadra va male, anzi, a volte anche quelle non proprie, per fare da schermo alla squadra e proteggere i giocatori. Tutto il contrario del serbo.
    Potrebbe iniziare con “Se prendiamo gol da 18 partite forse è anche un po’ colpa mia che metto i giocatori in campo a caso”.
    Invece mai niente. Ora sarebbe anche colpa del poco entusiasmo dei tifosi. Gli stessi tifosi che hanno riempito il Filadelfia pochi giorni fa, gli stessi tifosi che erano quasi 2000 quando c’era Belotti al Granata Store, gli stessi tifosi che hanno marciato in 40000 il giorno della retrocessione nel 2003 per l’orgoglio della maglia.
    Ha perso l’ennesima occasione per stare zitto.
    Spero se ne vada presto, ha perso tutta la mia fiducia, anche se per il bene della squadra vorrei tanto essere smentito l’anno prossimo.

    (Che poi voglio vedere se allenava la Roma e pigliava 5 gol in casa dal Napoli come reagivano i tifosi. Entusiasmo a vagonate. Già…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. faina76 - 4 settimane fa

    Se volevi i tifosi entusiasti di un nono posto dovevi andare ad allenare a Udine o a Sassuolo.Noi siamo il Toro e in bacheca ci sono 7 scudetti (8?) e 5 coppe italia.Pensa come è strano il calcio,per raggiungere i nostri scudetti le cosiddette grandi Roma Lazio e Napoli devono mettersi insieme.Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele abbiamo perso l'anima - 4 settimane fa

    Ha giocato a Roma con Roma e Lazio e parla di noi come piazza difficile…
    Aspetto Moreno Longo: competente e tifoso granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. miele - 4 settimane fa

    Io non sono un po’ deluso: sono proprio arrabbiato per i risultati e la conduzione tecnica della squadra, pur con tutte le attenuanti dovute alla qualità modesta dell’organico che anche lei ha contribuito a formare. Abbiamo disputato metà girone di andata e tutto il ritorno a medie punti da lotta per la salvezza. Abbiamo subito gol per 18 partite consecutive ed oggi possiamo fare un filotto storico. Abbiamo subito 63 reti, record dal 1950!! A differenza dell’ineffabile presidente, non vedo proprio motivi di soddisfazione e di orgoglio in questa stagione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Calogero - 4 settimane fa

    Mister ci scusi se non siamo pazienti ed entusiasti, il fatto è che lei è arrivato dopo il tecnico Ventura e francamente non abbiamo visto tutta questa gran differenza. Anche se un inizio spumeggiante ci avevano fatto pensare che forse lei era veramente il tecnico della svolta, salvo un brusco risveglio strada facendo che ha sgretolato il suo bel Torino 1.0 , siamo un po’stanchi di vedere assoluta costanza nella seconda squadra di Torino, sempre favorita e sempre vincente con arbitri e senza, con la solita scusa che dietro i bianconeri c’è denaro. Siamo un po’stanchi di incontrare avversari che grazie a nostre prestazioni poco prolifere si trasformano in Barcellona per una notte, salvo essere ridimensionati da realtà come il Crotone la partita successiva con tutto il rispetto per l’agguerrita squadra calabrese. Siamo un po’delusi perché l’exploit del gallo Belotti si è dimostrata inutile, Siamo perplessi per una difesa mai ricostruita a dovere e un centro campo sempre poco protagonista. Volevamo essere la sorpresa di questo campionato con lei, invece si chiama Atalanta con il suo esperto tecnico Gian Piero Gasperini e secondo lei non doveva nemmeno esserci in quella posizione di classifica, oltre che la Lazio del giovane Inzaghi. Ci scusi nuovamente, ma l’entusiasmo deve essere motivato e il record di punti rispetto allo scorso campionato non ci interessa più di tanto. Ma si tranquillizzi aspetteremo con pazienza il prossimo campionato ben felici di ritrovarci protagonisti. Forza Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Toro88 - 4 settimane fa

    Mi dispiace ma ha ragione. ..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 4 settimane fa

      La tifoseria? Certo che abbiamo ragione. Mica siamo noi che abbiamo sbandierato l’Europa League dopo paio di mesi e poi fatto dietrofront x il calo vistoso e i record ovviamente negativi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. prawn - 4 settimane fa

    Va ad allenare la Roma, li si che la tifoseria è difficile.

    Ma suca va, un altro anno di iattura con te alla guida

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Torogranata - 4 settimane fa

    Sempre colpa dei giocatori della società e ora anche dei tifosi che non hanno entusiasmo guardando come fai giocare e “vincere” la nostra squadra.
    Facci un piacere VATTENE e prova a vedere chi ti applaude dopo aver perso 5-0 in casa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. wally - 4 settimane fa

    bene..dopo la lavatrice di Maxi Lopez, le paure di Baselli,il ragionier Obi, il poco carattere della squadra..adesso c’è il poco entusiasmo dei tifosi…
    Forse è vero,la piazza tende al lamento ma..ese qualche volta avesse ragione?.. Sempre colpa degli altri?
    Poi mi piacerebbe sapere quali sono i “parecchi giocatori” che ha fatto crescere..
    Intanto Barreca, Benassi , Baselli e Zappacosta non sono più stati convocati per la Nazionale..poi si vedrà….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. rocket man - 4 settimane fa

    Ma se dopo uno 0 a 5 i tifosi hanno addirittura applaudito la squadra… che stronzate dice questo qui!
    Lamentele e mugugni in ogni caso non ci sono a prescindere, ma in risposta a ciò che si vede sul campo.
    Il tifoso fa il tifoso, Mihajlovic dimostri di essere un buon allenatore come vuol far credere, e non accampi scuse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. rocket man - 4 settimane fa

    Quest’uomo ha avuto il culo di ritrovarsi un Belotti in squadra! Se il Gallo invece fosse stato un attaccante “normale”, quale valore aggiunto avrebbe dato Mihajlovic?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Filadelfia - 4 settimane fa

    Dalle altre parti c’è più entusiasmo ma o te ne sei andato o ti hanno mandato via. Tutto questo entusiasmo francamente non lo vedo. Al Milan poi… Se rimani al TORO anche la prossima stagione DEVI dare una solidità di squadra e di gruppo oltreché difensiva. E limitare le conferenze stampa folkloristiche. Il record di gol subiti e di partite consecutive a subire sistematicamente reti lasciamolo ad altre squadre. Radice era un TREMENDISTA ma era UMILE. Oltreché innovativo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. torinodasognare - 4 settimane fa

    Leggendo queste parole non posso che scuotere la testa….
    Chi è che, a un certo punto della stagione, ha detto che la squadra era appena al 50% delle proprie possibilità? Non i tifosi e nemmeno la stampa. E nemmeno Cairo, se proprio vogliamo essere onesti, anche perché sapeva che non era affatto vero. Perciò le false aspettative le ha create miha, e nessun’altra. Poi sono il primo a dire che c’è stato anche di che divertirsi, e che alle volte si esagera con la negatività, ma è inutile e ridicolo accampare questo tipo di scuse, anche perché mi ricordano tanto il “Ventur-pensiero”…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vittoriogoli_655 - 4 settimane fa

      Completamente d’accordo, le aspettative sono state create dall’allenatore stesso poi:
      * trovata posizione di Ljalijc alla trentesima gara dopo aver detto “conosco benissimo il giocatore è le sue potenzialità ”
      * parole sue a metà cammino ” siamo al 50%”
      E ci siamo ritrovati,con la esplosione di Belotti, al nono posto ( senza Belotti forse al dodicesimo).
      É vero che il Toro almeno segna e ,in parte diverte, ma le ultime due prestazioni indegne con zero critiche dalla dirigenza sia tecnica che amministrativa indicano solo due cose possibili:
      – Si é rotto qualcosa all’Interno e qualcosa ben grave.
      – Le parole dette erano solo commenti al
      Vento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy