Torino-Milan 1-1, le tre sentenze: ora sì, il Toro ha carattere. Belotti-rigori, c’è un problema

Torino-Milan 1-1, le tre sentenze: ora sì, il Toro ha carattere. Belotti-rigori, c’è un problema

Analisi / Ecco cosa ci lascia il pareggio di mercoledì sera contro il Milan

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

BELOTTI E I RIGORI

Torino FC v AC Milan - Serie A

Che cosa ci lascia, in definitiva, Torino-Milan in vista del match di Bergamo? La prima sentenza emersa indiscutibilmente dalla partita di mercoledì sera è che Andrea Belotti ha un problema con i rigori. 5 rigori sbagliati in maglia granata sugli ultimi 7 calciati sono un’enormità. Eppure nella sua prima stagione granata era stato implacabile dal dischetto e aveva spiazzato senza difficoltà portieri del calibro di Buffon, Szczesny e Handanovic. I rigori parati proprio da Donnarumma e da Mirante (battuto dal dischetto l’anno prima) l’hanno bloccato e in questo campionato i due errori con Chievo e Milan valgono – virtualmente – 4 punti in meno. Un altro fattore che potrebbe incidere negativamente nel bilancio della stagione granata.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dukow79 - 8 mesi fa

    Pure Ferrante era piú forte di Belotti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tifoso da Malta - 8 mesi fa

    La dirigenza u il tim tecnico della societa sappia che Belotti non e un buon giocatore per tirare i rigori. Allora perche non mette in vigore una direzione ciara… non tirare mai piu i calci di rigore… non sei al altezza di tirare i calci di rigori. Il compito di Belotti e di fare gol e di aiutare i compagni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 8 mesi fa

      …tirare i rigori dovrebbe voler dire fare goal, almeno in teoria. Sinceramente, il primo anno Belotti li batteva in maniera completamente diversa, faceva quel mezzo passo e calciava quasi da fermo… non ne sbagliava uno e pensavo che finalmente avevamo trovato un signor rigorista. Poi ha iniziato a sbagliarne una quantità industriale, a partire da quello parato da Donnarumma a Milano all’ultimo minuto… forse è troppo emotivo e sente troppo la responsabilità. L’errore infatti lo ha condizionato per tutta la partita, dove si vedeva che non era lucido, pur mettendoci tutta la volontà.
      Belotti deve fare una preparazione fisica da zero, come si deve e senza nessuna pressione. Se non si recupera appieno un giocatore cosi è un peccato davvero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. alètoro - 8 mesi fa

    La giustificazione dell’infortunio patito lo scorso autunno con successiva ricaduta a fine anno oramai sostanzialmente non regge più per cui, personalmente, constato che il “Gallo” Belotti, visto sino ad oggi durante questa stagione è soltanto la “controfigura” sotto l’aspetto tecnico di quello ammirato la scorsa stagione.
    E’ vero che egli non lesina certo l’impegno e la caparbietà nel fare pressing sugli avversari ma in questo campionato la sua corsa è apparsa spesso non fluida con l’aggiunta di evidenti errori anche nel controllo di palla, che rappresenta oggettivamente l’alfabeto sotto l’aspetto tecnico del calciatore professionista.
    La percentuale di clamorosi errori, tutti decisivi,dal dischetto del “Gallo” ha causato la perdita di punti di fondamentale importanza per la classifica del TORO.
    Ritengo che tutto ciò sia sufficiente al tecnico Mazzarri per prendere in considerazione una reale alternativa di rigorista, constatati i piedi ruvidi del “Gallo” Belotti dal dischetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 8 mesi fa

      il problema non è tecnico, ma fisico. Non esiste un attaccante che sia uno, che quando non è al meglio segna con la stessa facilità. Belotti ha fatto una valanga di goal grazie allo strapotere fisico, nel prendere il tempo all’avversario spostandolo, nella velocità di corsa ed esecuzione del tiro. Da Belotti non abbiamo quasi mai visto gesti tecnici superlativi, abbiamo sempre visto uno strapotere fisico. Con due infortuni gravi in stagione, tutto cambia, soprattutto per un attaccante con queste caratteristiche.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 8 mesi fa

        rispetto al rigore invece, che dire? basta guardare la foto… portiere da una parte e palla dall’altra… 5cm più in basso ed era goal, sotto la traversa, il rigore perfetto da tirare contro un portiere alto 2 metri. Quest’anno Belotti è anche parecchio sfigato eh!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dukow79 - 8 mesi fa

    Fosse solo l’incapacità di tirare i rigori il problema di Belotti lol…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. byfolko - 8 mesi fa

      Non si vuole ammettere che il vero Belotti è quello di quest’anno, non il precedente, dove segnava anche soffiando sul pallone. Se sei scarso tecnicamente a 24 anni, rimani scarso.
      I tifosi granata speravano di aver trovato il nuovo Pulici, ma non è cosi’e sono il primo a dispiacermene. Senza scomodare Casagrande, anche Silenzi era meglio di questo…pur avendo qualche tatuaggio in meno…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13685686 - 8 mesi fa

    La cosa che mi da fastidio oltre al rigore sbagliato sono le continue pacche sulle spalle dei milanisti a belotti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. skrunk - 8 mesi fa

      È un’avvenimento sportivo, ci si scambia convenevoli prima e dopo l’evento, come giusto sia… l’importante è mettercela tutta durante la partita, ovvero la “garra” come potrebbero spiegare bene gli argentini che fan parte della nostra rosa…
      Cosa che succede, per esempio nel rugby, in campo se le suonano di santa ragione e poi tutti al pub a festeggiare, sia in caso di vittoria o meno, è sport…
      Ci sarebbe da incazzarsi se così non fosse, non credo che succeda al Toro, possono esserci carenze tecniche, in alcuni casi molto evidenti, ma non negligenza… almeno credo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pimpa - 8 mesi fa

    C’è un problema? Ma va, davvero?
    Santa pazienza, questo è da due campionati che spara rigori da tutte le parti tranne che in porta e ora ci si accorge che c’è un problema?
    Non c’era abbastanza materiale per capire,visto che il Gallo non dispone di piedi particolarmente educati,che i rigori non li sa tirare?
    Mi riesce davvero incomprensibile il fatto che si gettino deliberatamente così tanti punti alle ortiche quando sarebbe così facile almeno tentare strade diverse.
    Visto che c’era Ljaic,perché non lo si è fatto tirare a lui o a qualsiasi altro che non fosse il Gallo? Mistero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. skrunk - 8 mesi fa

      Pimpa, è vero che sarebbe stato opportuno farlo tirare da qualcun’altro, però i rigori come le punizioni, i traversoni dal fondo, ecc., non te li puoi inventare per caso, dovresti fare ore di allenamento mirato per poter migliorare, e i professionisti dovrebbero farlo… basta mettersi alla fine del regolare allenamento e passare almeno un’ora, chi a battere i rigori, chi a tirare le punizioni, chi a fare dei cross dal fondo, ecc. Mi ricordo che (a parte quando giocavo, a nessun livello) quando assistevo agli allenamenti del Toro anni 70 e 80, alla fine degli allenamenti (esercizi, corsa, partitella, ecc.) si mettevano a curare i particolari, evidentemente non sarà più così… oppure si fa male, e questo non posso saperlo perchè dagli anni 90 non ho più visto in diretta un allenamento del Toro, purtroppo… ma non ci vogliono dei fenomeni per capirlo, li metti sotto e gli fai entrare nella testa come si deve fare, non si parla di fisica quantistica… da ragazzino mi diceva l’allenatore che battevo i rigori da difensore… io rispondevo “che cazzo significa? li tiro bassi, a caso in un’angolo o l’altro e il portiere si sogna di prenderli… poi che siano tirati da difensore o altro, se segno, chi se ne frega? la regola dovrebbe essere mai a mezz’altezza, perchè il portiere piegandosi a lato potrebbe intercettare la palla e mai alti, perchè facilmente vanno oltre la traversa, e i nostri eroi come li tirano?
      Come direbbe Rocco Schiavone “meditiamo su questa cosa”…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Esempretoro - 8 mesi fa

        Parole sante…io ho giocato a buoni livelli ed ero rigorista. Ogni allenamento del giovedì finiva con un preistorico esercizio:conetti a 60 cm dal palo (2 palloni)e tiri fino al vomito…dopo un paio di mesi così ero già in grado di farlo quasi bendato. Se un pirla come me ne ha segnati 37 in carriera prima di sbagliare il primo pensate un professionista concentrato e sicuro nel gesto cosa potrebbe fare. Certo,ci vuole volontà e passione,ma credetemi,quel senso di infallibilità che provavo sul dischetto era veramente una roba forte…ci vuole tanta applicazione,solo così è possibile controllare le emozioni al meglio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy