Torino-Juventus, Izzo si è ripreso il Toro. Ora la sfida al suo “sosia”

Torino-Juventus, Izzo si è ripreso il Toro. Ora la sfida al suo “sosia”

Focus on / Il difensore campano è reduce da prestazioni da urlo dopo il passaggio a vuoto contro il Parma. Ora il confronto con CR7

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Aeroporto di Caselle, 4 luglio: il calciomercato è rovente, a Torino tutti aspettano Cristiano Ronaldo ma sbarca Armando Izzo. Qualcuno li confonde e chiede un selfie al difensore granata, ma per stessa ammissione di Izzo: “Ho tolto gli occhiali e sono scappati tutti”. Per i difensori di tutto il globo, marcare Cristiano Ronaldo è la prova del nove e lo sarà anche per Armando Izzo, che fin dal ritiro ha promesso – scherzosamente – di essere l’anti CR7 nel derby della Mole. Il compito è di quelli complicati, ma Izzo lo affronterà in un ottimo momento di forma: la partita con il Milan è stata la migliore in stagione e ha impressionato addetti ai lavori e tifosi.

MOMENTI – Sin da subito, Izzo si è integrato nel gruppo e ha rappresentato una colonna su cui edificare la difesa. Lo testimoniano le presenze, 15 in 15 partite e una sola sostituzione, per infortunio contro la Roma. Armando Izzo è stato sinora una garanzia e l’unico passaggio a vuoto è stato quello della sconfitta in casa contro il Parma. Il difensore ventiseienne non ha però accusato il colpo e nelle successive sfide è tornato assoluto protagonista, dimostrando ancora una volta la propria imprescindibilità. Il culmine, appunto, a San Siro contro il Milan.

Bologna FC v Torino FC - Serie A

LA PARTITA – Sarà difficile ripetere la partita di Milano, quantomeno nelle modalità: il Torino ha pressato alto nei primi 70′ e Izzo ha praticamente sempre anticipato Cutrone, ridando linfa all’azione granata e schiacciando il Milan. Quando i rossoneri sono saliti, poi, Izzo le ha prese tutte: in area di rigore è stato attento e anche decisivo in almeno due occasioni. Contro Cristiano Ronaldo servirà la stessa attenzione, la stessa determinazione e un’altra prova eccellente: così Izzo può consacrarsi definitivamente e diventare – davvero – l’anti CR7.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 5 mesi fa

    Io sostengo Izzo, perché, a parte essere un giocatore del Toro, è anche un giocatore “normale”..
    Non amo i “fenomeni”, semmai i bravi giocatori, e Izzo si sta dimostrando tale.
    Appena giunto nella nostra squadra, non aveva il favore di tutti noi, ma il rispetto e la stima se le è guadagnate sul campo: lavora duramente, non si tira mai indietro, ed incarna il vero “spirito Toro”. Ha grinta e determinazione: speriamo riesca a dimostrare tutte le sue qualità anche “fermando”
    il “fenomeno” della Juve.
    Sarebbe la più grande soddisfazione per tutti noi, ma penso anche per lui e per tutta la squadra.
    Incrociano le dita, e sosteniamo il nostro “gladiatore”, che è anche più bello e simpatico del suo sosia (detto da una vecchia signora, che, per età, potrebbe essere la mamma, se non la nonna di tutti questi ragazzi).

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy