Torino-Inter: l’attacco crea ma non incide. Quagliarella deve ritrovarsi

Torino-Inter: l’attacco crea ma non incide. Quagliarella deve ritrovarsi

Tante conclusioni granata contro i nerazzurri, ma il gol non arriva. Continua il periodo sottotono per il bomber di Castellammare

3 commenti
serie a, statistiche, Quagliarella, attacco, Ventura

Contro l’Inter il Torino ha effettuato tredici tiri, di cui nove in porta. Non si può dire che i ragazzi di Ventura non ci abbiano creduto e non abbiano cercato di ribaltare il risultato, o per lo meno di rimettere in piedi la partita. Altrettanto evidente è però come queste occasioni, al netto dei miracoli di Samir Handanovic, siano state sciupate dai granata, troppo imprecisi o “poco cattivi” sotto porta.

QUAGLIARELLA – Fabio Quagliarella è l’esempio lampante di questa situazione: dopo un grande avvio di stagione, anche sul piano del gioco e non soltanto a livello realizzativo, l’attaccante di Castellammare ha subìto una brusca frenata nelle proprie prestazioni. Nel derby sembrava essere sulla strada della ripresa ma ieri contro i nerazzurri è arrivata un’altra prestazione abbastanza scialba: è ovvio che la punta abbia bisogno di riposo ma la sua presenza fisica e psicologica in campo è troppo importante per la squadra di Ventura, la pausa per la Nazionale capita al momento giusto sotto questo punto di vista. Quagliarella deve tornare ad essere decisivo ed a giocare per la squadra, come ad inizio stagione.

Belotti Torino-Genoa pagelle
Un’altra buona prestazione per Belotti, che però non ha ancora trovato la via del gol

BELOTTI – Discorso differente per il Gallo: Belotti è in crescita continua ed ormai sembra assolutamente integrato negli schemi della squadra; come ha dichiarato ieri Giampiero Ventura la piazza deve avere la pazienza, e la saggezza, di saperlo aspettare e poi verrà ripagata dal giovane bomber. Nella solita buona prestazione di dialoghi con i compagni e sacrificio, c’è però un neo per quanto riguarda la partita contro la squadra di Mancini: nel secondo tempo si divora un gol veramente già fatto, con Handanovic che respinge corso un tiro di Quagliarella proprio sul suo piede ed il Gallo da mezzo metro non riesce a ribadire in rete proprio sotto la Maratona, un po’ più di cattiveria sotto porta avrebbe permesso all’ex Palermo di sbloccarsi con la nuova maglia attraverso una rete importantissima; le prestazioni comunque continuano ad essere buone.

Torino FC v FC Internazionale Milano - Serie A
Debutto stagionale per Amauri, che ha giocato una decina di minuti nel finale

MAXI LOPEZ E AMAURI – Le due punte subentrate nel corso della ripresa vanno analizzate separatamente: solito lavoro per Maxi Lopez, che quando entra regala concretezza alla squadra e buone giocate, oltre alla solita abilità nella difesa del pallone. Per quanto riguarda invece l’italo-brasiliano, ieri è arrivato l’esordio ufficiale in stagione: Ventura l’ha schierato come punta fisica al fianco di Maxi, con Quagliarella dietro ad agire da trequartista. Il suo compito era fare “da boa” per recuperare i palloni e spizzarli per i compagni, facendo salire la squadra; è stato in campo solamente una decina di minuti ma in questo tempo ha svolto bene il lavoro richiestogli da Ventura, pur non risultando alla fine decisivo.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS - 26/04/15 Toro 2 - Merde 1 - 1 anno fa

    Quagliarella non è in forma in questo momento darei spazio a elotti-Maxi Lopez, un appunto all’autore dell’articolo, ma come Amauri ha svolto bene il compito? Se è finito almeno 4 volte in fuorigioco e gli sono stati fischiati almeno 3 falli contro in 10 minuti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ikhnos - 1 anno fa

    Al Mister Ventura darei un consiglio: Baselli lo metta in mezzo tra la mediana e le punte in modo che possa inserirsi spesso in avanti con le sue conclusioni. Lei continua a metterlo dietro a fare il difensore non sfruttando la duttilità del ragazzo che merita più fiducia e più “spazi” in campo. Guardi il suo collega Reja con Cigarini come lo ha trasformato in regista e che regista. Con l’Inter ha messo Baselli in un ruolo che poteva fare Gazzi e non lui, è stato sacrificato inutilmente tutta la partita. Per forza che poi ci lamentiamo che mancano le “conclusioni” a rete. Una volta che avevamo scoperto che Baselli sapeva “metterla dentro” lo abbiamo rimesso in una posizione più difensiva che di attacco. Basta Mister Retrò! Non siamo una squadra che ha paura di retrocedere !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Puliciclone - 1 anno fa

    Non ha senso far giocare Quagliarella che non è in forma. Deve stare fuori, allenarsi adeguatamente e poi rientrare. In qualsiasi disciplina sportiva si fa così.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy