Torino, l’Inter è una belva ferita: a San Siro per “mixare” voglia e testa

Torino, l’Inter è una belva ferita: a San Siro per “mixare” voglia e testa

L’Editoriale / A San Siro occorrerà interpretare i momenti della partita e, soprattutto, rifiutarsi di fare da vittima sacrificale

Stasera a San Siro l’Inter deve vincere a tutti i costi, è chiaro: la deludentissima situazione in casa nerazzurra rischia di diventare sportivamente tragica qualora Handanovic e compagni non facessero risultato pieno contro il Torino. Tutte le pressioni di un ambiente demoralizzato saranno sulle spalle dei nerazzurri. Quando una squadra è in queste situazioni, di solito reagisce in due modi: tira fuori gli attributi o si perde definitivamente in se stessa e nei propri dubbi. In ogni caso, il Torino dovrà scendere in campo pensando unicamente agli aspetti tecnici e tattici della partita: rifiutandosi di fare da agnello sacrificale e allo stesso tempo consapevole che i quattro punti in più in classifica non sono un caso.

Sarà un Torino che dovrà riprendere il discorso interrotto all’intervallo della sfida contro la Lazio, trovando continuità in primis dal punto di vista del gioco creato e dell’intensità messa in campo. Soprattutto, come chiede il suo allenatore, dovrà “mixare” la voglia di fare risultato con la lucidità nel sapere aspettare i momenti della gara. Concretamente: a San Siro ci si può aspettare un’Inter che attaccherà in massa e con disperazione ma al contempo concederà qualcosa dietro, come quasi sempre è successo in questa stagione. I granata – che partiranno certamente con qualche novità in formazione, come Moretti al posto di Castan infortunato e Obi per Baselli dal primo minuto – dovranno saper leggere i momenti della partita, sapendo soffrire quando è il caso e sapendo colpire quando si presentano le occasioni.

Credere fortemente in una vittoria che si può ottenere se questa partita, contro un avversario forte in un contesto particolare, sarà interpretata nel modo giusto. Mihajlovic è stato chiaro, quando in sede di presentazione del match ha spiegato di attendersi passi in avanti dal punto di vista della gestione del match. Sotto i riflettori di San Siro, per il Torino, la missione è giocare per i tre punti e farlo in modo intelligente.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alberto Fava - 1 mese fa

    Mah, stavolta al contrario di quasi tutte le altre non sono tranquillo.
    Penso che sarà veramente dura e mi auguro che non cedano i nervi a nessuno dei nostri.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. KanYasuda - 1 mese fa

    …bell’articolo, giusta analisi di quello che ci aspetta stasera. Mi sento tranquillo per il fatto che oltre per il giusto turnover, ( 3 partite in una settimana )Mihajlovic ,grazie alla disponibilità di tutti i suoi giocatori, può cambiare schieramenti in base all’evolversi della partita, cosa che l’Inter invece credo non possa fare, dato che lo stesso De Boer, per salvare la panchina, sia costretto a concedere maggiore affidamento solo a quei pochi che credono ancora in Lui

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Orny62 - 1 mese fa

    Castan squalificato? Ma non è infortunato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy