Torino, per il mattatore Falque un comprensibile calo

Torino, per il mattatore Falque un comprensibile calo

Focus on / Lo spagnolo apparso stanco contro l’Inter potrebbe riposare contro l’Udinese

Commenta per primo!

Nonostante la deludente sconfitta subita nell’ultima gara contro l’Inter, il Torino fin’ora ha disputato una stagione più che positiva; con il gioco offensivo portato dal tecnico Sinisa Mihajlovic, la squadra si diverte e fa divertire il pubblico. L’attacco dei granata, per il momento è uno dei migliori della Serie A, infatti si trova al terzo posto a pari merito con la Lazio con 20 reti realizzate, dietro soltanto alla Roma che ne ha realizzati 26 e alla Juventus ferma a quota 21. Molti meriti di questa media realizzativa devono essere attribuiti a Iago Falque, lo spagnolo ex Roma con le sue 5 reti e 3 assist è uno dei giocatori più decisivi di questo campionato, sicuramente l’uomo in più del Toro insieme a Belotti.

RIPOSO CON L’UDINESE – Nella gara che si è disputata mercoledì contro l’Inter, lo spagnolo ha avuto un notevole calo di forma, apparendo apatico e fuori dal gioco, cosa che ha penalizzato molto il gioco della squadra granata a tal punto da costringere il tecnico di Mihajlovic a sostituirlo dopo 45′ per un più fresco Maxi Lopez. Un calo psicofisico di Iago Falque è una cosa accettabile, visto e considerato che il giocatore ha disputato quasi tutte le partite in questo campionato, giocando con ottimi risultati e risultando spesso e volentieri decisivo. Tanto che, nel postpartita, quando gli è stato chiesto se non si fosse pentito di aver riproposto Iago dall’inizio, Mihajlovic ha risposto glissando: “Salto la domanda per non rispondere male”.

Detto ciò, il calo di forma mostrato contro l’Inter e la voglia di Lucas Boyè – giovane argentino che in questo inizio di stagione quando è stato chiamato in causa ha sempre fatto bene – di mettersi in mostra, il tecnico Sinisa Mihajlovic nella partita che la sua squadra disputerà lunedì sera contro l’Udinese potrebbe decidere di concedere allo spagnolo un turno di meritato riposo e di schierare al suo posto il giovane argentino che ha tanta voglia di giocare e di mettersi in mostra con la maglia granata, come ha già fatto in modo incisivo quando ha dovuto sostituire Ljajic.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy