Torino-Parma 1-2, il film della partita: “Il luogo delle ombre”

Torino-Parma 1-2, il film della partita: “Il luogo delle ombre”

La pellicola di Stephen Sommers per riassumere la gara persa contro i crociati

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

IL SOLITO ERRORE

during the Serie A match between Torino FC and Parma Calcio at Stadio Olimpico di Torino on November 10, 2018 in Turin, Italy.

during the Serie A match between Torino FC and Parma Calcio at Stadio Olimpico di Torino on November 10, 2018 in Turin, Italy.

Il Toro è in cerca di conferme dopo la straripante vittoria di Genova e Mazzarri cambia solo il necessario, sostituendo lo squalificato Meite per Soriano. Il Parma parte meglio, il Toro è molle e addormentato e subisce gol al 9′, un’altra volta per un errore tecnico: Izzo e Nkoulou pasticciano, Gervinho ne approfitta e fulmina Sirigu. Ducali già in vantaggio, dopo Napoli e Fiorentina anche il Parma approfitta di un infortunio in avvio dei granata, che in casa sbagliano più che in trasferta.

LEGGI: Le pagelle di Torino-Parma 1-2: Baselli si salva. Zaza e Soriano bocciati
LEGGI: Mazzarri: “Colpa mia. Dovevo terrorizzare i giocatori”
LEGGI: Belotti: “Non siamo scesi in campo concentrati”
LEGGI: Baselli: “Ci manca sempre il salto di qualità”

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il_Principe_della_Zolla - 6 giorni fa

    Brutta sconfitta, che ridimensiona il lavoro svolto e aggiunge dubbi ai dubbi. Fare la conta delle responsabilità, per poi distribuirle serve al tifoso, ma dovrebbe essere (speriamo che lo sia) patrimonio dello staff tecnico. Lascio perdere Cairo e Petrachi: da loro, dalle loro misere ambizioni nulla bisogna aspettarsi, il primo soprattutto c’è e purtroppo bisogna tenerselo fino a quando non deciderà di levare le tende (e non sarà mai troppo presto).
    Mazzarri e Frustalupi hanno un gran lavoro da fare, avrebbero bisogno del famoso mental coach a supporto, perché dopo 11 gare è meno momento della psicologia di recupero che quello delle scelte forti. Un esempio: Soriano cominci a vedere dall’alto degli spalti qualche partita, tanto per rendersi conto di che gioco si tiene sul rettangolo verde. Le due gare dopo la pausa contro Cagliari e Genoa sono ottime occasioni per raddrizzare la baracca, affinché il nostro campionato non finisca a gennaio come da troppo tempo accade. Cosi’ fosse, i fischi non basterebbero più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alrom4_940 - 6 giorni fa

    Dopo l’ennesima , per ora delusione, non mi azzardo in discorsi tecnici circa formazione , modulo , ecc. ma faccio delle normali riflessioni .1) Il Toro ha una rosa mediocre con dei giovani acquisti che si sono rivelati buoni ma niente più , i panchinari della Primavera non giocano mai e non sappiamo quanto possono dare in A .2) I 2 fenomeni arrivati in extremis che avrebbero dovuto farci fare il salto di qualità sono delle pippe come tutti i grandi investimenti fatti da Cairo/Petrachi : ogni tanto azzeccano qualche scommessa con degli sconosciuti ma niente più .3 ) Sono più che convinto che Mazzarri non volesse né Zaza né Soriano e ieri li ha schierati solo per zittire definitivamente tutti quelli che li invocavano in campo a fare grande il Toro ( ehm ehm ). Conclusione :un altro anno mediocre , anonimo , buttato via ma non per colpa del mister che non sarà Ancelotti ma i giocatori che ha a disposizione sono quel che sono e non si cava sangue dalle rape.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13658280 - 6 giorni fa

    x recuperare una partita contro una squadra cosi in palla l ultima cosa da fare era sperimentare il cambio di modulo nel secondo tempo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13658280 - 6 giorni fa

    io continuo a pensare a quelle due palle inattive nei primi cinque minuti tirate da far ridere i polli una da baselli e l altra ancora peggio da iago…. siamo riusciti a prendere due contropiedi da palla inattiva x noi e gli abbiamo dato coraggio… poi mi spiace ma col cambio di modulo nel secondo tempo non avevamo piu idea di cosa dovevamo fare x essere pericolosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Madama_granata - 6 giorni fa

    Partita sbagliata,con scelte in campo sbagliate. Tanta foga (non da parte di tutti) x recuperare, ma poca lucidità.
    Concordo con chi valuta Soriano, Zaza e Berenguer fortemente insufficienti.
    Però, a onor del vero, noi tifosi dobbiamo essere onesti:
    – facile, facilissimo criticare oggi le scelte di Mazzarri, ma chi, da settimane e a gran voce, reclamava, quasi pretendeva, i tre sopracitati giocatori in campo?
    – quanti commenti abbiamo letto nelle scorse settimane del tipo: “Fuori Baselli e dentro Soriano”, oppure: “Zaza in campo e Belotti in panchina”, o ancora:”Berenguer tutta la vita! Parigini ed Edera sono dei “bidoni”, degli “scarsi”, ecc..
    Vogliamo Soriano, dentro Zaza,
    Berenguer sempre titolare…
    Ora, sempre ad essere onesti, capiamo perché Mazzarri non avesse poi tutto questo entusiasmo nel metterli in campo! Forse è vero che un allenatore si avvale comunque sempre di quelli che gli danno maggiori garanzie!
    Noi tifosi, e metto me stessa in testa, quando siamo delusi, magari x un pareggio, crediamo sempre che quelli in panchina avrebbero potuto fare meglio, che con loro si sarebbe vinto..
    Ribadisco, ripeto anche a me stessa: NON POSSIAMO INVOCARE A GRAN VOCE DEI GIOCATORI E POI, QUANDO FANNO MALE, DARE TUTTE LE COLPE A MAZZARRI PERCHÉ LI HA MESSI IN CAMPO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 6 giorni fa

      Scusate, aggiungo:
      lo so che mi sto tirando un sacco di critiche, se non di insulti, che dico cose impopolari, ma ci vuole onestà intellettuale da parte di tutti noi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Kalokagathia - 6 giorni fa

    Ho letto tutti i commenti degli utenti.
    Questa sconfitta taglia le gambe a tutto l’entusiasmo accumulato del mese passato.
    A mio parere, però, interpretazioni di capitano, allenatore e tifosi non sono per nulla lucide.
    Oggi la squadra in luogo della lunga striscia di prestazioni positive era giustamente rilassata, ma non era una distensione disinteressata o superficiale. Il gruppo, preso coscienza delle loro ottime potenzialità, oggi voleva continuare dove aveva finito con la Samp ovvero alla ricerca del gioco, della giocata e della qualità. I giocatori in campo non erano addormentati ma concentrati nel tirar fuori ciò che davvero manca, non la grinta bensì la tecnica nella zona d’attacco: quale occasione migliore contro un avversario modesto come il Parma? Condivido anche il Soriano titolare: è necessario riuscire ad inserirlo negli schemi e stimolargli il ritorno del talento.
    Mazzarri per atteggiamento: NON COLPEVOLE;
    Centrocampo e attacco per atteggiamento NON COLPEVOLI;
    Reparto difensivo per atteggiamento SUPER-COLPEVOLI: loro non dovevano esser rilassati, c’era un certo Gervinho…. la difesa è stata ridicola nelle occasioni dei gol. Oggi per colpa della difesa (nessuno escluso) la squadra ha perso. Dopo il 2 a 0 era estremamente complicato creare qualcosa: giocatori disillusi (come noi tifosi) e il Parma rintanato a testuggine nella propria metà campo.
    Dobbiamo crescere SI, ma andare fuori di testa con gli scivoloni non è la via corretta; piuttosto sforziamoci di analizzare per bene le cose altrimenti si fa solo confusione. Non perdiamo la testa e continuiamo a lottare e a crederci e a dare fiducia ad una realtà che vale (è facile dare fiducia quando si vince e screditare quando si perde – non siamo la gobbadimmerda). Forza Mister e forza Toro!!!
    P.s: 1 – incomprensibile il fallo non fischiato a Lollo, ero in tribuna lì di fronte: è stato un vero scandalo. Poteva davvero essere un’occasione determinante, il fallo era chiaramente da rosso. 2 – La Maratona come sempre è stata esemplare, ha cantato e incitato a più riprese i ragazzi per tutti i 90′, spesso sembrava che entrasse in campo a gran folate per spingere in avanti la manovra. Sacrosanti i fischi a caldo per la frustrazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14036712 - 6 giorni fa

    E dato che le avversarie neutralizzano tutti i nostri schemi provati e riprovati a porte chiuse durante le sessioni di allenamento al Fila… forse sarebbe meglio farli a porte aperte, gli allenamenti, col pubblico del TORO, tale da “disturbare” qualche giocatore “distratto”! O no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy