Torino, per il Frosinone è solo la terza volta all’Olimpico

Torino, per il Frosinone è solo la terza volta all’Olimpico

I precedenti / Rivalità recente quella tra le due società: il primo incontro casalingo risale al 2010

Oggi è di scena Torino-Frosinone: solo altre due volte gli uomini in casacca gialloblù si sono affacciati fuori dal tunnel dell’Olimpico; certo non abbastanza per definirla una rivalità storica. Per lo più, entrambe le sfide erano in Serie B. Nel corso della sua prima stagione nel massimo campionato, dunque, il Frosinone si presenta per la terza volta sul campo dell’Olimpico.

I PRECEDENTI – Entrambe le sfide, dicevamo, si sono giocate in Serie B, entrambe nel 2010. La prima, nel ritorno della stagione cominciata l’anno precedente, si inserì nell’incredibile filotto in rimonta del Torino di Colantuono, protagonista di una serie incredibile di risultati positivi che, dopo l’avvicendamento con Beretta, permise ai granata di riportarsi nelle zone alte della classifica. La rincorsa si concluse poi con la sconfitta nella finale playoff, ma questa è un’altra storia. Sul match contro i ciociari mise un’impronta indelebile Rolando Bianchi, che realizzò una formidabile tripletta, la sua prima in maglia granata.

Rolando Bianchi ai tempi del Torino
Rolando Bianchi ai tempi del Torino

STESSO ANNO, STORIA DIVERSA – Meno dolci i ricordi del secondo incontro di quell’anno, nell’andata della stagione targata Lerda, in cui il Frosinone, che quell’anno sarebbe retrocesso come ultima in classifica, si impose all’Olimpico, uno dei due soli successi esterni della squadra: furono le reti di Sansone (sì, quel Sansone) e Lodi a rendere nullo il tentativo di rimonta cominciato da Pratali. Non fu certo una festa per il Torino, che avrebbero perso anche il ritorno con i ciociari.

È con un bilancio in pareggio, dunque, che Torino e Frosinone si preparano a una sfida che tanto dovrà dire sul loro futuro: obiettivi diversi, ma stessi stimoli.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy