Torino, con Alfred la dinastia Gomis saluta. Quegli errori dell’estate scorsa…

Torino, con Alfred la dinastia Gomis saluta. Quegli errori dell’estate scorsa…

Focus on / Dopo tutta la trafila nelle giovanili granata l’estremo difensore non è riuscito a convincere il Torino a puntare su di lui

11 commenti

Finisce così l’avventura di Alfred Gomis al Torino, e con la sua anche quella della famiglia di portieri cresciuti a pane e Toro, visto che lo scorso anno hanno salutato a titolo definitivo anche il fratello maggiore Lys (oggi svincolato) e il fratello minore Maurice (oggi al Cuneo). Ma Alfred è stato, dei tre fratelli, quello che è andato più vicino a prendersi il Toro (sebbene Lys sia riuscito ad esordire in Serie A nel 2013). Già, perchè lo scorso anno, dopo 12 anni nelle giovanili del Toro, il ragazzo aveva nelle proprie mani il futuro della porta granata, con Mihajlovic che lo aveva scelto come portiere titolare nelle gerarchie di inizio estate. Così però non è stato. L’estremo difensore, che ha salutato la società in cui è cresciuto tramite un breve messaggio d’addio, ha firmato per la Spal, chiudendo così definitivamente un capitolo importante della sua vita.

La sua avventura al Torino ha avuto un andamento sinusoidale. Prima le speranze, i sogni, l’obbiettivo di diventare il futuro numero uno granata. Dopo aver fatto ottime cose nella Primavera, dal 2013/2014 Gomis inizia il suo lungo peregrinare in prestito in serie B. Prima Crotone, poi Avellino e Cesena: dopo tre annate ad alti livelli in cadetteria, in cui si distingue tra i migliori portieri. Nell’estate 2016 il Toro lo riporta a casa base, con la speranza che possa finalmente compiere quello che – nell’immaginario collettivo – era il suo destino. Mihajlovic prova a lanciarlo come primo portiere nelle amichevoli estive: a tradire il portiere classe 1993 è però l’emozione. Il giocatore compie qualche errore di troppo: prima con un brutto liscio in amichevole con il Renate a Bormio, poi una goffa uscita al Da Luz di Lisbona, nella Eusebio Cup contro il Benfica, che causa un gol. Miha finisce per non fidarsi più di lui. Padelli si riprende il posto di provvisorio titolare. Al Torino, poi l’ultimo giorno di mercato arriva Hart. Il ruolo di terzo portiere non può che stare stretto, allora il classe ’93 – complice anche il problema cardiaco di Mirante – sceglie di trasferirsi ancora una volta in prestito, questa volta in serie A, a Bologna.

alfred gomis

Una bella occasione in Serie A, finalmente: ma la sfortuna lascia il segno. Due giorni dopo l’arrivo, una frattura ad un a mano occorsa in allenamento pone praticamente già fine alla sua esperienza bolognese. A gennaio di quest’anno il via a una nuova partenza a titolo temporaneo tra le fila della Salernitana. In serie B, sicuramente, Gomis è ormai una certezza: la squadra campana si salva con agio e il portiere è autore di diverse ottime prestazioni. Ma a Torino ormai non c’è più spazio per lui. Il Toro acquista Sirigu, il ragazzo non è mai sfiorato dall’idea di fare il secondo portiere. Con il contratto in scadenza 2018, è finita l’era dei prestiti per accumulare esperienza: Alfred sceglie allora la Spal, che lo acquista in prestito con obbligo di riscatto. A Ferrara, Alfred si giocherà finalmente la maglia da titolare in una squadra di Serie A.

Due strade che sembravano destinate a incrociarsi quelle del Torino e di Alfred Gomis, ma si sa: a volte gli amori non sbocciano o – come in questo caso – nascono troppo prematuramente e poi, con il passare del tempo, si affievoliscono. Questo è lo strano caso di Alfred Gomis: promessa (purtroppo) mai mantenuta, divenuta esubero.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. maraton - 5 mesi fa

    lo conosco da quando era un ragazzino e ho sempre seguito la sua carriera sperando che un giorno potesse essere il “nostro” portiere. così non è stato purtroppo, ma gli auguro una splendida carriera ovunque andrà, perchè è un vero ragazzo del fila (in senso metaforico). comunque per conto mio, che di portieri non ci capisco molto in verità, è forte…molto forte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. blackmapan_574 - 5 mesi fa

    Utilizzare gomis per difendere l’operato di cairosiamoapostocosi che non ha acquistato hart o attaccare sinisa che gli ha preferito dei portieri più bravi mi fa sorgere un interrogativo: ma voi siete tifosi del toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Leojunior - 5 mesi fa

    Cmq dopo anni tra i migliori in b, il secondo al toro ci stava. Per quello che si è visto è meglio di ichazo.. Non si può giudicare un ragazzo per un paio di errori in amichevole. Secondo di me ha litigato con mihajlovic.. Pessima scelta secondo me…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Torogranata - 5 mesi fa

    Sono convinto che peggio di Hart non avrebbe fatto.
    Cmq tanti auguri per una buona carriera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. faina76 - 5 mesi fa

      Condivido,Hart è un portiere sopravvalutato,il fatto stesso che Guardiola (che non mi sembra l’ ultimo cretino) non voglia vederlo neanche da lontano e che abbia tutte queste difficoltà a trovare squadra ne sono la dimostrazione.Chi lo idolatrava tanto quest’anno dovrebbe spiegarci qualcosa.Per quanto riguarda Gomis,un augurio di una buona carriera,il fatto stesso che abbia ringraziato il Toro per averlo portato a giocare in serie A,dimostra che persona è.In un’epoca di montati che vanno nel calcio che conta e dopo tre anni rescindono e sono senza squadra non mi sembra poco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. toroxsempre - 5 mesi fa

        Hart non trova squadra per il costo del suo cartellino. Va bene tutto ma forse dimentichi che ha fatto una stagione con ajeti rossettini e altre perle difensive. Strano che a Manchester i tifosi lo rivogliano. Per anni portiere della nazionale…votato spesso come miglior portiere in premier. Forse meritiamo Pastine, Calderoni,Morello…ecc ecc… Alfred deve giocare e non fare il secondo. Sulle qualità nulla da dire visto che quando lo allenavo ho vinto la scommessa con lui che sarebbe arrivato in alto..e ne abbiamo riso giusto ieri. La sua dimensione attuale è quella che si appresta a vivere in una realtà come la Spal

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. faina76 - 5 mesi fa

          Oppure meritiamo Castellini Bagigalupo,Vieri o Marchegiani,non discuto la difesa scarsa,66 gol presi e una delle peggiori di sempre,discuto lui,un portiere sopravvalutato come ha ampiamente dimostrato la scorsa stagione e visto che parli di perle

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. faina76 - 5 mesi fa

            ricordo i gol presi contro l’Inter da galleria degli orrori.

            Mi piace Non mi piace
          2. toroxsempre - 5 mesi fa

            Probabilmente i tifosi del City sono autolesionisti

            Mi piace Non mi piace
    2. Flower17 - 5 mesi fa

      Faina76 ma non scherziamo senza Hart non saremmo arrivati neppure fra le prime 10 ma hai ragione tu in attacco invece meriteremmo Messi e Ronaldo. Mi puoi dire in base a cosa nessuno vuole venire in realtà dove il tetto di ingaggi non supera i 1,5 milioni annuali.
      Joe un signore che si è innamorato di questa maglia.
      Detto questo dispiace pure a me che non esistano più i Pulici che stanno al Toro perché il Toro è il Toro.
      Ma il calcio è cambiato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. faina76 - 5 mesi fa

        Messi e Ronaldo non sono mai stati nel Toro,i quattro portieri che ho citato io sì e tre di loro (apparte Bagiga) li ho pure visti.Sono vecchio purtroppo.Non ho mai discusso Hart come persona e per come si è calato nella realtà Toro,l’ho discusso come portiere.Comunque non è obbligatorio che la pensiamo allo stesso modo.Voi pensate che Hart sia un ottimo portiere? Io penso di no.Forza Toro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy