Torino, non è emergenza infortuni ma quasi. E lì davanti…

Torino, non è emergenza infortuni ma quasi. E lì davanti…

Il punto / Jansson recuperato, difficile avere Acquah e Benassi a Roma. Maxi Lopez ha la tonsillite, Immobile non recupera: anche all’Olimpico giocheranno Belotti e Martinez

Ventura, le pagelle di Torino-Juventus, Le pagelle di Torino-Atalanta

Gli infortuni, si sa, hanno pesato parecchio sulla stagione del Torino. Lo ha detto e ridetto Giampiero Ventura, e prendendo in considerazione l’elenco dei bollettini medici di questa stagione difficilmente l’argomento si può ricondurre sotto la voce “alibi”. Ad esempio, stoppare quel favoloso inizio da 13 punti nelle prime sei partite, arrivò una sequela importante di incidenti fisici, inaugurata dalla brutta frattura al piede di Nikola Maksimovic con la Nazionale serba a inizio settembre. E ora, proprio sul finire della stagione, Ventura deve fronteggiare una situazione che si è complicata in pochi giorni, con l’ingresso in infermeria di Acquah, Benassi e Maxi Lopez.

Benassi

MEZZALA DESTRA – Dall’inossidabile Moretti a Bovo, da Benassi a Gazzi, soprattutto Avelar e Obi: non c’è giocatore della rosa di Ventura che in questa stagione non sia incorso in uno stop per motivi fisici. Tanta sfortuna, e forse anche qualcosa da rivedere per quanto riguarda il manto erboso della Sisport, alla base di una quantità importante di infortuni di natura muscolare. Un capitolo che nell’ultima settimana si è arricchito di due nuovi episodi. Prima Afriyie Acquah, schierato contro l’Atalanta dal primo minuto in maniera un po’ “forzata”, ha subito una ricaduta dell’infortunio al bicipite femorale che si portava dietro da inizio aprile. Poi, Marco Benassi ha riportato, nella rifinitura pre-Bologna, un affaticamento muscolare al quadricipite della coscia destra. Di conseguenza, Ventura ha adattato, per il match contro i felsinei, Daniele Baselli nel ruolo di mezzala destra, lui che solitamente era sempre stato impiegato sul centro-sinistra. In difesa, invece, è recuperato Pontus Jansson, che ieri ha svolto tutto l’allenamento domenicale col gruppo. 

ATTACCANTE – Il derby di quasi un mese fa, oltre a una sconfitta larga nel punteggio e molto bruciante per come è maturata, ha portato con sè l’infortunio di Ciro Immobile. Che ieri è tornato a lavorare in parte col gruppo, ma che ben difficilmente seguirà la squadra a Roma: nel mirino, c’è la partita di domenica prossima in casa con il Sassuolo, il penultimo impegno casalingo della stagione. L’attaccante è smanioso di tornare in campo, al contempo sa bene che non è saggio accelerare i tempi più del dovuto. Ma la condizione è comunque in netta crescita. Capitolo Maxi Lopez: la lieve forma di influenza che aveva suggerito di non impiegarlo sabato a Bologna si è rivelato essere una fastidiosa tonsillite e pertanto l’argentino non sarà a disposizione per la gara dell’Olimpico. Ecco, allora, che Ventura si ritroverà con solo due attaccanti disponibili, Andrea Belotti e Josef Martinez, che formeranno certamente la coppia d’attacco a Roma.

E così Ventura si ritrova con la coperta un po’ corta a centrocampo e in attacco. Non si parla di emergenza infortuni: del resto, in questa stagione ci sono state, da questo punto di vista, situazioni ben più difficili, ma di momento di difficoltà sì. Per schierare l’armata di Spalletti, il tecnico 68enne dovrà puntare ancora su un adattato nel ruolo di mezzala destra, e in attacco non avrà alternative ai due titolari, a meno di convocare giocatori della Primavera. La speranza del Torino è che, come fatto a Bologna, il gruppo sappia reggere l’urto ugualmente.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. blubba - 9 mesi fa

    Non chiamerà nessuno dalla primavera, è troppo importante la partita di sabato con l’entella.per togliere qualcuno a longo e poi per noi la Roma ha una valenza relativa ,bisognerà solo evitare figuracce

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele abbiamo perso l'anima - 9 mesi fa

    Si, questi infortuni muscolari sono diventati un grosso problema, e non è il primo anno che capita.
    Non ci resta che sperare ancora in Belotti (se Martinez segna a Roma vado a piedi a Superga il 4 maggio)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RDS- toromaremmano - 9 mesi fa

    È già il secondo anno consecutivo che arriviamo nel finale con gli uomini contati (l’altro anno a Milano partita decisiva per l’ingresso in EL con Martinez-Amauri) ma non sarà il caso di rendere la rosa un tantino più robusta?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gdesder_704 - 9 mesi fa

      sarebbe ora, io temo che con benassi/baselli non si vada da nessuna parte, troppo deboli e fragili fisicamente. Non parliamo di obi che è sempre stato rotto, purtroppo.
      Mi auguro che vendano bene e comprino bene perchè sta squadra è mezza da rifare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. aterreno - 9 mesi fa

    Eccola la chance della vita per Martinez per non segnare per altri novanta minuti.

    Ma convocare qualche primavera?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy