Torino-Inter, il collaudato 3-5-2 granata sfida il multiforme schema di Mancini

Torino-Inter, il collaudato 3-5-2 granata sfida il multiforme schema di Mancini

Verso Torino-Inter / Nonostante l’emergenza, Ventura conferma il suo modulo di riferimento. Il tecnico dei nerazzurri, invece, fa prove di 4-2-3-1, ma….

1 Commento
mancini

Ogni allenatore possiede quello che si potrebbe definire “il marchio di fabbrica”: quello schema, quell’impronta tattica particolare, che un tecnico si porta dietro per tutta la carriera, e cerca di trasmettere alla propria squadra, qualsiasi siano i valori del gruppo a disposizione.

UN MODULO COLLAUDATO – Giampiero Ventura, a dirla tutta, ha abbandonato ormai da tre stagioni il suo “primo” marchio di fabbrica, quel 4-2-4 messo da parte in luogo dell’attuale 3-5-2, un modulo che resta comunque coerente con le idee del tecnico ligure, ma è di fatto più facilmente adattabile agli uomini a disposizione dell’allenatore granata. Contro l’Inter, nonostante la pesante emergenza dovuta ad infortuni e squalifiche, “Mister Libidine” dovrebbe confermare il 3-5-2, a cui non ha mai rinunciato da tre anni a questa parte. I due uomini incaricati di percorrere le corsie esterne – con tutta probabilita Peres (anche se rimane viva l’ipotesi Zappacosta) e Molinaro – avranno come al solito il compito iù arduo e determinante: quello di spostare gli equilibri, difendendo ed offendendo con la medesima intensità.

TRASFORMISMO MANCINIANO – Roberto Mancini ha dichiarato a più riprese di aver come modulo di riferimentoil 4-2-3-1 – già utilizzato con buonissimi risultati ai tempi del Manchester City , ma il tecnico iesino non ha ancora mai utilizzato questo schieramento con l’Inter quest’anno, preferendo alternare il 4-3-1-2 ad un atipico 4-3-3, che in fase di non possesso assomiglia molto di più ad un 4-5-1. Tuttavia, l’obbiettivo di Mancini è riuscire a far girare al meglio i suoi con il tanto desiderato 4-2-3-1, e già a Torino i nerazzurri potrebbe schierarsi con tre trequartisti (Perisic-Jovetic con uno tra Biabiainy e Ljajic) dietro al solo Icardi, tenuto in panchina per 90’ contro la Roma e dunque scalpitante in vista del Torino. Ad ogni modo, il Toro in casa si è rivelato un avversario tutt’altro che semplice da affrontare, e dunque Mancini potrebbe rimandare esperimenti tattici, e schierare il solito centrocampo muscolare Melo-Medel-Brozovic/Kondogbia a supporto del tridente.

Qualunque siano i moduli in campo, una cosa è certa: Ventura e Mancini schiereranno gli uomini più in forma e saranno loro a dover fare la differenza, al di là dello schieramento tattico, sul terreno di gioco dell’Olimpico.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. gantonaz64 - 2 anni fa

    Ma un 4-3-3 con Peres davanti a Zappacosta?
    cosa servono 3 ditro se questi giocheranno forse con un falso nove cioe’ JoveticServe un Toro arrembante . Troppi calcoli ci fregano da sempre. Andiamo su.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy