Torino, ora è chiaro: tutti importanti, nessuno indispensabile

Torino, ora è chiaro: tutti importanti, nessuno indispensabile

La rosa / L’addio di Amauri sancisce la fine degli esuberi: ora ciascuno è chiamato a dare il suo contributo

2 commenti
Toro

In principio furono Prcic e Pryyma. In ultimo fu Amauri. Ecco che in meno di un mese il Torino si è liberato degli elementi meno utilizzati – definitivamente per quanto riguarda il brasiliano, temporaneamente per gli altri due. Non sono addii che movimentano la situazione della rosa granata, anzi, ma danno una chiara indicazione della direzione che il club di via dell’Arcivescovado sta intraprendendo. Una rosa snella, senza pesi di sorta, un gruppo unico che si muova con unità d’intenti.

calciomercato
Sanjin Prcic si è accasato per il resto della stagione a Perugia

Bando ai corpi estranei: ciò non significa che i partenti siano stati visti come nemici interni da epurare, ma la loro posizione, ormai chiaramente definita all’interno delle gerarchie, non dava adito a dubbi di sorta: in questo momento chiunque sia al Torino deve dare il suo contributo. Oltre ai portieri infatti, e alle mezzali (cinque per due posti), ogni ruolo del 3-5-2 è rigidamente coperto da una coppia titolare-riserva più o meno fluida – ampia la differenza tra Moretti e Gaston Silva rispetto a quella tra Bruno Peres e Zappacosta – ma costante, chiamata a tenersi pronta in ogni momento e conscia del proprio ruolo. Nessun dubbio, nessuno che si possa defilare o tirare indietro: il Toro in questo momento sono tutti i giocatori in rosa.

Zappacosta pagelle di torino-genoa
La crescita di Zappacosta insidia ogni settimana di più il posto di Peres

Chiunque potrebbe partire titolare in ogni partita. Certo, Ventura e staff dovranno fare gli scongiuri che l’infermeria non si riempia come durante il girone d’andata: questo rischierebbe di mettere in crisi una rotazione così sottile che rischia di spezzarsi da un momento all’altro. Un espulsione o un acciacco di troppo ed ecco che l’emergenza è alle porte. Per resistere, i granata dovranno essere bravi e – in parte – anche fortunati. Dal primo all’ultimo: perché da oggi, al Toro, tutti sono importanti, ma nessuno è indispensabile.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Brawler Demon - 12 mesi fa

    Su Prcic e Pryyma, si potrà valutare, con calma, in un secondo momento. Vedremo l’ucraino all’opera tra i ciociari?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Nick - 12 mesi fa

    sono d’accordo. per l’obiettivo da raggiungere erano troppi giocatori, soprattuto dopo l’eliminazione dalla coppa italia. meglio il numero giusto ma compatto e convinto. questo secondo me farà bene al gruppo e tutti si sentiranno importanti. buono per l’autostima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy