Torino, per Martinez la chance è importante: ora sbocciare è d’obbligo

Torino, per Martinez la chance è importante: ora sbocciare è d’obbligo

Stagione al via / Nell’ultima annata l’attaccante venezuelano si è sbloccato, ora deve esplodere definitivamente

Martinez

Doveva già arrivare un anno fa la definitiva consacrazione di Josef Martinez al Torino: era attesa da tutti. Ventura e giocatore in primis. La sensazione è che quella carta non sia stata giocata al meglio e che al via della nuova annata il “può esplodere” si sia tramutato in un più impellente “deve esplodere”. Già, perché al terzo anno in granata Martinez ormai non ha più alibi, e il precampionato – insieme all’ultima parte della scorsa stagione – sta dando segnali confortanti in vista di un definitivo sbocciare del talento che il venezuelano si porta dietro da tempo.

Dopo i famigerati errori contro Empoli e Verona in inverno, le carte di Martinez sembravano ormai esaurite: attorno al giocatore si respirava un’aria di insoddisfazione per le troppe occasioni mancate. Poi, il finale di campionato privo di obiettivi per il Torino gli ha offerto ancora spazio, e stavolta l’ex Young Boys è riuscito finalmente a bucare la rete, accompagnando il costante impegno in entrambe le fasi al necessario cinismo per un attaccante. 3 reti nelle ultime 5 partite e la possibilità di giocarsi ancora una chance nella stagione a venire.

esultanza, martinez, torino-Pro vercelli

Stagione a cui Martinez si è presentato con un gol alla Pro Vercelli nel 4-1 di Coppa Italia, confermando la buona forma e i benefici derivanti dalla traslazione a sinistra nel 4-3-3 dello scacchiere tattico di Mihajlovic. Martinez non parte con i galloni del titolare inamovibile, tutt’altro: a sinistra la concorrenza di Ljajic sarà feroce, ma il venezuelano vuole dimostrare di sapersi giocare il posto e di aver imboccato finalmente la strada giusta per far sbocciare il proprio talento. Ora esplodere diventa imperativo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy