Torino-Palermo, Vives stringe i denti: sarà ancora lui il perno centrale di Ventura

Torino-Palermo, Vives stringe i denti: sarà ancora lui il perno centrale di Ventura

Verso Torino-Palermo / Vives in campo anche contro il Palermo: terza partita consecutiva per il 35enne di Afragola

 

Giuseppe Vives da Afragola sarà ancora il leader del centrocampo del Torino, contro il Palermo di Iachini. Giampiero Ventura si affiderà ancora al suo pretoriano per eccellenza per condurre la squadra alla vittoria contro i rosanero. La scelta è obbligata, visto il forfait di Gazzi, che non è ancora al 100% della forma fisica dopo la distorsione alla caviglia rimediata due settimane fa.

TRE PARTITE IN UNA SETTIMANA – Per Vives sarà la terza partita in una settimana, la quarta consecutiva da titolare: non sarà facile, ovviamente, visti i suoi 35 anni. Stiamo parlando di un giocatore ancora in perfetta forma, molto importante per gli equilibri della squadra, che conosce a menadito il calcio di Ventura: ma per un classe 1980 affrontare tre volte i novanta minuti nell’arco di sette giorni non è certo la cosa più facile del mondo. La scelta di non acquistare un regista puro nel calciomercato estivo, però, fa sì che il ruolo di perno centrale, almeno fino a gennaio, se lo giocheranno ancora – come succede ormai da due anni – lui e Alessandro Gazzi. Il cui malaugurato infortunio sta costringendo Vives agli straordinari.

Torino FC v ACF Fiorentina  - Serie A
Vives in azione contro il viola Bernardeschi: tredici anni di età li separano (foto Getty)

IN CAMPO CONTRO RIVALI GIOVANI – Dopo la buona prova contro la Sampdoria e la meno brillante prestazione contro l’aggressivissimo Chievo di Maran, Vives – che, secondo Ventura, dovrebbe essere “venerato dai tifosi”, avrà ancora in mano le chiavi del centrocampo granata, e dovrà destreggiarsi tra “giovanotti” come Jajalo, Chochev e Hiljemark. Per farlo, dovrà ricorrere a tutta la sua saggezza e intelligenza tattica; anteponendo ancora una volta gli interessi del Torino a tutto il resto.

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Luigi-TR - 2 anni fa

    purtroppo per noi è ancora l’unico in mezzo al campo ad avere un pò di fosforo…una grossa lacuna che sono anni che i dirigenti granata non colmano…basterebbe anche un giovane di belle speranze da affiancargli, vedi Di Gennaro (ora in forza al Caglari); l’unico che può provare a prendere il suo posto, a mio modesto parere, è Obi anche se è più mezz’ala che centrocampista centrale…Forza Giuseppe…sei ancora tutti noi !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. F.V.C.G. - 2 anni fa

    ma costate scrivendo scusa,perche’ le altre squadre secondo voi non hanno infortuni? secondo me voi siete quella parte di tifosi che si lamentano sempre,specialmente adesso che ne abbiamo persa una ed abbiamo 10 punti in classifica. ma cosa volete di piu’??????? aspettate la fine del campionato x dare giudizi e tifate sempre questa squadra nel bene e nel male. rispettate il lavoro di Cairo,Petrachi e mister Ventura. grazie a loro siamo tornati a vedere il toro lottare in europa e contro le grandi. ricordatevelo sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Simone - 2 anni fa

    Ma PRCIC che cavolo l’abbiamo preso a fare se nn è degno di fare neanche 15′?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Wendok - 2 anni fa

    Che culo ! Vives, 35 anni. Già contro il chievo, a tre giorni dalla samp, ha reso al 60%. Dopo altri tre giorni, contro il palermo. Sono pessimista Circa una prova decente.
    Ma alla 5 giornata avere già 4 giocatori pit per infortuni, non fa sorgere il dubbio circa preparazione errata ? Mah,… Credo siamo la squadra tra a e b ad avere il più alto tasso infortunati. Da far pensare !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pupi - 2 anni fa

      Un menisco, una frattura al quinto metatarso ed una distorsione alla caviglia cosa hanno a che fare con la preparazione? Nada de nada.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Wendok - 2 anni fa

        Menisco e distorsione hanno a che fare con la preparazione nel senso che spesso si assumono appoggi o effettuano torsioni o appoggi dettati dalle cosiddette ” gambe molli “,… Ossia un eccesso di fatica e/o acido lattico fanno si che si possano favorire infortuni di questo genere.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Luigi-TR - 2 anni fa

          ma non diciamo fessate…menisco e distorsione con la preparazione atletica non c’entra nulla…stiamo parlando atleti professionisti eh ? non dell’uomo di 50 anni che và a giocare a calcetto il giovedì sera con gli amici al circolo ricreativo “il tempo che fù”

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pazko - 2 anni fa

    L’anno scorso facendo più partite, zero infortuni,,quest’anno un infortunio al giorno. Perché? Solo il caso ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

      L’infortunio a Maksimovic essendo una frattura non dovrebbe essere colpa della preparazione, in effetti però una partenza così lanciata non l’avevamo mai avuta, speriamo sia solo la sfiga che con noi come al solito ci vede bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy