Torino, Ljajic se ne va: dopo quasi tre anni i granata sono di nuovo senza la “10”

Torino, Ljajic se ne va: dopo quasi tre anni i granata sono di nuovo senza la “10”

La squadra granata si trova senza il suo numero dieci: ma non è la prima volta…

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Adem Ljajic lascia il Torino, e si accasa al Beşiktaş, squadra turca che lo ha portato via dall’Italia. Con l’addio del serbo, arrivato l’ultimo giorno di mercato, se n’è andato anche il numero “10” della squadra granata: il serbo aveva preso lo storico numero del Toro (e del calcio in generale) all’inizio della stagione 2016/2017, con giusta causa. Di norma, infatti, la maglia con il numero 10 sulle spalle viene data al giocatore che dispone delle qualità migliori nella squadra: non è una regola, ma una consuetudine usata spesso nel calcio mondiale. Non è un caso che i giocatori che hanno segnato la storia del gioco del pallone abbiano indossato quel numero, da Pelé a Maradona, fino a Roberto Baggio e Lionel Messi.

immobile

STORIA – E non è, a dir la verità, la prima volta che il Torino rimane senza il suo numero più prestigioso. L’ultima volta che i granata rimasero senza “10” fu nel 2015: con l’addio di Paulo Vitor Barreto, la maglia tanto ambito perse il suo proprietario, rimanendo inutilizzata, anche a causa di un giocatore con le qualità e la personalità necessarie per indossarlo, ad esclusione di Quagliarella, che indossava (e continua ad indossare) la numero “27” per motivi personali. Il Toro dovette aspettare sei mesi prima di ritrovare un giocatore con la numero “10”: a gennaio del 2016, infatti, tornò a Torino Ciro Immobile, attaccante rimasto nel cuore dei granata, che non poté riappropriarsi del numero 9 (sulle spalle di Andrea Belotti) e scelse – dunque – il numero dieci.

UFFICIALE – Ljajic al Beşiktaş. Il Toro: “Ti auguriamo le migliori fortune”

FUTURO – E dopo sei mesi, la dieci non rimase vacante: addio Immobile, ecco Ljajic, che scelse una casacca anche molto pesante, considerato chi l’aveva indossato (da Baloncieri a Zaccarelli, fino al capitan Mazzola). Ed ora, di nuovo, la “10” non ha proprietario: tra le motivazioni principali, c’è anche il fatto che i giocatori di grande qualità granata – come Iago Falque e Baselli – hanno sempre scelto ed utilizzato il numero che portano sulle spalle. Quindi, almeno fino a gennaio, il Toro non ha un numero “10”: si dovrà attendere un giocatore che abbia la personalità di sceglierlo. Oppure, un nuovo acquisto…

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14016624 - 2 mesi fa

    di chi ha preferito andare in Turchia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 mesi fa

      o di chi ha preferito giocare invece che stare in panchina.
      Pensa che coglione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14016624 - 2 mesi fa

    pensiamo al nostro amato Toro basta parlare di gente che interessa solo riempire il portafoglio e basta spero che ci rimanga tutto l anno in panchina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carlao - 2 mesi fa

      Riempire solo il portafoglio…di chi parli di Cairo?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Turin2.0 - 2 mesi fa

    Nessun rimpianto per uno dei (tanti) mercenari che non hanno idea di cosa significhi indossare la maglia granata o allenarsi al Fila l’unico rammarico è che nonostante la cessione di Adem e Niang purtroppo Edera non ha ancora trovato spazio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Simone - 2 mesi fa

    Maledetto che non hai accettato di entrare dalla panchina e te ne sei andato x il doppio dello stipendio.
    Non si fa così!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Fabio - 2 mesi fa

    Evviva! Parliamo ancora un po’ di Ljajic, un giorno senza far riferimento a lui era troppo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. valex - 2 mesi fa

    Dov’è il problema? Prendiamo Messi e siamo a posto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. SiculoGranataSempre - 2 mesi fa

    A Gennaio prendiamo Modric e gli diamo la 10 :-)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rock y Toro - 2 mesi fa

      L’unica cosa che possiamo prendere a gennaio è il raffreddore! E Cairo sarebbe contento perché gratis

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GlennGould - 2 mesi fa

      Non spargere troppo la voce, che poi diventa una notizia giornalistica, a gennaio Modric resta a Madrid e scoppia il putiferio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. claudio sala 68 - 2 mesi fa

      C’è sempre Cassano in giro…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy