Torino-Lazio 1-0: Falque, ancora lui! Lo spagnolo incorna la Lazio

Torino-Lazio 1-0: Falque, ancora lui! Lo spagnolo incorna la Lazio

Primo tempo / Zappacosta e Barreca martellano la fasce, Valdifiori inventa

1 Commento

Al Grande Torino si affrontano le due squadre forse più in forma dell’intera Serie A. Il Torino in rampa di lancio per le zone nobili della classifica riceve la Lazio dell’ex Ciro Immobile. Tante le emozioni contrastanti per un match che si presuppone avvincente e ricco di azioni da gol. Davanti, infatti, ci sono due tridenti che assicurano spettacolo: Mihajlovic conferma il trio delle meraviglie Ljajic-Belotti-Falque, Inzaghi, che di attaccanti se ne intende, risponde con Anderson-Immobile-Keita. I biancocelesti dovranno supplire alle pesanti assenze di Biglia e De Vrij, mentre il tecnico granata ripresenta dal primo minuto Rossettini al fianco dell’inamovibile Castan.

Il Toro parte aggressivo e spinge subito dalla parte di Zappacosta, ma la prima conclusione è di marca biancoceleste. Keita Balde aggancia in area, rientra sul destro e batte a rete, ma Hart deve solo controllare la palla che si spegne vicino al primo palo. Stessa sorte per il destro a giro di Ljajic che prova a sorprendere Marchetti da fuori area. Al 12esimo ci prova Baselli, al termine di un’azione insistita. Due volte Ljajic viene murato dai difensori capitolini, poi il tiro del numero 8 dalla lunetta finisce alto.

Il Grande Torino esplode al 20esimo: Valdifiori serve Zappacosta sulla corsa, il cross del numero 7 è telecomandato nel cuore dell’area dove ad incornare c’è il più piccolo di tutti. Iago Falque insacca di testa da due passi, Toro meritatamente in vantaggio con le modalità richieste da Mihajlovic: recupero palla nella metà campo avversaria, due tocchi in profondità e cinismo sotto porta.

Al 26esimo Valdifiori è tenace e fortunato a vincere un doppio rimpallo a centrocampo e avviare un bel contropiede con l’aiuto di Ljajic. Il cross basso del serbo però trova Belotti e Falque troppo avanti e l’azione sfuma. Sul ribaltamento di fronte Felipe Anderson cerca l’accorrente Cataldi che in scivolata prova a incrociare sul secondo palo, brivido per i granata. Poco dopo la mezz’ora arriva l’occasione più grande del primo tempo per gli ospiti. Keita lanciato in campo a perto semina Castan e si presenta da solo davanti a Hart. Il portiere inglese chiude più specchio possibile ipnotizzando l’attaccante biancoceleste che, per fortuna del Toro, allarga troppo il piatto destro. La prima conclusione di Ciro Immobile, letteralmente subissato di fischi ad ogni tocco di palla, arriva al 38esimo con un destro debole e centrale che non crea grattacapi ad Hart.

Allo scoccare dei 40 minuti Falque ci prova ancora di testa. La sua torsione in mezzo all’area, imbeccato da Benassi, è buona, ma il pallone esce alla destra di Marchetti senza impensierirlo. Tre minuti dopo Barreca fa stropicciare gli occhi a tutto lo stadio uscendo da una doppia marcatura con un numero d’alta scuola. Il contropiede successivo non trova poi sbocchi. Il Torino chiude comunque in avanti manovrando nei pressi dell’area avversaria dando dimostrazione di testa e proprietà di palleggio. Uno a zero per i granata dopo 45 minuti.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Placebo75 - 1 mese fa

    Che Toro….!!!! partita mostruosa fino ad ora per abnegazione… tutti meravigliosi. Possesso palla a tratti commovente. Diamo sempre l’idea di avere mille risorse e aggradiamo in 4 sul portatore di palla. Sono commosso. Barreca sembra il Maldini dei tempi d’oro. Valdifiori probabilmente il migliore in campo. Zappa fa kilometri sulla fascia (Keita gran brutto cliente) e Baselli e Benassi tanta sostanza e qualità in mezzo. Hart inarrivabile per loro (mi godo ogni istante nell’avere un portiere così!). In mezzo Rossettini e Castan stanno dando sicurezza, con il secondo che sta meravigliosamente legnando l’innominabile. Iago immenso. Adem sta preparando il regalo per il secondo tempo. Dà l’idea di starsi divertendo parecchio pure lui. Squadra coesa come capita raramente di vederne. Gallo sempre a sgomitare, se anche non segna, resti il nostro idolo. Comunque andrà, GRAZIE. Orgoglio e divertimento come non se ne vedeva da tempo. ps. Gazzanet, o rivedi questo forum su cui non si riesce a scrivere, oppure presto (ma vedo che sta già succedendo), non scriverà più nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy