Torino, per il Pescara l’ipotesi di un centrocampo interamente under 21

Torino, per il Pescara l’ipotesi di un centrocampo interamente under 21

Verso Torino-Pescara / Abruzzesi con una mediana rivoluzionata e guidata da giovani come Verre e Valoti

Commenta per primo!

E’ all’insegna della gioventù e della freschezza atletica, al pari della difesa, anche il centrocampo del Pescara, prossimo avversario del Toro in Coppa Italia. Massimo Oddo può infatti vantare in rosa la presenza di un numero elevato di interpreti di giovane età, intenzionati ad effettuare il definitivo salto di qualità proprio tra le fila del Delfino.

NON SOLO VERRE – A tal proposito, il nome più illustre, com’è stato già analizzato in precedenza su queste colonne, è quello di Valerio Verre, centrocampista centrale o all’occorrenza trequartista di soli 21 anni reduce da un’ottima stagione con la maglia del Perugia. Oltre al talento scuola Roma, però, gli abruzzesi possono contare su un altro nuovo arrivato come Mattia Valoti, giocatore cresciuto nelle Giovanili del Milan dotato di caratteristiche analoghe a quelle dell’ex giallorosso. In forza al Verona nell’ultima stagione, Valoti ha realizzato una delle due reti con cui il Pescara ha sconfitto il Sudtirol nel precedente turno di Coppa Italia. Ancor più giovani, rispettivamente 18 e 20 anni, sono l’ex Genoa Rolando Mandragora, altro elemento di grande prospettiva che cerca nei biancazzurri un trampolino di lancio e il romeno Alexandru Mitrita, interprete dalle caratteristiche più offensive.

POSSIBILI TITOLARI – Al centrocampo pescarese non manca nemmeno un tocco latino, rappresentato dal diciannovenne spagnolo Lucas Torreira, partito titolare in cabina di regia nella sfida della scorsa settimana contro gli altotesini. In quell’occasione, la disposizione a rombo del centrocampo è stata completata dal ghanese Selasi, altro elemento di appena 18 anni con ampi margini di miglioramento. Ciò induce a pensare ad un possibile schieramento contro i granata di una mediana ancora una volta interamente composta da elementi al di sotto del loro 22° anno di età.

E UN PO’ DI ESPERIENZA… –  Non solo giovani leve, però, per la metà campo abruzzese: assente con il Sudtirol, l’albanese Memushaj è pronto a tornare in campo e a riprendersi la fascia da capitano. Insieme a lui, è quantomai opportuno menzionare l’esperto Alessandro Bruno (32 anni) e il neo acquisto Lud Nielsen, l’anno scorso in forza al Perugia.

Insomma, esattamente come per il reparto arretrato, la società abruzzese si è mossa molto sul mercato per rivoluzionare la mediana. Forse un po’ di esperienza in più non guasterebbe alla formazione di Oddo, ma la qualità e il potenziale per ritentare il salto di categoria certamente non mancano: il Torino questo lo sa ed è pronto a rispondere a tono.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy