Torino, il rammarico dei punti persi in casa contro le piccole

Torino, il rammarico dei punti persi in casa contro le piccole

Approfondimento / Granata ottimi contro le big, ma tre sconfitte su quattro sono arrivate contro squadre meno forti

Commenta per primo!

31 punti conquistati, solo 4 sconfitte in 19 partite. Dal punto di vista numerico complessivo il rendimento  casalingo del Torino di quest’anno in campionato non ha nulla che non vada. La squadra di Ventura ha replicato in maniera quasi identica il ritmo mantenuto lo scorso anno tra le mura amiche, conquistando a fine campionato appena due punti in meno.

 TORO ‘AMMAZZA GRANDI’… – Se però si avvicina la lente di ingrandimento e si considerano le singole sfide, si scopre che il Torino ha sprecato proprio in casa la ghiotta opportunità di acchiappare nuovamente al qualificazione europea. Fino allo scorso anno il Torino riusciva a fare bene contro le squadre considerate ‘alla sua portata’ mentre spesso faticava contro le grandi. Quest’anno invece la tendenza si è profondamente modificata: contro le prime 5 della classe (Juventus, Roma, Lazio, Fiorentina e Napoli) la squadra di Ventura ha conquistato tra le mura amiche la bellezza di 8 punti sui 15 disponibili, con due vittorie, due pareggi e la sola sconfitta contro i biancocelesti della Lazio. Nel campionato 2013/14 contro le squadre classificatesi quell’anno ai primi cinque posti della Serie A il risultato fu di appena 3 miseri punti, conquistati contro Roma e Fiorentina. Insomma, il miglioramento è netto, il Toro ha dimostrato di non avere più complessi di inferiorità verso nessuno.

I giocatori del Torino esultano dopo il gol vittoria di Glik contro il Napoli (foto Dreosti)

…MA QUANTI PUNTI SPRECATI – Questi 5 punti ‘di bonus’ rispetto all’anno passato che il Torino si è regalato mettendo in grande difficoltà le nobili del nostro campionato sono stati però sperperati contro la ‘classe operaia’:  esclusa la partita con la Lazio infatti le altre tre sconfitte interne portano le firme di Verona, Sassuolo ed Empoli; tutte squadre che il campionato lo hanno chiuso ben alle spalle dei granata e che sin dalla vigilia non erano accreditate di poter mettere in difficoltà la squadra di Ventura. Si tratta insomma di pesanti punti sciupati se si pensa alla distanza minima che ha separato il Toro dalle posizioni europee. Vero è che in questa stagione hanno pesato la stanchezza per l’Europa League e le difficoltà iniziali, ma sarebbe bastata una maggiore concentrazione in alcuni frangenti per ritrovarsi almeno un paio di posizioni più in alto in classifica. E’ questo un dato di cui i granata devono fare tesoro se vogliono proseguire il loro costante cammino di crescita. I buoni risultati contro le ‘grandi’ sono importanti e danno entusiasmo, ma per dare sostanza alla classifica non bisogna mai perdere  troppi punti contro le squadre sulla carta inferiori; sono spesso quelli che fanno la differenza quando si lotta testa a testa per obiettivi importanti nella metà  sinistra della classifica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy