Torino, l’uno contro uno fa la differenza: ma ai granata il dribbling riesce poco

Torino, l’uno contro uno fa la differenza: ma ai granata il dribbling riesce poco

Statistiche / I numeri del campionato sui tentativi riusciti e falliti di saltare il diretto avversario: granata sedicesimi, comanda l’Empoli

6 commenti

L’organizzazione di squadra è un elemento fondamentale per costruire una base solida, un gruppo nel quale ogni giocatore conosca i differenti movimenti da mettere in pratica e sia così in grado di adeguarsi a tutte le situazioni senza alterare l’equilibrio del collettivo. Molte volte però, a questa organizzazione collettiva, si aggiunge l’invenzione personale portata dal talento del singolo giocatore che spesso risulta fare la differenza: per sbloccare partite che viaggiano sull’onda dell’equilibrio, è infatti fondamentale che un giocatore “si inventi” la giocata vincente e superi così l’avversario diretto nell’uno contro uno. Sul terreno di gioco ovviamente vanno in scena moltissimi testa a testa tra i protagonisti appartenenti alle due diverse formazioni, e molto spesso nel momento in cui un giocatore non riesce a prendere le contromisure al dirimpettaio quest’ultimo diventa l’uomo più pericoloso in campo poiché è costantemente in grado di agire indisturbato.

L'EMpoli raggiunge 24 punti, superando il Torino in classifica
L’Empoli è la squadra con più dribbling tentati e riusciti (39/25 in media) di questa Serie A

Riuscire a prevalere nell’uno contro uno è dunque fondamentale, ed ecco perchè proponiamo una classifica della media-partita dei dribbling tentati e riusciti in questi primi mesi da parte di tutte le formazioni di questa Serie A, un confronto interessante che può rivelare anche l’impostazione tattica delle partite da parte dei vari tecnici. In testa a questa speciale graduatoria si trova la sorpresa Empoli che finora ha tentato ben 39 dribbling a match, dei quali in media 25 risultano vincenti, questo chiaramente grazie anche all’imprevedibilità sul fronte offensivo di giocatori come Saponara e Maccarone. Stessa media di tentativi per il Milan, che però ne porta a termine due in meno (23) e si colloca dunque al secondo posto in questa graduatoria, davanti all’Inter forte di 22 successi su 36 tentativi. Identico numero di dribbling riusciti per la Juventus che però ne tenta in media uno in più rispetto ai nerazzurri: 37. A seguire Lazio (37/21) Napoli (33/20) Roma (35/20) Genoa (32/20) ed a sorpresa il Carpi, i cui giocatori su 32 volte riescono a saltare l’avversario in 20 occasioni; chiude la top ten in Palermo (34/20).

AC Chievo Verona v Torino FC - Serie A
Solo 14 dribbling riusciti a partita: la media del Chievo è la più bassa del campionato

Non sempre la grande qualità del reparto offensivo è sinonimo di vittoria semplice nei testa a testa sul campo, ed infatti la Fiorentina si colloca in undicesima posizione con 31 tentativi di media e 19 successi; immediatamente a ruota Sampdoria (32/18) Sassuolo (31/18) e Frosinone (33/17). Esattamente le stesse statistiche in questa speciale classifica per il Torino di Ventura e l’Hellas Verona di Del Neri, sia granata che scaligeri tentano in media 28 dribbling per partita, dei quali 17 si concludono con l’avversario alle spalle: è chiaro come per i granata le ultime prestazioni scialbe abbiano influito anche su questi numeri, abbassando notevolmente la media. Dopo l’Udinese, 29 tentativi 17 successi, chiudono questa speciale classifica Atalanta, Bologna e Chievo, rispettivamente con: 27/17, 30/16 e 24/14.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …credo che adesso stiano cercando proprio un sostituto di Elkadurri…ma sarà durissima…serve uno tecnico e potente e che sappia far girare la squadra e si inserisca bene…Baselli è bravo tecnicamente ma fisicamente e a livello di personalità deve crescere ancora parecchio…credo che Kone sia un giocatore che potrebbe dare qualcosa in + al TORO…ma non certo quello che dava ElKadurri…per me uno dei centrocampisti + forti che ho visto passare dal TORO negli ultimi 20-30anni…giocatore fondamentale per il gioco di Ventura…e infatti credo abbia fatto l impossibile per trattenerlo…ma quando hai un procuratore come Raiola in una squadra ci rimani al max 2 o 3 anni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Leo - 2 anni fa

      Premesso che sono tra quelli che hanno difeso su questa testata, sempre, a spada tratta, Omar El Kaddouri (perfino sulla scelta della Nazionale in cui militare) non capisco cosa hanno a che fare i tifosi con la scelta di cedere questo giocatore. Per l’ennesima volta lei si dimostra fazioso come il peggiore dei tifosi e la logica è contro di lei: o El Kaddouri valeva la cifra, come io credo (ed allora si è trattato di una valutazione sbagliata da parte di Cairo, un altro errore di Cairo) o non la valeva (ed allora, da quello che dice, a sbagliare è lei). E poi : Raiola ha decine di giocatori, alcuni dei quali stanno con la stessa squadra da molti anni, come, tra l’altro, lo stesso Ignazio Abate che è al Milan ormai da non so più quanti anni…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …quando dicevo che ElKadurri era un giocatore fondamentale per il TORO…i piangina-spalamerda lo insultavano…e lacrimavano…la potenza tecnica di ElKadurri in serieA l hanno in pochi…e gli avversari si saltano con la tecnica e la potenza…ma trovare un giocatore come ElKadurri sarà durissima…magari sarebbe stato meglio non fischiarlo quando indossava la maglia GRANATA…ma si sa i piangina-spalamerda sono dei genidelcalcio…prima insultano e piangono…e poi lo rimpiangono e piangono…importante è piangere insomma…e bagnare il divano…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

    Lacuna facilmente immaginabile già ad Agosto,un grave colpa non aver sostituito El Kaddouri con un altro trequartista.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Leo - 2 anni fa

    La capacità di dribblare è uno dei nodi cruciali del gioco e non è detto che sia un atto “individuale”: se i compagni del giocatore che dribbla possono contare su questa capacità sono agevolati nel gioco senza palla. E’ quanto avveniva con Cerci, le cui abilità venivano sfruttate soprattutto da Immobile. Adesso non abbiamo Cerci e neanche El Kaddouri. Peres in parte supplisce ma non basta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ex calciatore - 2 anni fa

    Rimpiangere KADDOURI detto EL fa male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy