Atalanta-Torino, mediana “leggera” in affanno: appunti per il futuro

Atalanta-Torino, mediana “leggera” in affanno: appunti per il futuro

Il centrocampo / Il trittico Baselli, Valdifiori, Benassi non reggono il confronti fisico contro pariruolo più “pesanti”. E la gara di domenica è stata un’indicazione importante anche per le “rotazioni”…

13 commenti

A Bergamo, contro la Dea, il centrocampo del Torino si è trovato a soffrire in maniera evidente: i bergamaschi hanno buttato nella mischia la sorpresa ivoriana Kessié, il quale, nel finale di gara, ha colpito dritto al cuore la squadra di Mihajlovic, con un tiro dal dischetto terminato in rete. Al di là però della bravura degli avversari, qualche crepa nel reparto centrale c’è stata. E il gap tra i due reparti a confronto, è stato anche e soprattutto sul piano “fisico”.

La “leggerezza” del reperto mediano schierato da Mihajlovic a Bergamo (Valdifiori, Benassi e Baselli) ha fatto sì che il Toro soffrisse e non poco la fisicità di quello orobico, e in una partita di questo tipo è facile andare in affanno in interdizione e recupero palla con questo tipo di giocatori – più abili in partite di “controllo”. Dal punto di vista degli episodi, ad andare particolarmente male è stata la coppia Benassi-Baselli, entrambi non troppo temerari e sottomessi dalla potenza fisica dei padroni di casa La mediana già vista contro il Bologna, a Bergamo è sembrata solo un lontano ricordo, non corrispondente alle reali qualità dei centrocampisti già descritti, i quali, nel corso della loro avventura granata, hanno già dato alla luce prove di forza degne di alti livelli.

La pecca dell’infortunio di Valdifiori è stato un carico ulteriore alla pessima prestazione del reparto centrale. Ma la crepa più evidente – come detto – c’è stata soprattuto dal punto di vista fisico, qualità che, nella mediana del Torino, non abbonda di certo: il trittico schierato a Bergamo pesa infatti non più di 210 kili, e non può di certo reggere il confronto con i giocatori di Gasperini, tutti molto forti fisicamente e propensi ad uno stile di gioco la cui proprietà principale è la forza. Del resto Mihajlovic era abituato ad avere dei centrocampisti proprio con queste caratteristiche, soprattutto ai tempi di Sampdoria e Milan, quando i vari Duncan, Obiang e Kucka rompevano spesso il gioco a suon di inserimenti e fisico. Ciò non boccia affatto il tridente “titolare” granata, ma ci sarà tanto da lavorare, e – in ogni caso – le “alternative pesanti” Obi, Acquah e Vives si renderanno più che utili proprio in partite “simili” a quella dell’Atleti Azzurri d’Italia, permettendo di compensare quello stacco, così fondamentale per “riequilibrare” partita di affanno e corsa.

13 commenti

13 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. FVCG'59 - 4 mesi fa

    Spiace doversi ripetere, anche perché due sono giovani che dovrebbero essere i pilastri su cui fondare la squadra di domani, ma nel calcio moderno è fondamentale avere il fisico (se non sei Messi): Baselli e Benassi sono anche bravi tecnicamente ma subiranno inevitabilmente il peso fisico degli avversari se non mettono su massa muscolare…
    Guardate Belotti che presenza fisica ha in campo rispetto a loro: possibile che non si possa fare nulla a Riguardo? Altrimenti diventa chiaro il motivo per cui c’è li hanno lasciati comprare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Jerry - 4 mesi fa

    Il problema del nostro centrocampo è la mancanza di personalità. Domenica l’unico che ha retto il confronto è stato Valdifiori, finché non ha subito il colpo alla coscia, dava copertura, si proponeva all’appoggio e giocava massimo due tocchi. Sono le due mezz’ali che hanno palesato mancanze che già lo scorso campionato aveva evidenziato. il Benassi il compitino lo ha svolto in maniera scolastica è nulla più. Baselli neanche quello, ha girato a vuoto per tutto il tempo che è stato in campo. Ha fatto fare la figura del fenomeno a quel Kessie, che è si un buon giocatore, ma di sicuro non tutto questo fenomeno. Ora la domanda sorge spontanea: ma chiunque alleni il Toro, è proprio così sicuro che Baselli è una mezz’ala? Dalle prestazioni dello scorso campionato è dall’inizio di questo non sembra. Ha tecnica si, ma manca di velocità e fisicità, e il monopasso che ha da a capire che sia più portato a fare il metodista che la mezz’ala. E poi bisognerebbe iniziare a dirgli che se ogni tanto rifila qualche calcione su gli stinchi a gli avversari, non è fa’ un reato penale, ma fa capire all’avversario che lui c’è…. Sveglia BASELLI!!!!! ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pimpa - 4 mesi fa

    Tolti Benassi e Baselli,che, come scrissi dopo qualche partita dello scorso campionato, sono giocatori per un verso o per un altro che si adattano perfettamente alla modesta qualità della nostra rosa e dai quali non c’è da aspettarsi niente di più di quello che hanno dato finora, cioè pochino, sento parlare di Valdifiori come se fosse Iniesta.
    Dico: va bene, sarà certamente migliore dei calcianti che abbiamo a centrocampo, va bene che ricopre finalmente il ruolo di regista che ci mancava, ma attenzione ai facili entusiasmi.
    Parliamo di un giocatore che per miracolo ha fatto la sua prima stagione in serie A a 30 anni e che, appena si è trattato di andare a giocare in una squadra più attrezzata, non ha più visto il campo. In più, si parla di un moscerino che casca per terra con uno scaracchio visto che pesa 50 kg con la coratella.
    Dunque non abbiamo comprato niente di che, non possiamo pensare che così si sono risolti i problemi. Anch’io sono un regista,sono più alto e peso qualche chilo in più di Valdifiori, ma se il Toro mi acquistasse i problemi rimarrebbero tali e quali.
    Dobbiamo dirci la verità: anch’egli è un giocatoruccio da squadra di metà classifica della serie A. E con questo ho detto tutto, come diceva Totò.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 4 mesi fa

      Al termine del mercato mi ero permesso di ricordare che Valdifiori era la terza scelta di Sarri e fui coperto di improperi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. sysma_558 - 4 mesi fa

    Io penso che il problema non sia stato solo di leggerezza ma di quanto l’attacco supporta la mediana nelle fasi di ripiegamento e copertura. Domenica l’unico che ripiegava in copertura era Falque gli altri Maxi e Martinez non essendo in condizione non l’hanno fatto (non dimentichiamo quanto lavoro di copertura fa Belotti). Quindi perchè non giocare con Boye centrale e Aramu esterno ?!!!!!
    Perchè Miha a cannato la formazione iniziale e non ha avuto il coraggio di inserire da subito almeno loro e magari anche Barreca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Torello_621 - 4 mesi fa

    Sono un inguaribile nostalgico lo ammetto, mi manca Gazzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. miele - 4 mesi fa

    Riflessione: il nostro genio del mercato ha scoperto Gustafson e Lukic che non vengono nemmeno convocati. All’atalanta hanno scoperto Kessie che domenica ci ha castigsti ed è capocannoniere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sysma_558 - 4 mesi fa

      Se non vengono convocati cosa c’entra Petrachi ? Il “genio” come dici tu non lui ma il mister.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. miele - 4 mesi fa

        Beh, mi sembra una bella coppia!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. alextattoli@libero.it - 4 mesi fa

    Il centrocampo è davvero leggerino. Secondo me per giocare a 3 devi avere gente che vale per due, alla Vieira per capirci. Come fanno Baselli Benassi e Valdifiori, in tre, con tutto l’affetto, a sovrastare una mediana avversaria fatta anche solo di un giocatore in più?
    I nostri attaccanti non tornano a fare i centrocampisti, e i difensori che abbiamo è meglio che se ne stiano dietro! Per reggere, in mezzo, dobbiamo mettere dentro Obi e Acquah, ma a questo punto il gioco cessa definitivamente.
    Una soluzione potrebbe essere Obi-Valdifiori-Acquah, ovvero due cagnacci che sradicano il pallone agli avversari con i ignoranza, e lo consegnano al ragioniere che imposta.
    Ma poi come accettare Benassi e Baselli esclusi? Sarebbe putiferio.
    È proprio il centrocampo a 3 il problema.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sysma_558 - 4 mesi fa

      Il centrocampo a 3 è il problema se l’attacco non fa copertura, anche Obi-Acquah-Valdi sarebbero in crisi se li prendono in superiorità numerica. Poi magari con questo trio ci si lamenta dei piedi storti di Acquah ecc. ecc.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Willbull75 - 4 mesi fa

    Poche palle, abbiamo fatto una brutta partita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. scannone15 - 4 mesi fa

    Benissimo.concordo in pieno. Ma allora uno come BASELLI cosa cazzo lo fai giocare a fare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy