Torino, parla Cairo: “Non voglio creare false aspettative ai tifosi”

Torino, parla Cairo: “Non voglio creare false aspettative ai tifosi”

Post Torino-Palermo 2-1 / Cairo ospite a Radio 1: “I media non ci considerano? Continuiamo così e vedrete che avremo anche noi le nostre attenzioni”

8 commenti
Cairo

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha parlato in mattinata, ospite telefonico della trasmissione Radio Anch’io Sport sulle frequenze di Radio 1. Ecco le sue parole, il giorno dopo la vittoriosa partita casalinga col Palermo:

“Ieri si è visto il cuore Toro, abbiamo una squadra di grande qualità che ci ha riportati indietro di trent’anni in quanto a voglia e spirito. Un mix di giocatori giovani e di grande prospettiva, come Baselli e Benassi, e giocatori esperti come Vives, Moretti, Bovo… Molti giocatori di qualità, soprattutto italiani (ieri avevamo 9/11 della formazione titolare di giocatori italiani” su cui abbiamo investito parecchio in una campagna acquisti importante”.

Al Presidente Cairo dove può puntare questo Torino:

“Abbiamo una squadra di ottimo livello ma formata in gran parte di giovani, su cui non vogliamo creare chissà quali aspettative. Ricordiamo sempre che abbiamo risorse differenti dalle società che si giocano le prime posizioni. Non che io non sia ambizioso, ma non voglio creare aspettative ai tifosi che poi rischiano di non essere realizzate. In questo momento siamo terzi, con 13 punti in 6 partite, otto punti dalla Juventus. Andiamo avanti così, non poniamoci limiti ma ragioniamo passo dopo passo”.

Il presidente Cairo poi viene pungolato sull’argomento Andrea Belotti, l’investimento più oneroso della sua era che contro il Palermo è rimasto in panchina:

Belotti è stato un investimento importante, ricordo sempre che è un classe 1993. Ha qualità importanti ma deve ancora entrare nei nostri meccanismi e metabolizzare bene gli insegnamenti di Ventura. Ricordo anche i primi tempi qui di Bruno Peres: oggi è totalmente un altro giocatore rispetto agli inizi. Così Maksimovic, che non giocò neppure una partita nei primi sei mesi e guardate chi è oggi. Diamogli tempo e abbiamo pazienza e anche lui soddisferà le aspettative”.

stretta mano Cairo Belotti
Cairo con Andrea Belotti (foto Chirico)

 

In trasmissione si insiste: questo Toro, che può essere paragonato al Verona del 1985, può puntare davvero in alto, a competere per il primato?

“Ricordo bene il Verona del 1985, il Torino arrivò secondo. Ma da allora ad oggi le cose sono cambiate molto: basti pensare che negli anni Ottanta hanno vinto lo Scudetto squadre come i gialloblù o la Sampdoria che ora non possono più pensarci. L’avvento dei diritti televisivi ha cambiato totalmente il calcio e negli ultimi anni hanno vinto il tricolore solo Inter, Milan e Juventus. Un motivo ci sarà…”

Il Torino, però, viaggia “sottotraccia”: da parte dei mezzi di comunicazione non c’è moltissima attenzione…

“Vero, il Torino adesso vola ma noi, anche nella considerazione dei media, non siamo considerati – ma spero lo diventeremo – come una squadra veramente al top. Dobbiamo continuare a far bene e vedrete che poi faremo sempre più rumore”.

Infine, da Cairo anche una battuta su Giampiero Ventura:

“Ventura con noi ha ottenuto le cose migliori della carriera e così il Toro con lui. La sintonia con lui e Petrachi è totale. Lo dimostra la campagna acquisti che abbiamo concluso”.

 

 

 

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ale - 2 anni fa

    Ma gli ultra della tastiera, quando vengono allo Stadio ?
    Meno di 20.000. anche ieri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toro4ever - 2 anni fa

      Questo è sicuramente l’aspetto più negativo di questo inizio di stagione… Non è possibile non riempire uno stadio da 26.000 posti con questa squadra!
      Io sono abbonato e ci vado sempre, che si lotti per la salvezza o per l’Europa… Il Toro è il Toro, sempre! A maggior ragione ora che i ragazzi ci stanno facendo veramente divertire, non mi capacito degli spazi vuoti in Curva Primavera, settore meno caro dello stadio…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …ma allo stadio ce la facciamo a fare un coro per quest uomo che ha riportato il TORO dopo 30anni nelle prime posizioni ? …l’ unico uomo sulla faccia della terra che si è presentato per salvare il TORO dall’ oblio quando lo regalavano con i punti della coop ? …o ce la facciamo solo a piangere-spalamerda quando le cose non vanno bene ? + stadio – lacrime + sostegno – divano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS - 26/04/15 Toro 2 - Merde 1 - 2 anni fa

      Comunque…………. faccio di tutti per volerti bene….. ma te veramente sei un testone…..
      fai di tutto per stare sul cazzo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Papa Urbano I - 2 anni fa

        …a giudicare da quel +30 non mi sembra di stare poi tanto sul cazzo…magari sono altri a stare sul cazzo…evidentemente…i numeri sono numeri…+ stadio – lacrime

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Papa Urbano I - 2 anni fa

    @redazione…ma esattamente da quanti anni il TORO non aveva 8 punti dai gobbi ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …6 titolari fuori Macsi, Avelar, Gazzi, Molinaro, Baselli, Peres…terzi in classifica a 2 punti dalla prima…URBANO mi sa che quest anno l hai fatta veramente grossa…mi sa il TORO + forte degli ultimi 30anni…tanta roba…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …GRANDE URBANO !!! …goditela tutta…te la meriti tutta…come il TORO in B era tutta roba tua…anche questo TORO a 8 punti dai gobbi è tutta roba tua…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy