Mihajlovic fissa il suo obiettivo: il ritorno in Europa del Torino

Mihajlovic fissa il suo obiettivo: il ritorno in Europa del Torino

Approfondimento / Il tecnico granata parla apertamente del traguardo che si è fissato nel biennio: è un altro elemento di novità per il club granata

Parole chiare, come è sempre stato il suo stile: Sinisa Mihajlovic, davanti alla folla festante del Cap Dieci Cento, ha detto senza mezzi termini l’obiettivo della sua gestione, di quello che sarà il suo biennio. E’ il ritorno in Europa ciò a cui punta il tecnico serbo, ambizioso e determinato; l’immagine di squadra che vuole esportare è quella di una squadra “dura a morire”, di quelle che non mollano mai e contro cui è sempre difficile giocare contro; l’arma in più su cui conta è “il supporto di una piazza che non molla mai nonostante qui non si vinca niente da tanto tempo”.

Anche questo è un punto di rottura con il passato del Torino. Di obiettivi chiari non si è mai parlato in pubblico o quasi. Il presidente Cairo in primis evita regolarmente di parlare alla gente di obiettivi fissi, rifugiandosi dietro il “pensiamo a una partita alla volta e poi vediamo, senza porci limiti“. Un po’ (molto) per scaramanzia, conoscendo il personaggio, un po’ per evitare di mettere subito sulle spalle del nuovo tecnico la pressione che nasce dal parlare di obiettivi sapendo che c’è sempre la possibilità che alla fine non vengano raggiunti.

Mihajlovic, però, ha le spalle larghe e lui per primo parla del ritorno in Europa come dell’obiettivo della sua gestione. Lottare per il sesto posto può e deve essere l’obiettivo ricorrente del Torino, per la sua storia e per il suo blasone, come già è successo con mister Ventura (ultima, deludente stagione a parte). Il tecnico non ha paura di dirlo e traccia la strada davanti a sè, una strada che però deve essere condivisa da tutte le componenti e in tutti gli ambiti, calciomercato in primis. Del resto, nel calcio come nella vita, per crescere bisogna porsi degli obiettivi e poi lottare per raggiungerli. E gli obiettivi stessi devono essere realistici ma ambiziosi.

14 commenti

14 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata60 - 9 mesi fa

    Finalmente un Allenatore con le palle!

    Comunque il tridente lo avevamo già

    Immobile Belotti Peres.

    Tanto fumo negli occhi con Ljajic per rimanere senza niente.

    Non ci dimentichiamo che Immobile Belotti e Peres avevano anche già giocato insieme!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. tonyisolecanarie - 9 mesi fa

    JUVE ROMA NAPOLI INTER MILAN FIORENTINA ………..qual’ e’ lo stipendio medio dei calciatori di queste squadre??? IL nostro allenatore parla di Europa tanto per parlare……ma senza i giocatori di qualita’ che hanno stipendi che CAIRO non paghera’ mai….come si fa a dire e pensare che si lotta per l’Europa????
    Valcareggi Agente di Giaccherinida due ore e’nel ritiro del Napoli a trattarlo per loro…..
    e ancora ci si illude che Giaccherini venga al Toro????
    Ma si vuole capire che i giocatori buoni al Torino non verranno mai!!!!!! Xche Braccino corto paga poco….
    Cairo sveglia !! Se vuoi andare in Euroopa devi cacciare il grano e aumentare gli stipendi ai giocatori……se no l?EUROPA te la SCORDI!!!!!!! POVERO SINISA…..Cairo era felice con Ventura perche investiva un cavolo di niente Ventura tirava su i giovani ….e poi vende x fare cassa…ma facendo cosi….si sopravvive solo nella parte destra della classifica…..SINISA SVEGLIATI……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. CONTE VERDE - 9 mesi fa

    io rimango dell’ idea che un bravo allenatore conti –per carisma -grinta-ecc-ecc. ma se non hai giocatori oltre la media in rosa non vai da nessuna parte–i risultati li fai con i grandi giocatori..vedi Gigi Radix che aveva i Gemelli delgol oltre a C-Sala-Pecci-Zacca -e in porta Giaguaro Castella–il secondo Gigi Radix aveva molto meno tolto ZACCA-Dossena-e Leo–e la differenza con il primo RADIX si e’ vista eccome–il MONDO aveva Vasquez-Scifo-Casagrande-Cravero-Gigi Lentini-Rambo Policano Bruno-Marchegiani ed e’ stata finale Uefa oltre ai grandi piazzamenti in campionato e alla Coppa Italia ultimo trofeo vinto..qui ad oggi Mihailovic mancando Immobile.Glik-Peres e vedendo i quelli che probabilemte verranno ..con quelli gia’ sfumati..ce la giochiamo con Genoa-Samp-Atalanta-Chievo piu’ o meno tra 8° e 12° posto !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pimpa - 9 mesi fa

    E vedremo quanto poco durerà il rapporto con l’allenatore,quando si accorgerà di avere a che fare con una manica di scalzabubboli.
    Le sue “doti” di uomo forte,deciso,autoritario (ma non bravo allenatore) che hanno precocemente eccitato molti, saranno proprio quelle che faranno andare tutto a ramengo perché,oltre tutto,lo vedo caratterialmente poco compatibile col nostro presidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pimpa - 9 mesi fa

    Mah,non credo di essere pessimista né tantomeno disfattista ma banalmente obbiettivo.
    Oggi abbiamo Molinaro,Padelli,ancora Farnerud,e non abbiamo più Glik,che c’era,Immobile,che c’era e Bruno Peres,che non c’era allora,c’è stato in questi anni e non ci sarà più.
    Io tutto questo miglioramento non lo vedo,ma può darsi che mi sbagli.
    Ma ci rendiamo conto di quanto ci siamo coperti di ridicolo andando dietro per un mese a un giocatore che nessuno prenderebbe neanche come resto,svogliato e incostante, e che alla fine ci ha addirittura rifiutato? Ljaic? Ma stiamo scherzando?
    E’ questo che ci deve dare la misura della nostra dimensione:si insegue uno scarto che alla fine ci scarta.
    E taccio di Iago Falqui perché fa caldo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. maxmurd - 9 mesi fa

    Sì Europa giusto puntarci, ma se non comprano due o tre bravi da salto di qualità sarà piuttosto dura…
    E Sinisa non lo vedo con molta pazienza, se non gli si da materiale su cui lavorare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Toro for ever - 9 mesi fa

    Bravo Mihajlovic hai le idee molto chiare,come dovrebbere essere riportare il Toro in europa,io credo molto in lui,solo che la società dovrebbe fare degli sforzi in più riguardo il mer5cato.Dico questo perchè da quello che si dice sui social network,sembra che Giaccherini abbia scelto il Napoli come squadra,peccato lo vedevo bene al Toro…per quanto riguarda Falque,sembra che ci dovrebbe eseere una svolta in questa settimana probabile venga al Toro,invece Ljajic sembra non voler venire a vestire la maglia granata,meglio dirlo prima!!!!,comunque il nostro mister sembra voglia prendere al suo posto Saponara,che secondo me è un ottimo giocatore,ha fatto molto bene lo scorso anno,speriamo che almeno questo obiettivo vada in porto!!!Si parla anche di un attaccante Abel Hernandez,attaccante della nazionale uruguaiana,che ha ben figurato sia in coppa america che in premier con Hull city,il club inglese sarebbe intenzionato a cederlo, aMihajlovic piace ,e devo dire che è un buon attaccante da Toro!!spero che queste voci così…possano diventare realtà,insisti mister facci questo regalo,allora si che andremo in Europa!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tonyisolecanarie - 9 mesi fa

      Normale che scelga Napoli a parte che fa la Champions ma quello che importa di più al giocatore che DE LAURENTIS offre sicuramento uno stipendio molto molto piu’ alto di
      BRACCINO CORTO!!!!!!!!! GOULAN Insegna…….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Toro for ever - 9 mesi fa

        Purtropoo oggi il calcio è solo business e nient’altro…comunque non è che se non viene Giaccherini o Ljajic, il Toro perde chissà che….c’è ne sono di bravi giocatori in circolazione purtroppo Petrachi non ha occhio per scoprire i campioni sconosciuti,Mihajlovic ,può dire il giocatore che vorrebbe in squadra,poi se il prezzo,e la volontà del giocatore sono appetibili tutto ok.Ora si guarda solo al nome ,ma non alla qualità tecniche del giocatore,ti ripeto c’è ne sono tanti bravissimi in italia,e soprattutto all’estero,io cercherei altrove,ora chiedo a Cairo se posso entrare al posto di Petrachi vedrai che Toro…salui,spero che capiscano questo.Forza Toro sempre…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Pimpa - 9 mesi fa

    L’allenatore avrebbe fatto meglio a stare zitto e a non sparare fanfaluche solo per il gusto e la necessità di compiacere i tifosi allocchi.
    Per favore,via,come può pensare l’allenatore che con la squadra che abbiamo possiamo puntare all’Europa? O forse ci pensa proprio perché non capisce un accidenti di calcio.
    Ma se non ci siamo andati neanche tre anni fa, con la squadra che avevamo,come si può pensare di farcela con quella che abbiamo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cecio - 9 mesi fa

      Se mi permetti la squadra di 3 anni fa, tolti i 2 davanti in anno di grazia divina (mai più lontanamente avvicinata negli anni successivi da entrambi), era inferiore alla rosa attuale.
      Forse non ti ricordi di Barreto, Larrondo, Pasquale, Vesovic, Basha, Farnerud, Masiello….
      Mi sta bene essere pessimisti e disfattisti ma almeno cerchiamo di ricordarci bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 9 mesi fa

        Già , peccato che i 2 in grazia divina non hanno mai piu’ giocato insieme e comunque purtroppo non al Toro .

        Non abbiamo naturalmente la controprova , ma chi lo sa se non si sarebbero ripetuti …

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. RDS- toromaremmano - 9 mesi fa

    Miha ha fatto bene ad esporsi e a mettere un obbiettivo da raggiungere, facile la vita partire senza una metà, essere vaghi e con unico porto da raggiungere la salvezza tranquilla, dopo 5 anni di serie A per una società come la nostra è riduttivo non parlare di nulla, se poi il risultato prescritto non arriverà di esaminerà il perché e come in ogni azienda che si rispetti i colpevoli pagheranno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ex calciatore - 9 mesi fa

    Mettiamo Lombardo ala destra e abbiamo risolto i problemi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy