Torino, un girone di ritorno da 33 punti: Mazzarri “vede” il suo record personale

Torino, un girone di ritorno da 33 punti: Mazzarri “vede” il suo record personale

Record / A Napoli conquistò 39 punti nel girone di ritorno e finì secondo; al secondo posto c’è la stagione 2007/08 con la Sampdoria quando portò a casa 35 punti (sui 60 totali) e terminò al sesto posto

di Roberto Ugliono
GettyImages-1134100338-min

Mazzarri contro Mazzarri. Il tecnico del Torino, che ha conquistato 33 punti nel girone di ritorno quando mancano due partite, è a 6 punti dal suo record di punti nel girone di ritorno in Serie A, stabilito con il Napoli nel 2012/2013: all’epoca finì il campionato secondo in classifica. Per eguagliarlo, dunque, servirebbero due vittorie nelle restanti partite. A sottolineare i numeri di Mazzarri, era stato Cairo dopo la gara con il Sassuolo, che, dopo aver analizzato il record di punti in una stagione per i granata, sottolineò anche quanto sia speciale questo girone di ritorno anche per lo stesso allenatore. Il secondo posto di questa speciale classifica personale del tecnico è, invece, dei tempi della Sampdoria. Era l’annata 2007/2008 e con i blucerchiati finì al sesto posto in classifica, dopo un girone di ritorno di altissimo livello con 10 vittorie e 5 pareggi.

Torino-Sassuolo 3-2, Cairo: “Grande gioia. Mercato? Teniamo tutti e puntelliamo la rosa”

2012/2013 – Il secondo posto con i partenopei arrivò dopo un campionato stellare. Mazzarri e il Napoli conquistarono ben 70 punti in campionato, grazie anche un Cavani semplicemente mostruoso, che mise a segno 29 reti e si laureò capocannoniere della Serie A. Insomma, eguagliare questo record significherebbe aver bissato una parte di campionato di chi, sei anni fa, sfidò la Juventus per il primo posto e si qualificò alla Champions League.

2007/2008 – Ancora più vicino è il record stabilito alla Sampdoria di 35 punti nel girone di ritorno. All’epoca conquistò in totale 60 punti, esattamente come quelli fatti fino a ora con il Toro. Quell’anno, però, Mazzarri terminò al sesto posto con la Doria e, ora, quei punti potrebbero non bastare neanche per finire al settimo posto. Con due pareggi, quindi, il tecnico di San Vincenzo potrebbe eguagliare quella stagione, ma potrebbe non bastare per una qualificazione in Europa League. Servirà dunque superare i punti fatti con i blucerchiati per sperare in un finale di stagione felice.

22 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata - 1 settimana fa

    Leggo da alcune parti l’ aggettivo “straordinario” per definire questa stagione e lo trovo un po’ esagerato, almeno per ora. Certo se facciamo sei punti nelle ultime due partite e ci piazzamo sesti, allora si può dire che siamo andati un tantino al di là delle previsioni. Se non sarà così avremo fatto una “buona” stagione, tenendo però presente che per la prima volta la società non ha venduto i migliori e ha investito parecchio, dando a Mazzarri una “rosa” da tutti gli osservatori considerata come decisamente competitiva. Certo poi alcune cose si sono complicate: Mazzarri non ha apprezzato l’ arrivo dei due “colpi” di mercato, Zaza e Soriano, e li ha tenuti ai margini del suo progetto tattico; la società ha deciso di privarsi di Ljajic, l’ uomo di maggior classe e tecnica, e Mazzarri non ha mosso un dito per tenerlo. I contraccolpi si sono sentiti sul piano del gioco e bisogna onestamente dire che di prestazioni da ricordare il Toro ne ha fatte pochine. Il deludente o molto altalenante campionato di altre squadre (Milan, Roma, Lazio, Fiorerntina, Sampdoria, Sassuolo, Udinese) ci ha permesso di risalire la china e di trovarci a sperare nell’ Europa, che a un certo punto sembrava un obiettivo svanito. Da tre partite, poi, Mazzarri ha cambiato registro: il Toro si è fatto più coraggioso, ha alzato il baricentro, pressato alto, si è sveltito. Segno sicuramente di una buona condizionme fisica (e di questo va dato merito a Mazzarri), ma anche motivo di qualche rimpianto. Si è visto, ad esempio, che la coppia Belotti/Zaza, al di là della testa un po’ matta di quest’ ultimo, ha potenzialità interessanti e, forse, se il tecnico l’ avesse rodata con un po’ di pazienza avrebbe potuto farci raggranellare quel paio di punticini in più che adesso ci servirebbero come il pane. D’ altronde, Belotti ha patito la mancanza di una spalla e il fatto di dover svariare in lungo e in largo lo ha penalizzato per molte partite (tanto che anche su questo sito molti sostenevano che gli avrebbe fatto bene un po’ di panchina). Spero che di certe carenze società e Mazzarri facciano tesoro, perchè solo così il Toro potrà piazzarsi in modo continuativo nella parte alta della classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giaguaro 66 - 1 settimana fa

      Complimenti Granata hai espresso un concetto semplice, realista, chiaro a molti ma da molti non capito. Sono d’accordo con te e altre volte con parole differenti ho espresso lo stesso concetto, molto probabilmente non bene come l’hai fatto tu ma uguale nella sostanza. Come vedi però anche se di poco i meno vincono…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 settimana fa

    Mazzarri è brutto, sporco e cattivo. Nel senso che il suo Toro non fa un gran calcio, le sue conferenze stampa sono sempre all’insegna del pianto o auto celebrative.
    Però sa fare una cosa: Sa costruire una squadra unita. Crea un gruppo solido che non è mai facile da battere. Senza delirio, credo che il Toro quest’anno sia stata la squadra più rognosa e difficile da incontrare.
    Ora completi l’opera. Con due vittorie e un tanto di culo che noi non abbiamo ma lui si, che faccia vincere la coppa Italia all’Atalanta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granata - 1 settimana fa

    Molti esaltano il gioco dell’Atalanta (spero vinca il suo secondo trofeo , stasera) ma non tengono in conto i tre anni passati con Gasperini. A loro, come ambiente non invidio il gioco ma la maturita. Ricordo l’atteggiamento dei tifosi post 7-0 subito. Sono sicuro che Mazzarri, puo non piacere,ma in tre anni al Toro , farà meglio. Senza interventi esterni, già quest’anno….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GlennGould - 1 settimana fa

    Bel gioco. Il bel gioco quest’anno l’ho visto, e neanche sempre, solo All’Atalanta. E al Napoli di Sarri, quindi non quest’anno.
    Perciò, di che parliamo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 1 settimana fa

      Esatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iard68 - 7 giorni fa

      Di che parliamo? Si parla di calcio appunto, o almeno si dovrebbe. Mal comune mezzo gaudio? Per mia esperienza, uno dei proverbi più sballati… se è male, alla fine non si gode mai.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. eurotoro - 1 settimana fa

    concordo con tutti i commenti letti…soprattutto col fatto di non smantellare la squadra x poter finalmente ambire alla continuita’( sempre tra le prime 6)….ma aime’ non mi illudo piu’…non tanto x il PRESIDENTE..che lo vedo finalmente ambizioso…quanto al fatto che difficilmente i giocatori piu’ quotati resteranno se non si va in europa…perche’ offerte di stipendi milionari di squadre che fanno la champions arriveranno…ah se arriveranno!…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cecio - 1 settimana fa

      Io invece non penso che i ns giocatori avranno un mercato esagerato fra qualche mese…e questo per via di alcune situazioni contingenti. Per es:
      – Belotti: se non arriva l’offerta da 70/80 mln non va da nessuna parte…e sono più che certo che non arriverà un’offerta del genere
      – Sirigu: di gran lunga il miglior portiere del campionato, ma ha 32 anni e non so se arriveranno offertone per lui
      – Rincon: è un valore aggiunto per noi, ma al di fuori viene considerato un onesto gregario del centrocampo
      – Zaza: dopo la stagione fallimentare non credo ci sarà la fila per comprarlo
      – Ansaldi: stesso discorso di Sirigu
      – N’Koulou: qui il discorso si fa più complesso..ha 29 anni e potrebbe attirare su di sè qualche attenzione di troppo
      – Izzo: lui sarà quello con più mercato, giovane e quest’anno ha fatto una stagione memorabile

      Per me solo gli ultimi 2 sono “a rischio” offerte di un certo calibro e qui Cairo dovrà cercare di blindarli in un modo o nell’altro (aumento di ingaggio?).
      Poi chi vivrà vedrà…magari si presenta il PSG che vuole comprare Niang per 100 mln e non ci sarebbero più problemi! :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. DenisLaw - 1 settimana fa

    Devo dire, pur non amando molto Mazzarri come allenatore, che ha fatto un ottimo lavoro, il massimo che poteva fare. . Concordo che proseguire e non smantellare la squadra sia la condizione necessaria per poter alzare l’asticella. Lavorare con lo stesso gruppo dopo aver lavorato molto sulla testa dei giocatori è fondamentale per l’allenatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Luke90 - 1 settimana fa

    Che si arrivasse a questo punto non era neanche così impossibile da immaginare. E’ il frutto di un percorso intrapreso con Ventura… che con Mazzarri vede la sua naturale continuazione.
    Il progetto c’era, a mio avviso, come più volte ribadito, c’è… e non si poteva non vederlo.
    Lo scorso anno temevo che Cairo risentisse un po’ degli investimenti infelici e della posizione di classifica se commisurata agli sforzi economici (non personali) profusi…e invece ha continuato in quell’opera.
    Non so se andremo in EL (cosa che dispiacerebbe) ma so che quest’anno il tifoso del Toro più pragmatico (che è diverso dall’essere accontentista) e più paziente ha iniziato a sognare di nuovo.
    Io non faccio testo perchè sono tre anni che dico che “questa” squadra è da EL, ma quanti avrebbero immaginato un sondaggio riguardo il giocare o meno la prossima CL. Pochi, pochissimi.
    Quest’anno quasi tutte le scelte sono state azzeccate. Su chi è nuovo, allenatore compreso, occorre dare quel minimo di tempo di adattamento e alla fine il potenziale e i risultati, insieme al lavoro, arrivano.
    Non sono romantico, l’ho detto più volte, ma spero tanto che in alcuni dei nostri attuali giocatori sgorghi dal cuore quel senso di appartenenza che deriva non dal denaro ma dal lavoro, dal sudore, dall’essere parte di un gruppo, dalla determinazione e dalla consapevolezza che certi obiettivi si possono sicuramente raggiungere, e raggiungere insieme.
    Cairo ha fatto molti errori e credo stia imparando… e non solo a gestire la società.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granatadellabassa - 1 settimana fa

    Mazzarri sta tirando fuori il massimo dalla rosa a disposizione. La squadra ha assimilato i suoi concetti e ha acquisto consapevolezza nei suoi mezzi. Ora speriamo che non ci siano partenze eccellenti nel prossimo mercato.
    Superfluo dire che la qualificazione europea ci aiuterebbe molto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. generazionenuova - 1 settimana fa

    …e se guardiamo la classifica del girone di ritorno fin qui il toro é terzo!

    Quindi quest’anno vada come vada, ma se questa estate non si smatella la squadra (e non mi pare l’intenzione), per l’anno prossimo abbiamo un grande potenziale!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Giaguaro 66 - 1 settimana fa

    sui punti niente da dire è stato bravo! Speriamo il prossimo campionato di vedere un gioco e qualche giovane granata di bella promessa titolare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. anpav - 1 settimana fa

      Mi permetto un commento nel commento.
      Leggo ad ora “3 non mi piace” sul commento di Giaguaro.
      Mi permetto: non ha scritto che Mazzarri ha fatto male; anzi ha espresso una speranza che ho anche io e che forse abbiamo tutti: maggiore spettacolo e il lancio di una bella promessa granata; es Millico.

      Poi in definitiva, io credo che abbia fatto un lavoro ottimo. In campo va una Squadra di 14 leoni, chiunque scenda in campo. Lottano come Questa maglia richiede per tradizione.
      Uomo di poche parole e di molti fatti. Meno fanfarone di chi l’ha preceduto, e più sul pezzo.
      Da confermare per dar seguito a questo progetto che io vedo come appena avviato; il meglio deve ancora venire.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giaguaro 66 - 1 settimana fa

        Grazie ANPAV! Ho molto apprezzato il tuo intervento; i meno sono arrivati a 13 ma purtroppo su questo forum credo ci sia qualche analfabeta che riesce a mettere solo meno o più a seconda del nome della persona che scrive il commento…non importa, l’unica cosa che conta è il nostro TORO! Grazie ancora ciao

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Tarzan - 1 settimana fa

    L’anno prossimo 34 all’andata e 36 al ritorno. 70 punti e qualificazione in Europa, quella giusta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tarzan - 1 settimana fa

      Lasciamo che le altre squadre cambino allenatore e facciano rivoluzioni. Noi restiamo questi e diventiamo un incubo per tutti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. GranaSiempre - 1 settimana fa

    E aggiungo: dDei 27 punti dell’andata, vero che alcuni li abbiamo gettati con delle prestazioni discontinue, ma quanti ce ne hanno scippati???
    Roma, Udinese, Bologna, Fiorentina, Parma, Venaria e via dicendo…
    Non vi dico 4,6,8 pt, ma di sicuro saremmo già in paradiso!
    Quanto si fanno sentire purtroppo oggi…
    Come on and FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. GranaSiempre - 1 settimana fa

    La sintesi di come un allenatore riesca a lavorare su una squadra ed infondere progressivamente concetti tecnico-tattici e caratteriali che fanno la differenza!
    Che passo il grande WM… Simply TOP!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Bischero - 1 settimana fa

    Mi auguro con tutto il cuore di fare sti 39 punti alla fine del ritorno. Dobbiamo crederci. Spingiamo la squadra verso l obbiettivo perché anche noi siamo parte di questo gruppo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Mimmo75 - 1 settimana fa

    Un grande, punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy