Torino-Napoli: all’andata una sconfitta meritata, ma pesano gli errori di Massa

Torino-Napoli: all’andata una sconfitta meritata, ma pesano gli errori di Massa

Verso Torino-Napoli / Il ricordo del match del 5 ottobre scorso: i partenopei si impongono per 2 reti a 1 ma mancano due rigori per i granata 

Commenta per primo!

Il 5 ottobre scorso si è giocata al San Paolo la gara d’andata tra Napoli e Torino. Valida per la 6°giornata di campionato, la partita presentava un Toro con soli 5 punti in classifica, ma reduce da una miniserie positiva in seguito ai successi contro Cagliari e Copenaghen inframezzati dal pareggio interno con la Fiorentina. 

GRANDE AVVIO – I granata salgono subito in cattedra e dopo appena 14 minuti si portano in vantaggio con il quarto gol nelle ultime 4 uscite di Fabio Quagliarella, imbeccato ottimamente da Maksimovic. La marcatura del bomber di Castellamare è di pregevole fattura: destro secco di controbalzo da posizione defilatissima. La prima mezz’ora di gioco è tutta a marca ospite, con gli uomini di Ventura capaci di dettare i ritmi e di non soffrire eccessivamente le sortite offensive azzurre. A partire dal 30′ minuto, però, l’incontro cambia drasticamente e il Napoli comincia ad assediare la porta difesa da Padelli. I granata, comunque, resistono e riescono ad andare all’intervallo in vantaggio. 

SECONDO TEMPO DA INCUBO, MA MANCANO DUE RIGORI – Il copione della ripresa è il medesimo: il Napoli insiste, crea palle gol a ripetizione e dopo soli 9 minuti trova il meritato punto del pareggio con il primo gol stagionale (di testa) di Insigne, colpevolmente lasciato libero in area. Il Toro ha un timido sussulto e prova a rispondere colpo su colpo agli uomini di Benitez, ma i padroni di casa sembrano più lucidi e brillanti. Al 69′, l’episodio incriminato: il direttore di gara Massa non concede un penalty ai granata per una vistosa trattenuta di Raul Albiol su Quagliarella. L’attaccante campano è basito per la decisione, ma per l’arbitro è tutto regolare. Neanche a dirlo, un minuto dopo arriva la beffa. Callejon trova il gol del definitivo 2 a 1 con un tiro al volo che prende una traiettoria inaspettata e fortunosamente si insacca in rete. In seguito alla segnatura dello spagnolo, Glik e compagni sembrano non crederci più e il Napoli legittima il vantaggio. A pochi minuti dal fischio finale, però, Massa decide nuovamente di non sanzionare con la massima punizione un fallo di mano di Zuniga in area napoletana: il rigore c’era. 

La partita termina così con un 2 a 1 che lascia il Torino inchiodato nei bassifondi della graduatoria. I granata hanno motivo di recriminare per gli episodi arbitrali, ma devono al contempo recitare il mea culpa per una prestazione decisamente sotto le righe.  

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy