Torino, la speranza di Ljajic: il ritorno da titolare contro il Crotone

Torino, la speranza di Ljajic: il ritorno da titolare contro il Crotone

Focus on / Il serbo è tornato al campo contro il Verona, fornendo buoni segnali: adesso il desiderio è quello di rientrare dal primo minuto

di Federico Bosio, @fedebosio19

Sei partite completamente osservate dalla panchina, mentre l’impatto mediatico di tale esclusione costante e del silenzio dalla quale era circondata accresceva di settimana in settimana, poi il ritorno al terreno di gioco domenica pomeriggio al Bentegodi: nella disastrosa trasferta di Verona, la notizia positiva è arrivata per Adem Ljajic che ha assaggiato nuovamente il campo sostituendo Acquah a venti minuti dalla fine ed effettuando dunque il suo “esordio” sotto la guida Mazzarri. Non un minutaggio corposo, ma tanto è bastato per far intravedere alcuni sprazzi del suo talento e dimostrare di essere a tutti gli effetti un valore aggiunto per questo Torino.

Ecco perchè, adesso, il serbo può davvero sperare nello step successivo: ritrovare quella maglia da titolare che manca addirittura dal 2 dicembre – sfida interna all’Atalanta – e che lo reintegrerebbe a tutti gli effetti nelle rotazioni del nuovo tecnico granata. L’occasione giusta potrebbe quindi arrivare contro il Crotone? Il duttile trequartista ci spera, e proprio questa sua capacità di adattarsi a più posizioni sul rettangolo verde – nonostante quella a lui più congeniale sia chiaramente quella alle spalle della punta, con licenza di svariare sul fronte offensivo – gioca non poco a suo favore: Mazzarri potrebbe infatti utilizzarlo non soltanto in un 4-2-3-1, ma anche nel 4-3-3 come esterno largo e nel 4-3-2-1, il modulo osservato a Marassi contro la Sampdoria, alle spalle dell’unica punta ed affiancato ad un altro trequartista.

Queste ultime due vesti tattiche sono decisamente più probabili della precedente, ma è bene ricordare che in entrambi i casi Ljajic dovrebbe scalzare uno degli attuali titolari: sia Falque o Niang, od al limite Baselli, una maglia da titolare sulle spalle del serbo verrebbe giocoforza sfilata da un altro dei “big” di questo Torino. Torino che ha però dimostrato, nelle recenti uscite, di non poter davvero rinunciare al talento ed all’estro del jolly di Novi Pazar. Chiaro è che la scelta spetterà solo e soltanto a Mazzarri: dopo quasi due mesi in naftalina, il serbo ha offerto sprazzi di livello ed ora può sperare nel passo successivo, ritrovare la maglia da titolare contro il Crotone. Una speranza che andrà al momento è tale, è che andrà alimentata e concretizzata giornalmente nelle sedute d’allenamento al Filadelfia.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. carlitomarinell_318 - 3 mesi fa

    A me ljaic fa cagare. Cairo l ha comprato solo nella speranza che sinisa lo raddrizzasse in maniera da rivenderlo almeno al doppio. Il serbo gioca x se e cairo anche per

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 3 mesi fa

    Vai di modulo miha mazzarri, non puoi sbagliare, tanto la squadra e’ fatta e finita solo per quello, tanto e’ solo il crotone, schiera questi:

    Ansaldi N’Kolou Moretti Barreca
    Iago Baselli Berenguer
    Ljacic
    Edera Gallo

    #cazzoservedifendere #chemmenefregaormai #loleuropaleague #cairovattene #mimancamiha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ribaldo - 3 mesi fa

      4 difensori, 1 centrocampista non tanto difensivo e 5 attaccanti? Neanche l’ex tecnico arrivava a tanto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ALESSANDRO 69 - 3 mesi fa

      Hai dimenticato il portiere, d’accordo a che cazzo serve difendere ma così mi sembra esagerato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

        Prawn gioca con il portiere volante come ai giardinetti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giustoro - 3 mesi fa

          Basta fare come l’allenatore di Hockey della Russia che nella finale, con un uomo squalificato a tempo, ha sostituito il portiere con un giocatore, riavendo così la parità numerica sul ghiaccio e gli è andata bene, perché la Russia è riuscita a pareggiare a 55 secondi dalla fine e poi a vincere ai supplementari la medaglia d’oro.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13726000 - 3 mesi fa

    Però stiamo sempre lì,qual’ è l’alternativa ad Urbano…???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Von Karajan - 3 mesi fa

      Basta Ferrero visti i risultati….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maraton - 3 mesi fa

        ai ferrero del TORO non frega una cippa. neanche gratis lo vorrebbero

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13657769 - 3 mesi fa

    La speranza è che quest’anno finisca in fretta ed il prossimo il nano di merda se ne vada.
    Ho buttato l’abbonamento, non meritano il mio tempo e le mie attenzioni.
    Fino a quando rimarra questa società penosa e vergognosa resteró fifoso da tastiera, quando ne ho tempo e voglia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ribaldo - 3 mesi fa

      butta anche la password per entrare nel sito! Dicessero a te che sei una merda ti piacerebbe?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mozambico granata - 3 mesi fa

        No il figlio di Ribot

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. piero - 3 mesi fa

        non credo sia il figlio di cairo, ma sicuramente il tal @user è un maleducato e irrispettoso

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. maraton - 3 mesi fa

        tu invece lo sai di chi sei figlio? non penso 😉

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. granata - 3 mesi fa

    Mi pare che la soluzione più logica sia che sostituisca Baselli. Ma la logica spesso nel calcio non ha diritto di cittadinanza, altrimenti Ljhajic non sarebbe stato in panchina ad ammuffire per sei giornate. Non mi aspetto miracoli, ma una crescita nel tasso tecnico di questa squadra che nel derby e a Verona è stata molto deludente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13726000 - 3 mesi fa

    Daje Adem…!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy