Torino-Livorno

Torino-Livorno

Gianluca Comotto si dimostra come al solito un professionista e si presenta di buon grado dinanzi ai taccuini dei giornalisti. Operazione che molti altri oggi hanno preferito dribblare.

Obiettivo raggiunto?
Sì, missione compiuta alla fine di una grande sofferenza. E’ stata una stagione difficile, con un livello del campionato medio davvero equilibrato come dimostra l’alta quota salvezza, 40 punti.

Durante…

Commenta per primo!

Gianluca Comotto si dimostra come al solito un professionista e si presenta di buon grado dinanzi ai taccuini dei giornalisti. Operazione che molti altri oggi hanno preferito dribblare.

Obiettivo raggiunto?
Sì, missione compiuta alla fine di una grande sofferenza. E’ stata una stagione difficile, con un livello del campionato medio davvero equilibrato come dimostra l’alta quota salvezza, 40 punti.

Durante la gara avete cercato con lo sguardo i risultati sul tabellone?
Devo ammettere che uno sguardo lo abbiamo datoe sul 3 a 0 per l’Empoli contro la Reggina pensavamo fosse davvero fatta. Poi è arrivata la rimonta calabrese e fortunatamente anche il gol vittoria della Samp.

Un pensiero rivolto al pubblico granata?
Per la nostra gente è stata una sofferenza, per via di una partita poco spettacolare. I nostri tifosi sono stati comunque ripagati dal raggiungimento della salvezza matematica.

Domenica a Milano si preannuncia una festa doppia?
Sì e cercheremo di onorare al meglio l’impegno.

Come valuta la gara di Fiore?
Ha fatto bene soprattutto nel primo tempo. Mi spiace per i fischi indirizzatigli dal pubblico poiché Stefano si è comportato da professionista.

La salvezza è la risposta immediata della Torino granata al ritorno della Juve nella massima serie?
In effetti è stato importante dare un senale di questo tipo. Ammetto che l’idea di giocare un derby con la maglia granata e magari con la fascia da capitano al braccio è un sogno.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy