Niang, il futuro al Torino è da valutare: deve dimostrare di voler rimanere

Niang, il futuro al Torino è da valutare: deve dimostrare di voler rimanere

L’attaccante granata deve seguire le orme di Ljajic: rovesciare il momento no sfruttando le occasioni a partita in corso per riprendersi il posto in Nazionale e nel Toro

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Dopo un breve exploit a cavallo del cambio in panchina, M’Baye Niang è tornato presto nella lista dei flop di questa stagione. Al franco-senegalese viene contestata l’indolenza e un rendimento troppo basso per le aspettative e il costo dell’operazione che l’ha portato nel capoluogo piemontese. Proprio quando sembrava stesse per arrivare ad una condizione buona (tre gol in sette partite tra gennaio e febbraio), è arrivata una serie di problematiche fisiche (la frattura del naso, un’influenza, un acciacco muscolare) che lo ha fatto sparire dai radar. Anche con l’Atalanta, match in cui Mazzarri lo ha inserito negli ultimi dieci minuti come mossa della disperazione, non è riuscito a far pesare il proprio ingresso in campo. Per lui – ma anche per il Toro – è importante sfruttare al meglio queste quattro partite per riparare (in misura minima) ad una stagione sotto tono e anche per il discorso Mondiali.

INCOMPIUTO – Neanche in quest’annata Niang è riuscito a scrollarsi di dosso l’etichetta di incompiuto: è stata una stagione negativa con qualche breve lampo positivo che non ha fatto altro che confermare che le doti ci sono, acuendo così i rimpianti. L’esempio potrebbe trovarlo in casa: Adem Ljajic, una volta ai margini, è riuscito a sfruttare le occasioni concessegli a partita in corso per riprendersi un posto fisso nell’undici titolare. Non può dirsi lo stesso di Niang che sembra riscontrare problemi a livello più motivazionale e mentale che tecnico. E adesso proprio la sua conferma al Toro si può definire in dubbio: il riscatto dal Milan avverrà, al costo complessivo di circa quindici milioni, ma dove giocherà Niang nella prossima stagione è ancora tutto da decidere. Le ultime quattro giornate non serviranno a salvare la sua annata, ma almeno Niang potrà far capire sul campo se e quanto ci tiene a fare parte del Toro del futuro.

MONDIALI – Le motivazioni potrebbe trovarle nella conquista della convocazione per il Mondiale in Russia di questa estate. Il suo rendimento ha influenzato ovviamente anche la nazionale del Senegal. Nelle ultime due uscite nelle amichevoli internazionali, il numero 11 del Toro è rimasto in panchina senza mai giocare. Il suo posto non è al sicuro e il CT Cissé nel suo ruolo può contare su nomi come Keità Balde e Manè. Insomma ora Niang rischia anche di guardare il Mondiale da casa e dovrà fare di tutto in questo finale di stagione per scongiurare questo rischio: sia il Toro che il Senegal hanno bisogno di un suo moto d’orgoglio.

 

23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. steacs - 3 settimane fa

    Scarso, presuntuoso e sopravvalutato, ma ha anche dei difetti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 3 settimane fa

    Al di là delle vere potenzialità di questo giocatore, non credo che Njang rientri nei piani di Mazzarri. Io spero che la società individui un centravanti vero da fare da panchina a Belotti, fossero anche Simi del Crotone o quello del Benevento, giocatori di medio livello, che accettano la panchina e li prendi con poco, ma almeno sai che sono dei centravanti che sanno cosa devono fare, relativamente alle loro capacità. Belotti non si discute (o perlomeno lo si può fare quest’anno per i mille problemi che ha avuto), perchè è il miglior centravanti possibile per il Toro (ditemi un solo nome meglio di Belotti che una società come la nostra possa acquistare) e da qui si deve ripartire. Poi credo che la società e l’allenatore debbano fare un bel summit sulla questione esterni di centrocampo, perchè almeno uno forte bisogna trovarlo… non si può pensare di fare il 3-4-1-2 con i due esterni che non sono in grado di saltare l’uomo, perchè altrimenti fai la fine di Bonifazi contro l’Atalanta e non fai paura a nessuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 settimane fa

      …a meno che, nella testa di Mazzarri, non ci sia l’idea di far diventare Edera il nuovo Zambrotta, ovvero un attaccante che si riscopre terzino…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ospunda - 3 settimane fa

    Niang lo venderei domani, ma è costato davvero tanto. Le strade sono tre:
    1) venderlo con minusvalenza importante
    2) tenerlo e sperare che renda per quanto è costato
    3) mandarlo in prestito, sperando che faccia bene e che si possa venderlo senza perderci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 3 settimane fa

      Chi ti dice che sarà una minusvalenza?
      Hai parlato con dei procuratori?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ospunda - 3 settimane fa

        Diciamo che non ho quella sensazione, ma spero di essere smentito.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 3 settimane fa

    Miha, Rajola, Niang non ha colpe ma quei due sono il male del calcio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. rogozin - 3 settimane fa

    Valu cosa? 17 milioni buttati nel cesso per un giocatore presuntuoso, mediocre e sopravvalutato. Voi, della redazione dovreste scriverlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. prawn - 3 settimane fa

    Il problema e’ che c’e’ il Gallo da valutare… ALtrimenti farei giocare Niang 4 partite e vediamo se fa meglio..

    CMQ ha fatto schifo, poi possiamo dare la colpa alla preparazione, a Miha, al modulo…

    Ma non ha fatto proprio niente, annata disastrosa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 settimane fa

      ma figurati! cosa c’è da valutare di Belotti? una volta che lo recuperi appieno fisicamente il gioco è fatto… ripartire da una nuova stagione cambia già di molto la questione, vedrai.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Elvistorello - 3 settimane fa

        Si ma niang prima punta e meglio del Belotti di quest’anno e con ljajic e falque per almeno 10 partite avrei voluto vedere come va

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13814870 - 3 settimane fa

    Non dobbiamo aspettare vedere valutare Niang..si è valutato da solo… indisponente e irritante vederlo giocare. Non so chi è il genio che lo ha voluto a tutti i costi. Anzi..Lo sappiamo bene chi è. Ma adesso non c’è più. speriamo di riuscire a venderlo. ..Si son visti i giocatori che dobbiam tenere e quelli no…Non c’è bisogno di aspettare. Intanto passano gli anni..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. valex - 3 settimane fa

    Troppo tardi. Anche se giocasse bene le prossime partite non basterebbe per rivalutarlo. Da cedere subito, prima che sia troppo tardi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13658280 - 3 settimane fa

    giusto prometeora… farò il tifo x lui al mondiale ke magari se lo accattano senza ke ci rimettiamo i soldi spesi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Pimpa - 3 settimane fa

    Più che passa il tempo e più siamo costretti a leggere articoli dal contenuto surreale.
    E’ vero che anche molti commenti di noi tifosi lo sono in pari misura, ma noi non dobbiamo fare informazione, voi si.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Toro71 - 3 settimane fa

    Al fianco di Mazzarri ci vorrebbe uno psicologo in modo da agire sulla mente dei nostri giocatori. Mi riferisco in particolare a Niang e Belotti che hanno dei limiti mentali che andrebbero analizzati attentamente, in modo da tutelare gli investimenti fatti su di loro. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granatadentro - 3 settimane fa

      accostare i nomi di Belotti e Niang lo ritengo una cosa imbecille. Non aggiungo altro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rogozin - 3 settimane fa

        Lei si esprime sempre così? Da imbecille?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. abatta68 - 3 settimane fa

      …non credo che Njang e Belotti “abbiano limiti mentali”… al massimo limiti psicologici! ah ah! i nostri spesso sono scarsi, ma non da andare alle paraolimpiadi… possiamo ritenerli ancora normodotati, no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. prometeora - 3 settimane fa

    a questo punto che si alleni in vista del Mondiale che così noi lo vendiamo e lui strappa un buon contratto altrove

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Como Granata - 3 settimane fa

    Per me: da vendere subito!
    Possibilmente all’estero o a qualche neopromossa se possibile….ricavandoci almeno i soldi spesi….
    Rimpiango l’affare “Baselli- Zappacosta”…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Marino - 3 settimane fa

    Allora, costui era considerato uno scansafatiche al Milan, è arrivato al Toro e ha fatto se possibile di peggio, ora cosa cambiano 4 partite dopo due annate e più di assoluto disimpegno in campo? Il giornalista può davvero pensare che in queste 4 partite si impegni? E ammesso che lo faccia, tieni uno che se ne frega da anni, ma ha fatto 4 partite decenti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. sempre_toro - 3 settimane fa

    NIANG da valutare?
    E’ una barzelletta?
    Giocatore sprovvisto di voglia, carattere e carisma, l’unica cosa che sa fare (tra l’altro benissimo) è insultare la curva quando gioca di MER*A (cioè sempre) e siamo qui a chiederci ancora se sia da valutare?
    Secondo me è da valutare il perchè sia stato preso e perchè lo si paga.
    E’ un insulto a chi guadagna 800 euro al mese e si alza alle 4 del mattino per dar da mangiare alla propria famiglia.
    Non merita nemmeno un articolo sulla carta igienica.
    Complimenti alla società , che ci da sempre modo di vergognarci di avere in squadra certi elementi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy