Torino, Belotti spuntato: il Chievo e il “Bentegodi” si confermano tabù

Torino, Belotti spuntato: il Chievo e il “Bentegodi” si confermano tabù

Focus on / Prestazione insufficiente per il capitano del Toro, che ha sprecato una palla gol pesante nel primo tempo

di Marco De Rito, @marcoderito

Contro l’Inter non aveva segnato, ma era arrivata una prestazione di cuore utilissima alla squadra, unitamente ad un risultato favorevole. Al “Bentegodi”, nè l’una nè l’altro. Da Andrea Belotti ci si aspetta sempre qualcosa di più, vista la levatura del giocatore, e per questo le prestazioni deludenti come quella di Verona non passano inosservate. Per il “gallo” è stata una stagione parecchio tribolata tra gli infortuni e la delusione per la mancata qualificazione ai Mondiali dell’Italia ma nelle ultime gare è tornato il giocatore che tutti conoscono: la tripletta contro il Crotone era stato un segnale chiaro e la prestazione contro l’Inter è stata encomiabile.

LEGGI: Chievo-Torino 0-0, Mazzarri imbrigliato e prudente: Edera poteva servire prima

Contro il Chievo c’è stato un passo indietro, come del resto per tutta la squadra. La partita di ieri dell’attaccante granata è stata un po’ l’emblema del match disputato dal Torino, dimostrazione che quando lui è fuori dal match anche la squadra fatica a trovare i riferimenti. Rolando Maran gli ha creato un gabbia in difesa, di cui Belotti non ha saputo liberarsi e negli spazi stretti ha avuto diverse difficoltà, non riuscendo ad essere mai incisivo nemmeno nei fraseggi coi compagni. Soprattutto, pesa aver sprecato quella che forse è l’occasione migliore del match. Al 20′ Ljajic gli serve un ottimo pallone in area di rigore ma l’interno sinistro è strozzato e la sfera termina sul fondo.

VERONA, ITALY - APRIL 14: Ivan Radovanovic (R) of Chievo Verona competes with Andrea Bellotti of Torino FC during the serie A match between AC Chievo Verona and Torino FC at Stadio Marc'Antonio Bentegodi on April 14, 2018 in Verona, Italy. (Photo by Dino Panato/Getty Images)
VERONA, ITALY – APRIL 14: Ivan Radovanovic (R) of Chievo Verona competes with Andrea Bellotti of Torino FC during the serie A match between AC Chievo Verona and Torino FC at Stadio Marc’Antonio Bentegodi on April 14, 2018 in Verona, Italy. (Photo by Dino Panato/Getty Images)

TABU’ CHE RIMANE – Dunque una prestazione insufficiente per il capitano del Toro, dopo due gare più che positive: Mazzarri spera sia solo un incidente di percorso e che la sua crescita riprenda dal match di mercoledì contro il Milan. Il Chievo ed il Betegodi, però, si confermano ancora una volta un tabù per il “Gallo”. Nello stadio veronese l’attaccante della Nazionale non è mai riuscito a lasciare il timbro, e le gare giocate contro il Chievo senza riuscire a segnare salgono a otto, pesando anche il rigore sbagliato del match di andata. Il presidente Cairo, venerdì a San Siro, aveva rinnovato la fiducia al Gallo e aveva detto di volersi godere Belotti ancora per questa e almeno un’altra stagione: l’occasione per riscattarsi dopo l’opaca prestazione di Verona arriverà già mercoledì, contro il Milan che tanto lo aveva cercato l’estate scorsa.

 

 

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gikappa67 - 8 mesi fa

    Strano che Urbanuccio non abbia ancora detto che è orgoglioso di aver raggiunto la salvezza matematica con 6 giornate di anticipo rispetto alla fine del campionato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13658280 - 8 mesi fa

    quello ke più da fastidio è ke x l europa League le altre nn è ke erano cosi tanto piu avanti, nonostante tutte le nostre difficoltà…bastavano due o tre gol in piu nelle partite giuste, bisogna cominciare a mettere da parte gli alibi e ogni volta ke qualcuno nn fa quello ke deve fare x due partite di fila passa diretto in panca come è stato x lijajc

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 8 mesi fa

    Prima della partita avevo detto che lo 0-0 era il risultato più probabile dei risultati, con la speranza di sbloccarla nel primo tempo e di portarci a casa lo 0-1, nulla di più. Questa è stata la classica partita in cui l’avversario ti fà giocare male, che si difende in 10… anche le grandi squadre sono riuscite a battere il Chievo con una giocata di un singolo, una punizione o un rigore ed era quello che dovevamo fare pure noi. Non mi scandalizzo per questo risultato cosi prevedibile… continuo ad essere scandalizzato dalla sconfitta contro Verona e Fiorentina, due partite dove abbiamo veramente buttato via 6 punti e la possibilità di provarci fino alla fine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 8 mesi fa

      Esatto. Il fatto eclatante è che purtroppo noi arriviamo sempre tardi agli appuntamenti. Quando si deve vincere non si vince… È ci si ritrova sempre nella stessa situazione, a recriminare su ciò che poteva essere e non è stato. Solo la società ci può far fare il salto di qualità, personalmente ormai sono senza alibi, visto che neppure a gennaio hanno dimostrato la volontà di voler andare in Europa, vedremo questa estate, io ci credo poco ma spero di essere smentito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Viamiha - 8 mesi fa

        A noi seviva un allenatore
        E si è visto . Il ruolino di amrcia di mazzarri ci proietterebbe in europ. Se non lo capisci son problemi tuoi. Donsah non spostava nulla.
        Se poi belotti non segna manci con la biro e per tenerlo cairo ha accontentato tutti, rinunciando a 60 milioni che lra ci danno col binocolo forse, di chi è la colpa.
        Capisco che sei un bamboccio di otto anni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-13746076 - 8 mesi fa

      Concordo. L’EL l’abbiamo buttata via con la Spal, nelle 2 partite con il Verona, scandalose … Anche perdere così con la Viola in casa e’ stato imbarazzante. Con quei punti in saccoccia saremmo in settima posizione. Ieri era prevedibile uno 0-0.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. VG - 8 mesi fa

    Missione compiuta: decimo posto quasi blindato, pronti per l’ennesima sbiadita avventura in serie A senza correre il rischio di andare in coppa. Braccino ringrazia la tifoseria per la complicità, giocatori e dirigenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marino - 8 mesi fa

      A giugno racconterà le medesime palle e ci ricascheranno i medesimi gonzi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. VG - 8 mesi fa

        Ci puoi scommettere fratello

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ddavide69 - 8 mesi fa

    In ogni caso se devi vincere è dopo un tempo vedi che non riesci a sfondare o creare superiorità e non c è nessuno che entri in area palla al piede, devi provare ad alzare la squadra magari modificando l attacco e riprovare il 424. Almeno col Chievo si poteva azzardare

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy