Torino-Nizza 1-0: Belotti-gol, poi regge il muro granata

Torino-Nizza 1-0: Belotti-gol, poi regge il muro granata

Post-partita / Il Gallo, ancora a segno, la sblocca dopo 10 minuti; poi i francesi prendono in mano il pallino del gioco e i granata dimostrano di saper soffrire

di Federico Bosio, @fedebosio19

Cala il sipario, si conclude con una vittoria per 1-0 la quarta amichevole di questo precampionato per i granata. Torino forse fortunato, ma grintoso e solido; Torino che batte il calcio d’inizio ed indirizza subito la partita sui canali desiderati: nella prima decina di minuti i granata prendono molto bene le misure ai francesi e si vestono di cinismo, sfruttando quella che è l’unica vera grande occasione della frazione. Dopo 10′ arriva infatti il calcio d’angolo firmato Iago Falque ed indirizzato sulla testa di Belotti che, dopo aver centrato in pieno la traversa, si avvale della ribattuta per anticipare nuovamente la difesa avversaria e siglare la rete del vantaggio. Non passa molto perchè arrivi la pronta reazione del Nizza, che a partire dal 12′ producono una serie di occasioni importanti ma non sfruttate lucidamente con Les Melou, Cyprien e Srarfi; francesi più avanti nella preparazione rispetto ai granata, ma imprecisi. Il maggior rimpianto dei rossoneri per quel che riguarda il primo tempo è però sicuramente rappresentato dalla traversa colpita su calcio d’angolo da Hérelle dopo 32 minuti. C’è ancora spazio nei primi 45′ per una gigantesca chance targata Tameze, che permette a Sirigu di firmare in prima persona il risultato finale compiendo una straordinaria parata di puro istinto.

Tra le fila granata, poco reattivo e raramente lucido nella prima frazione Berenguer, reduce da uno stop consistente negli ultimi giorni causato da un attacco febbrile, che nell’intervallo viene infatti sostituito da Parigini. Il secondo tempo si apre e sviluppa bene o male sulla falsariga del primo, con i francesi ad avere in pugno il pallino del gioco ed i granata a stringere i denti e cercare la ripartenza organizzata; match maggiormente controllato da Nkoulou e dai compagni in retroguardia rispetto ai primi 45′. Sono fondamentalmente due i brividi che corrono sulla schiena di Sirigu: la traversa centrata su punizione da Cyprien dopo 12 minuti ed il retropassaggio inaspettato di Bremer una decina di minuti più tardi che mette in difficoltà il portiere granata, attraversando lo specchio della porta e perdendosi sul fondo in calcio d’angolo.  Andamento dell’incontro che cambia al 25′ della ripresa, quando un eccessivamente teso Atal colleziona il secondo cartellino giallo con conseguente espulsione, a causa di due brutti falli.

I ritmi della sfida non si abbassano particolarmente ma sicuramente la compagine francese non riesce più a pungere come in precedenza; cresce al contrario il Torino, che continua ad insistere sulle manovre provate e riprovate nel corso del ritiro e crea più di un pericolo alla porta difesa da Benitez. Dopo 35′ i granata sfiorano il 2-0 con una buona iniziativa personale di Ansaldi, e si ripetono tre minuti più tardi con un ottimo pallone messo al centro sull’asse Parigini-Ljajic. L’ultima gigantesca occasione sprecata dal Nizza arriva a 5 minuti dal termine, con Nkoulou che perde un contrasto scellerato al limite dell’area contro Sacko, il quale a tu per tu con Ichazo non riesce però ad inquadrare lo specchio della porta. Da sottolineare le prestazioni decisamente positive di Belotti, Baselli, De Silvestri ed in particolar modo Izzo: non casuale l’ovazione del pubblico alla sua sostituzione. Ovazione che i supporter granata riservano anche a Ljajic, nel momento in cui entra sul terreno di gioco per la prima volta in questo precampionato. Il Toro soffre e porta a casa una significativa vittoria contro un Nizza propositivo.

TORINO-NIZZA 1-0

Reti: 10′ Belotti

TORINO (3-5-2): Sirigu (35′ st Ichazo); Izzo (13′ st Bremer), Nkoulou, Moretti (35′ st Obi); De Silvestri (22′ st Ansaldi), Meite (35′ st Edera), Rincon (22′ st Valdifiori), Baselli (13′ st Acquah), Berenguer (1′ st Parigini); Falque (22′ st Ljajic), Belotti (43′ st Butic). A disp. Rosati, Fiordaliso, Bianchi, Ferigra. All. Mazzarri.

NIZZA (4-3-3): Benitez; Atal, Hérelle, Dante (19′ st Lloris), Boscagli; Tameze (42′ st Le Bihan), Danilo, Cyprien (42′ st Makengo); Lees-Melou (29′ st Burner), Srarfi (19′ st Saint-Maximin), Perraud (19′ st Sacko). A disp. Cardinale, Pelmard. All. Vieira.

ESPULSI: 25′ st Atal (doppio giallo)

Arbitro: Serra
14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. alextattoli@libero.it - 4 mesi fa

    A giudicare dalla sintesi della partita il Toro ha fatto 2 tiri in porta in tutta la partita e il gol confuso di Belotti. Null’altro. Il resto è stato del Nizza, con due incroci presi e continue azioni pericolose.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13746076 - 4 mesi fa

    Amichevoli di agosto, non contano nulla, né in positivo né in negativo. Comunque il Nizza e’ arrivato ottavo l’anno scorso in Ligue 1.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RobertoDs63 - 4 mesi fa

      E noi noni in serie A…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. LucioR - 4 mesi fa

    Occorre intervenire al più presto sul mrcato per un centrale di difesa, un esterno ed un centrocampista. Però gente buona non le solite scommesse. Altrimenti siamo come l’anno scorso se non peggio. Non si può sempre e solo sperare in Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. silviot64 - 4 mesi fa

    Mala tempora currunt! Mamma mia. Speriamo che tra 20 giorni ci siano stati dei miglioramenti sostanziali. Manca un esterno (due), un centrocampista, un difensore centrale (mica conteremo su Moretti che adoro, ma ha una certa età). E Iago bisogna che impari in fretta il nuovo ruolo. Mandi lui mi fido

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GlennGould - 4 mesi fa

    Leggo diverse sentenze, decimo posto, dodicesimo, salvezza; per avere queste certezze a fine luglio, bisogna disporre di una competenza calcistica straordinaria. Beati voi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. silviot64 - 4 mesi fa

      Hai ragione. Lo scorso anno l’ho detto a fine settembre. Purtroppo ci ho quasi preso, un posto più uno meno mi sarà consentito. Spero vada diversamente quest’anno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Paul67 - 4 mesi fa

    ” 50 milioni ” per avere la stessa squadra dello scorso anno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. emanuele69 - 4 mesi fa

    Partita bruttissima giocata a ritmi ed intensità molto bassi, il poco che si può dire è;
    -Berenguer non può giocare in una squadra di serie A. Nullo in difesa dove è un buco perenne, nullo in attacco dove non riesce manco a tenere un pallone. Su 10 palle ne sbaglia 11. Assolutamente inutile.
    -Meitè ingiudicabile perchè impalpabile. Non ha fatto assolutamente nulla salvo corricchiare senza costrutto e fare falli evitabili. sembra spaesato. sensazioni iniziali pessime…
    -centrocampo: solito con qualsiasi interprete, non filtra e non crea gioco tutti sempre in ritardo,,,
    -parigini volitivo. per far giocare Berenguer…mille volte meglio lui.,
    per concludere abbiamo trovato un gol casuale e non creiamo gioco .il Nizza ne ha creato molto di più, ha preso due traverse e poteva tranquillamente pareggiare. solita squadra senza ne capo ne coda, lenta, senza mordente , senza idee, senza un minimo di qualità. decimi come al solito…se va bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio sala 68 - 4 mesi fa

      Su azione il Nizza mai pericoloso segno che la squadra è ben messa in campo. Il problema degli esterni è noto, infatti Mazzarri sta provando secondo me alla fine arriverà qualcuno. La fantasia dovrà metterla Liajc, Obi secondo me è da tenere. Tutto sommato è andata bene come prima uscita, ovviamente si sprecano i disfattisti sulla chat, mi domando cosa scriveranno il giorno in cui il Toro giocherà bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. prawn - 4 mesi fa

    Bene cosi’, vittoria che fa bene all’ambiente e al morale, ancora necessario un tot di mercato e son curioso di vedere che combiniamo contro il Liverpool.
    Il Gallo segna ad ogni amichevole e se lui torna lui allora meta’ dei problemi sono cmq risolti.
    Applauso a Mazzarri che fa giocare Edera, Parigini e Butic assieme, io non mi ricordo una preparazione estiva con cosi’ tanti primavera in campo assieme.
    Bene Niang manco ‘convocato’, Ljacic sembra carico, Obi in difesa mi e’ sembrato un messaggio a Cairo (Tra l’altro per Lyanco si parla di Novembre, sescondo me putroppo e’ un altro ‘Avelar’).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio sala 68 - 4 mesi fa

      Concordo con te, vediamo con il Liverpool come va a finire. Su Parigini mi sto ricredendo è affamato, abbiamo bisogno di giocatori così motivati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13963277 - 4 mesi fa

    Ieri ho scritto che questa squadra massimo era da 10° posto, ma dopo aver visto la partita di oggi devo riceedermi….. è molto peggio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 4 mesi fa

      Dici alla salvezza ci arriva?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy