Torino-Juventus 0-0: i granata perdono Sirigu ma giocano a testa alta

Torino-Juventus 0-0: i granata perdono Sirigu ma giocano a testa alta

Al break / La squadra granata rientra negli spogliatoi con il punteggio di 0-0

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Partita sporca e cattiva, quella vista nel primo tempo di Torino-Juventus. I granata stanno giocando con buona personalità il derby, collezionando qualche chance su calcio piazzato e rischiando veramente solo in un’occasione, con Sirigu a dire di no a Cristiano Ronaldo. Sirigu, appunto: il portiere granata ha dovuto abbandonare il campo dopo appena 20′ per infortunio, con Ichazo a subentrare. Il Toro ha perso il suo leader tra i pali ma non si è disunito in campo, tenendo bene la sfera e soprattutto attuando un pressing asfissiante, che ha più volte condotto all’errore i palleggiatori bianconeri. Partita bloccata per ora, ma non è un brutto Toro.

Come anticipato nella vigilia, Mazzarri per il derby deve fare a meno di Iago Falque dal 1′: ecco, dunque, la coppia Zaza e Belotti titolare, mentre sulle fasce ancora fuori De Silvestri, con Ola Aina di nuovo titolare.

Il Toro inizia caricato dal suo splendido pubblico (qui la coreografia della Maratona) con buona personalità, cercando la manovra soprattutto sulle fasce laterali. La Juve però ci mette poco ad uscire dal guscio dei primi 3′ e sale paurosamente di ritmo, anche se il primo tentativo di CR7 finisce addirittura in rimessa laterale. Al 13′ paura per i granata con Sirigu che finisce a terra dopo un’uscita alta e si rilaza a fatica solo dopo il soccorso dei sanitari. Il portiere continua a zoppicare vistosamente, ma questo non gli impedisce 5′ più tardi di compiere una grande parata su Ronaldo, accasciandosi però nuovamente a terra dolorante.

Il numero 39 resiste ancora un paio di minuti ma non è chiaramente in grado di proseguire, e così al 20′ ecco l’esordio di Ichazo, incoraggiato dai compagni e dalla panchina. Il Toro perde il suo portiere ma cresce in convinzione: Rincon e Baselli fanno un grande lavoro davanti alla difesa, così come Izzo su Ronaldo e Mandzukic. E ci sono anche diverse potenziali opportunità su calcio piazzato per i granata, la più ghiotta delle quali arriva al 33′: punizione di Baselli, stacco di Belotti che fa da torre, se la cava con fatica la difesa della Juve. I bianconeri faticano a manovrare con ordine, sbagliano qualcosa di troppo tecnicamente e perdono tante palle grazie al pressing asfissiante dei granata. Nel finale Bonucci spaventa Ichazo in girata, col Toro che risponde poco dopo sempre su corner, ma i guantoni di Perin allontanano. La gara è bloccata, ma maschia: nella ripresa servirà lo stesso temperamento.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottobre1955 - 3 mesi fa

    Sapevamo dei nostri limiti in panchina e rispetto ai gobbi chi non ha i limiti pensiamo e non per consolarci all’inter che toglie Politano e becca il goletto
    Anche a Milano quando abbiamo fatto i cambi abbiamo rinculato forse eravamo stanchi comunque chi è entrato ha fatto peggio di chi è uscito.
    Le critiche a Belotti: ad ogni partita ne fa ammonire due anche oggi contro i raccomandati 2 ammoniti, resta da sperare che questa fatica a fare gol finisca perchè uno che si danna l’anima come lui avercene in squadra.
    Poi , spero di non essere censurato, a rigore tirato e realizzato non si fanno bisticci! Te lo insegnano da ragazzino non serve fare cinema oh lo stendi oh stai zitto e lo ignori, fa girare i maroni vedere giocatori che si fanno prendere per i fondelli.
    E comunque sempre Forza Vecchio Cuore Granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14003131 - 3 mesi fa

    Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Vanni - 3 mesi fa

    Per me finirà a ruba bandiera se non si stancano troppo. Oppure acciuga e tdg aspetteranno il disgelo primaverile. Sembrano due gocce d’acqua.
    Meno male che sono granata, fossi un gobbo con quel materiale vederli giocare così appenderei acciuga x le palle.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy