Torino-Pisa, i temi tattici: difendere sugli esterni e offendere con gli inserimenti

Torino-Pisa, i temi tattici: difendere sugli esterni e offendere con gli inserimenti

Verso il match / La squadra di Gattuso finalizza spesso la manovra grazie al lavoro dei suoi esterni offensivi Eusepi e Lores Varela. Ma che sofferenza negli inserimenti senza palla dei giocatori avversari

Commenta per primo!
Gattuso, Belotti

Il Torino andrà ad affrontare un nuovo avversario in Coppa Italia questa sera, vale a dire il Pisa di Gattuso, che con 18 punti, occupa il 15° posto nella classifica di Serie B. I Toscani arrivano da una vittoria-salvezza contro il Trapani e arrivano a Torino con la voglia di stupire contro una squadra nettamente più attrezzata sulla carta. I neroazzurri hanno delle manovre “standard” con le quali cercano di stanare l’avversario e, nonostante con soli 7 gol all’attivo siano il peggior attacco di B, possono contare su alcuni buoni profili offensivi. Per questo il Pisa non va sottovalutato, il Torino però, vista anche la differenza di categoria, dovrà fare la partita.

SPINTA SUGLI ESTERNI – Gli uomini più talentuosi del pisa sono indubbiamente sugli esterni. I due indiziati principali sono Eusepi, migliore marcatore in rosa, e Lores Varela, ragazzo giovane e talentuoso che ha saltato l’ultimo match contro il Trapani a causa di un lutto famigliare. I due sono soliti a puntare l’avversario per poi fornire cross molto insidiosi. Per questo motivo sarà importante il lavoro dei terzini granata che dovranno arginare i tosacani da subito permettendo così alla squadra di condurre i giochi senza correre troppi rischi. Da non sottovalutare, infine, sarà il grande carattere, trasmesso da Gattuso, che i giocatori hanno dimostrato di avere sul campo e che ha permesso loro di lottare su ogni pallone fino alla fine anche in situazioni difficili.

INSERIMENTI VELOCI – I granata offensivamente dovranno spingere e offendere così come stanno facendo in campionato. Grande importanza avranno gli inserimenti senza palla delle mezz’ali e dei terzini. Per mettere sotto il Pisa, che parte certamente sfavorita sulla carta, servirà inoltre una prestazione brillante da parte degli esterni offensivi Boyé e Martinez che con le loro accelerazioni e i loro dribling dovranno spaccare in due la squadra avversaria permettendo al Toro di segnare.

Il Torino parte nettamente favorito sulla carta ma, il Pisa, vista anche la grinta del suo mister, non farà certamente da vittima sacrificale questa sera. Esame importante, dunque, per il “Toro da coppa” che dovrà attaccare e mettersi in mostra, senza però dimenticare la fase difensiva.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy