Torino-Lazio, Basha è tornato il guerriero di una volta

Torino-Lazio, Basha è tornato il guerriero di una volta

Focus on / Il giocatore di origine albanese ha cancellato i mesi di inattività con una prestazione sontuosa

11 mesi. Questo è stato il periodo di assenza dall’undici titolare di Basha. Gli infortuni avevano messo in gabbia il mastino del centrocampo granata. Lui non ha mai mollato, neanche quando c’erano delle voci che lo volevano lontano da Torino. Ed è tornato.

CAPITANO – Il suo ritorno è stato da capitano. Il mediano granata si è letteralmente caricato la squadra sulle spalle. Ha lottato, corso, incitato i compagni di squadra in difficoltà poco avvezzi alla titolarità. Nonostante fosse per lui la prima presenza da titolare, il numero 4 granata sembrava esserlo stato  da inizio stagione vista la sicurezza e l autorità della sua prestazione che ha tentato di colmare quella deficitaria di alcuni suoi compagni.

GIOCATORE A TUTTO CAMPO – Basha è stato schierato come mediano davanti alla difesa. Abituato a giocare in un centrocampo a due e in caso di emergenza come quinto di destra, ieri sera ha occupato il ruolo che solitamente è svolto in maniera egregia da Gazzi. Basha non l’ha fatto rimpiangere. Il centrocampista svizzero ha fatto da frangiflutti davanti alla difesa, ha coperto ogni zona del campo con diagonali profondissime e ha smistato i palloni in maniera intelligente.

RESA FINALE E APPLAUSI – A un quarto d’ora dalla fine si è arreso ai dolori muscolari. Ha tentato di resistere fino alla fine: negli ultimi minuti, pur claudicante, continuava imperterrito ad andare su e giù per il campo, ingaggiando duelli con chiunque fosse vicino a lui. Nonostante l’uscita anticipata dal campo, la sua prestazione è stata di altissimo livello, luce nell’oscurità della sconfitta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy