Torino: l’Udinese in difficoltà si aggrappa ai tifosi e alla classe di Di Natale

Torino: l’Udinese in difficoltà si aggrappa ai tifosi e alla classe di Di Natale

Approfondimento/ Friulani in crisi di risultati, basteranno questi appigli per risalire?

Commenta per primo!

Torna a giocare davanti al proprio pubblico l’Udinese di Andrea Stramaccioni, dopo un periodo difficile con un solo punto conquistato nelle ultime quattro partite giocate e tre sconfitte consecutive (ai friulani manca però la partita contro il Parma rinviata per le note vicende societarie dei gialloblù). Contro il Torino i bianconeri cercano di tornare almeno a far punti e per riuscirci si aggrappano al ‘totem’ Di Natale e ai propri tifosi.

IDOLO PER I GIOVANI – Il numero dieci in Friuli è ormai un istituzione: anche in questa annata tribolata è ad un passo dalla doppia cifra di gol segnati ed è il miglior marcatore dei suoi in campionato. I giovani dell’Udinese lo vedono come un modello, come ha recentemente dichiarato Alexis Zapata, uno dei prospetti futuri più interessanti della squadra guidata da Stramaccioni, che ha detto di ispirarsi a lui e di essere orgoglioso di avere come compagno un campione completo e conosciuto in tutto il mondo. Non è un caso che l’ultima vittoria dell’Udinese risalga proprio all’ultima partita in cui il capitano è andato a segno, all’inizio del girone di ritorno contro l’Empoli.

FATTORE TIFOSI – Contro il Toro l’Udinese spera anche di trovare un pubblico pronto a sostenerla. In casa i bianconeri non vincono più da fine ottobre. Dopo aver conquistato 13 punti nelle prime 5 partite casalinghe ne sono arrivati solo 3 nelle restanti 7. Anche il giovane portiere Scuffet, protagonista lo scorso anno di una stagione strepitosa e relegato in panchina quest’anno alle spalle del grerco Karnezis ha chiesto appoggio ai supporters bianconeri, auspicandosi che vengano allo stadio a tifare per la squadra, sostenendo che c’è bisogno anche del loro aiuto per far uscire l’Udinese da questo difficile momento. Vedremo se basteranno questi appelli per ricucire il rapporto tra squadra e tifosi, rapporto che pare un po’ incrinato, come del resto accade dovunque quando i risultati non solo quelli attesi.

Solo domenica sapremo se il talento di Di Natale basterà da solo per riportare punti alla squadra bianconera contro una delle formazioni più in forma del campionato e per ricucire in pieno il rapporto con i tifosi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy