Torino, ora fare punti è ancora più difficile: arriva il ciclo di fuoco

Torino, ora fare punti è ancora più difficile: arriva il ciclo di fuoco

Volata / I granata, come quattro mesi fa, hanno perso l’occasione di dare una spinta alla loro stagione prima del momento più difficile dell’anno. Ora deve scattare qualcosa

5 commenti

Lo si era detto: tra Palermo e Carpi era necessario mettere più punti possibile in cascina, prima del freddo inverno. All’andata, in pieno autunno, la metafora climatica era quanto mai azzeccata; se oggi il tempo aiuta, certamente la situazione rimane simile a quella di quattro mesi fa, con un Torino che fallisce il bottino pieno proprio alla vigilia del momento più difficile.

Guardando il calendario della squadra granata, infatti, c’è da temere: la squadra di Ventura incrocerà, nell’ordine, Milan, Lazio, Genoa, Juventus e Inter. Fatta eccezione per i rossoblù, alle prese con una stagione non felice, si tratta di 4 tra le prime 7 squadre, a tratti molto diverse dall’andata: il Milan, ad esempio, prossimo avversario del Torino,  sembra aver perso l’aura di incompiuta di poco tempo fa, tornando squadra ostica e vincente, tanto da bloccare sull’1-1 in trasferta un Napoli che si sta giocando lo scudetto. I rossoneri paiono aver trovato la quadratura del cerchio tanto attesa, e ora puntano con convinzione le zone altissime della classifica.

Moretti durante la gara d'andata contro la Lazio
Moretti durante la gara d’andata contro la Lazio

E allora quale sarà la parte che potrà giocare il Torino contro queste squadre dalle spese – e quindi dalle aspettative – maggiori? Certamente, dovessero scendere in campo come fatto contro Verona, Chievo o Carpi, giusto per citare le ultime prestazione più deludenti, Glik e compagni avrebbero poche possibilità: ci vorrà, innanzitutto, grande abilità ad approfittare delle occasione che arriveranno, che potrebbero non essere molte. Se i granata si trovassero di fronte a un altro caso Belec, ecco che tutto riuscirebbe più difficile. Poi bisognerà a riuscire a osare quella giocata che i talenti hanno nelle loro corde ma che, a detta di Ventura, non riescono a tirare fuori. Le grandi si battono (o almeno, ci si prova) anche con quel briciolo di incoscienza che permettere di gettare il cuore contro l’ostacolo. Bisognerà, insomma, trovare finalmente la chiave giusta per fare girare un motore che si è clamorosamente inceppato dopo un ottimo avvio e che adesso, sul pendio più ripido di tutto il percorso, cerca lo sprint per cambiare volto a una stagione.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. osvaldo - 2 anni fa

    PER COME SI E’ GIOCATO NELLE ULTIME 20 PARTITE,PENSO SIA MOLTO DIFFICILE RACIMOLARE PUNTI E, SICCOME NON CREDO CHE IL BEL GIOCO,LA CONDIZIONE E UN GIOCO VERO DI SQUADRA,(UNO PER TUTTI, TUTTI X UNO),SI POSSANO TROVARE,AL… SUPERMERCATO,LA VEDO MOLTO DURA!.
    IN OGNI CASO NESSUN PROBLEMA,STIAMO TRANQUILLI,TANTO CAIRO E VENTURA SEGUITERANNO A PRENDERCI IN GIRO RACCONTANDO IN TV E SUI GIORNALI CHE SONO I MIGLIORI CHE IN 10 ANNI ABBIAMO FATTO SALTI MORTALI,CHE SARANNO “SPOSATI” A VITA BLA,BLA,BLA!
    A QUESTO PUNTO PENSO BISOGNA SPERARE CHE CI DIANO UN AIUTINO QUELLI DIETRO,ALTRIMENTO SARA’ MOLTO DURA!
    OSVALDO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. LeoJunior - 2 anni fa

    se, come credo, il problema maggiore che stiamo affrontando è da ricercare nel timore di sbagliare che sta bloccando i nostri, potrebbe essere paradossale ma azzardo che potrebbe essere più facile fare punti con le “grandi”. Sia per l’atteggiamento tattico (per noi sempre meglio aspettare e ripartire) che per la libertà di testa (più facile giocare sapendo che non devi per forza vincere). Quindi sarà difficile ma non impossibile. Se poi ci mettiamo anche un po’ di sano orgoglio ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

      Si in effetti come a ……Firenze

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. AmmaMi71 - 2 anni fa

    Visto che la speranza è l’ultima a morire, per mantenere il paragone dell’articolo io spero che nel punto più ripido della scalata venga fuori lo scalatore (alla Moser o alla Pantani ecc ecc giusto per fare un esempio) e che ingranino la marcia giusta…se no la situazione potrebbe diventare veramente assai grave per il mantenimento della categoria!…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. uassing - 2 anni fa

    1 punto credo sara’ il massimo bottino. Quindi speriamo che dietro non corrano altrimenti altro che salvezza tranquilla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy