Torino, la difesa della Lazio è tutt’altro che imbattibile

Torino, la difesa della Lazio è tutt’altro che imbattibile

L’avversario / Pioli dovrà fare a meno dello squalificato Mauricio. Numeri poco positivo per i biancocelesti in difesa

1 Commento
defrel

La difesa della Lazio 2.0 di Pioli  non è sicuramente la corazzata che abbiamo visto lo scorso anno, causa di ciò soprattutto la pesante assenza dell’olandese De Vrij. Il suo è un lungo stop che dura da un’intera stagione e che sarà destinato a durare fino all’estate prossima. Il reparto arretrato laziale è sostanzialmente lo stesso a quello schierato  ieri nell’anticipo delle 18.00 contro il Sassuolo. Una pessima difesa quella che abbiamo visto contro gli emiliani, i quali con molta facilità sono riusciti a sfondare il muro celeste, anche grazie alla pessima prestazione di Berisha. La retroguardia di Pioli arriva domenica all’Olimpico di Torino con la pesante assenza di Mauricio, squalificato proprio nel match di ieri. A prendere il suo posto sarà probabilmente Hoedt, con Lulic e Konko candidati per gli out, anche se andrà monitorata in settimana la situazione fisica di Basta.

SOFFERENZA DI REPARTO – I numeri non incoraggiano molto il reparto arretrato della Lazio, sono infatti ben 36 le reti subite ad oggi. Causa di questa mancata stabilità è anche l’assenza di un portiere fisso. Le indecisioni di Pioli e gli infortuni di Marchetti hanno portato a questa situazione precaria del ruolo dell’estremo difensore laziale. Questa alternanza non ha portato ovviamente grandi risultati e la squadra ne ha risentito enormemente. La sofferenza di questo reparto si può notare chiaramente nella partita di ieri. Protagonista negativo dell’anticipo delle 18:00 è stato sicuramente il pessimo Berisha, il quale azzarda un paio di uscite nella trequarti, rischiando così di prendere l’ennesimo gol. Colpito dalle critiche dei tifosi della Curva Nord anche il neo acquisto Bisevac. Il serbo non ha dimostrato ancora tutto il suo potenziale e il pubblico romano si aspetta molto di più.

NUMERI E SORPRESE – La difesa laziale può vantare però dei numeri che possono far sorridere i tifosi biancocelesti. La Lazio si colloca prima nella classifica dei cross realizzati in Serie A in questa stagione. Sono infatti ben 240 quelli utili fatti dalla squadra di Pioli, molto dei quali realizzati dai terzini. Palle alte sfruttate ovviamente poi dalle splendide punte che il club possiede, come Klose e Matri. Unica nota positiva in quel reparto è l’olandese Wesley Hoedt. Il classe 94′ compirà il suo compleanno proprio il giorno in cui disputerà il suo 18° match in Serie A con la maglia della Lazio. La sua è una vera e propria scalata, da riserva del connazionale De Vrij a titolare inamovibile. Quella che sta lasciando è un’impronta importante, con i suoi 1448 minuti in A ha fatto uno squillo anche al CT dell’Olanda per un posto da centrale nell’Oranje.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pazko - 11 mesi fa

    Secondo me dobbiamo stare attenti in difesa e giocare in contropiede, come siamo abituati a fare, senza farci schiacciare troppo perché loro in attacco sono molto forti. In mezzo non abbiamo chances, possiamo solo contenere, Biglia,Paolo e Milinkovic-Savic sono troppo più forti dei nostri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy