Torino-Milan 1-1, Mazzarri legge bene la gara: i cambi fanno svoltare i granata

Torino-Milan 1-1, Mazzarri legge bene la gara: i cambi fanno svoltare i granata

Il tecnico granata butta dentro ad inizio ripresa Edera e Obi e l’inerzia si sposta. E quel cambio “forzato”…

di Redazione Toro News

Torino-Milan è la tipica sfida che ai punti, probabilmente, i granata avrebbero meritato di vincere. Più occasioni, più intensità e più gioco: la squadra di Mazzarri ha pareggiato ma ha trovato ulteriori certezze, riuscendo per larghi tratti a dominare l’avversario. E questo, anche grazie alle mosse del tecnico toscano.

MAZZARRI – La scelta di confermare l’undici di Verona nasce dalla volontà di continuità che Mazzarri vuole vedere in campo. Le idee, in effetti, sono sempre più rodate, ma comincia a mancare il fiato a chi ha tirato la carretta fino ad ora, come Iago Falque. Mazzarri lo sa, e la scelta di giocarsi lo stesso le sue carte migliori dall’inizio è premiata dalla qualità di gioco espressa, ma penalizzata dalla poca lucidità. Ad inizio ripresa, però, ecco le mosse che cambiano il volto al match: Rincon fa spazio ad Obi, Edera prendo il posto di Iago, ed è tutto un altro Toro. Il nigeriano s’inserisce e detta i tempi del pressing, il canterano è una furia spesso fuori controllo. I cambi del tecnico granata, fatti nel momento più opportuno, rinvigoriscono una squadra che nel secondo tempo gioca bene e domina per larghi i tratti il Milan, pareggiando e sfiorando il colpaccio. E se Obi non si fosse fatto male, il terzo cambio sarebbe stato Berenguer-De Silvestri, come confermato dallo stesso allenatore in conferenza.

GATTUSO – Non aveva molte scelte Gattuso, come poi ammesso anche in conferenza post partita. Tanti gli infortunati (Romagnoli, Calhanoglu), ma tanti anche gli acciaccati in campo. La formazione è quella migliore possibile, ma il Milan va ad intermittenza, colpendo nel momento giusto, ma subendo nel finale la freschezza dei cambi di Mazzarri. Cambi che invece non danno la stessa verve al Milan, che in Andre Silva e Cutrone trovano ben poco. Gattuso fa il suo e lo fa bene, la sensazione è che il Milan abbia quasi terminato la benzina. Quando Mazzarri cambia, ci prova anche Gattuso mettendosi a specchio, con risultati poco esaltanti. Ma il fatto che il tecnico milanista si sia coperto prudentemente, utilizzando lo stesso modulo granata, la dice lunga su quanto sia stato buono il secondo tempo del Toro.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. genzil - 1 mese fa

    Non è la prima volta che Mazzarri cambia la partita grazie a sostituzioni vincenti: tra le sue qualità c’è anche questa.
    Il mister sta facendo un ottimo lavoro: la squadra prova sempre a giocare e i risultati si vedono… Avanti così!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 1 mese fa

    Mazzarri stà facendo bene con quello che si ritrova, ma soprattutto sà leggere le partite e cambiare a partita in corso. Bastano queste due cose per essere un buon allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. rokko110768 - 1 mese fa

    Indubbiamente è un buon allenatore. Magari non è il suo il calcio che mi esalta ma sicuramente sta facendo un buonissimo lavoro con materiale non scelto da lui.
    Forza Mazzarri quindi e sempre Forza Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Rock y Toro - 1 mese fa

    È questo un titolo (quindi argomento) che mi riempie di gioia. Finalmente un allenatore! Cosa già scritta da molti ma vale la pena ribadirlo: ricordiamoci per esempio un toro vs merds con tre cambi contemporanei che ci fece perdere la partita, vero, caro sinisa?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy