Torino: Jansson è una scommessa vinta

Torino: Jansson è una scommessa vinta

Il giovane svedese ha convinto tutti migliorando costantemente, possibile spazio per lui anche a San Siro

Commenta per primo!

Quella di Pontus Jansson è stata una delle scommesse vinte dal Torino in questa stagione. Il giovane centrale svedese, arrivato in sordina dal Malmoe, ha convinto tutto il pubblico nelle occasioni in cui Ventura ha voluto utilizzarlo. Non è un caso che lo società, come vi abbiamo raccontato nei giorni passati, abbia deciso di rifiutare diverse offerte per lui, puntando a trattenerlo in squadra per farlo crescere ancora sotto la ‘guida esperta’ di Capitan Glik.

MIGLIORAMENTO CONTINUO – Il ragazzo, classe ’91, è sceso in campo in 15 partite quest’anno, partendo per 12 volte da titolare e dando prova di un continuo miglioramento mano a mano che acquisiva esperienza e fiducia nei propri mezzi. Un percorso di maturazione e un costante progredire che Ventura ha molto apprezzato, complimentandosi diverse volte anche nelle interviste con Pontus. Se nelle partite contro Empoli e Cesena nel girone di andata aveva commesso qualche ingenuità, facendosi espellere nel finale di partita contro i toscani e causando un rigore a pochi minuti dal termine a Cesena, nelle uscite più recenti ha dimostrato tutto il suo valore.

BUONE PRESTAZIONI – Il mister lo ha chiamato in causa nei momenti del bisogno, quando il Capitano o Moretti avevano bisogno di rifiatare per i vari impegni ravvicinati campionato-coppa e lui ha ripagato la fiducia: ottima la sua prestazione al Franchi di Firenze contro i viola, quando riuscì ad arginare per tutta la partita Babacar. Jansson non aveva sfigurato neanche nel ko interno contro la Lazio, ma probabilmente la sua miglior partita dell’anno è stata quella domenica scorsa contro il Chievo, nella quale diversi suoi interventi sono stati sottolineati dagli applausi del pubblico. Gli stessi applausi che si sono sentiti al momento della sua uscita dal campo per fare spazio a Glik.

TITOLARE A SAN SIRO? – Il Torino insomma ha già in casa uno dei difensori del futuro, servirà solo un po’ di tempo ancora, ma la stagione di Pontus per ora è sicuramente positiva. Vedremo se Ventura per premiarlo e anche per testare ulteriormente le sue qualità vorrà gettarlo nella mischia anche in un match comunque ricco di fascino e tradizione come quello di domenica sera a San Siro. Riuscire a ben figurare nella scala del calcio sarebbe un ulteriore attestato, non da poco, nel curriculum di questo giovane svedese.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy